Alessandra, la giurista che contribuisce a che il lavoro della Corte di giustizia non sia solo per addetti ai lavori
ALUMNI |

Alessandra, la giurista che contribuisce a che il lavoro della Corte di giustizia non sia solo per addetti ai lavori

UN'ATTIVITA' SOSTENUTA QUELLA DELL'ISTITUZIONE, COME RACCONTA L'ALUMNA, GIURISTA PRESSO LA DIREZIONE RICERCA E DOCUMENTAZIONE. MA UN'ATTIVITA' CHE VA DIGITALIZZATA E DIFFUSA E IN CUI LE SENTENZE VANNO SPIEGATE. IN NOME DELLA TRASPARENZA

“Le cause davanti alla Corte hanno coperto, nel 2022, principalmente (ma non solo) tematiche legate ai valori fondamentali dell’Unione, oltre a casi relativi alla fiscalità, alla protezione dei consumatori e alla protezione dei dati personali. Non sono mancate inoltre cause, davanti al Tribunale, che hanno riguardato la proprietà intellettuale, la funzione pubblica europea, gli aiuti di Stato e il diritto istituzionale”, afferma Alessandra Tirrito, giurista alla Corte di giustizia dell’Unione europea, già studentessa dell’Università Bocconi di Milano con una laurea magistrale in giurisprudenza (Clmg). In tutto, l’anno scorso, sono stati 1.666 i casi risolti, a fronte di un’attività giudiziaria complessivamente sostenuta, come sottolineato dal Rapporto annuale della Corte.

In particolare, Tirrito lavora presso la Direzione della Ricerca e Documentazione della Corte di giustizia dell’Unione europea; è incaricata di un duplice compito: da un lato, mettere a disposizione dei due organi giurisdizionali dell’Unione, Tribunale e Corte, le risorse in materia di diritto comparato, individuate da un’équipe formata da circa 60 giuristi di tutte le formazioni giuridiche europee, compresi gli esperti nazionali distaccati; dall’altro lato, la Direzione contribuisce alla diffusione della giurisprudenza dell’Unione grazie alla sua attività di analisi. “Contribuiamo alla diffusione digitale della Corte, sistematizzando i nostri contributi a fronte di un’attività che non solo vede aumentare il numero di rinvii pregiudiziali ma anche e soprattutto porta tendenzialmente a esami preliminari, progressivamente più approfonditi, delle domande di pronuncia pregiudiziale”, rilancia Tirrito. “Complessivamente, la Corte punta a rendere fruibile il proprio lavoro spiegando le sue decisioni a un pubblico il più ampio possibile, che non comprenda solamente gli addetti ai lavori. Quando per esempio viene riportata una sentenza, l’intenzione è rendere disponibile un documento che spieghi i passaggi cardine della sentenza e non soltanto ne riassuma i contenuti tecnici. Con questo fine, perciò, la Corte accoglie nel suo organico una serie di esperti con competenze diversificate che possono seguire l’ampia trasversalità delle materie affrontate dalla Corte stessa”.

di Camillo Papini

Ultimi articoli Alumni

Vai all'archivio
  • Chaptr Global, la startup del Kenya che migliora l'accesso all'istruzione

    Basata sul concetto del impara adesso, paga dopo, l'impresa cofondata da Cyril Michino promette di migliorare un sistema di finanziamento all'istruzione che non favorisce i giovani senza storia creditizia

  • Sudafrica: coinvolgere i consumatori in un paese con 11 lingue diverse

    Sadie de Wet, alumna Bocconi e group head of marketing di Avacare Health Group, racconta delle specificita' del mercato del paese, dove le tradizionali strategie di marketing LSM lasciano il posto alla considerazione socioeconomica dei consumatori

  • La COP28? Sara' una COP d'azione

    Parla Ragy Saro, program manager per il team Youth Climate Champion della COP28

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31