La COP28? Sara' una COP d'azione
ALUMNI |

La COP28? Sara' una COP d'azione

PARLA RAGY SARO, PROGRAM MANAGER PER IL TEAM YOUTH CLIMATE CHAMPION DELLA COP28

“Questa sarà una COP d'azione, una COP per tutti e una COP di solidarietà, unità e impatto. L'inclusione e l'empowerment dei giovani sono incredibilmente importanti. I giovani hanno una prospettiva unica sulla crisi climatica e sono cresciuti in un mondo in cui il cambiamento climatico sta già influenzando la loro vita quotidiana. Sono estremamente consapevoli dell'urgente necessità di agire”. Ne è convinto Ragy Saro, program manager per il team Youth Climate Champion (Ycc) della COP28. Lo Youth Climate Champion è l’anello di congiunzione tra la presidenza della Cop e gli stakeholder giovanili, nonché per ottimizzare il coordinamento dei giovani tra i governi e l'Unfccc (United Nations Framework Convention on Climate Change). È responsabile dell'integrazione della partecipazione e delle voci dei giovani nel processo della COP28 e della mobilitazione di input e risultati politici sostanziali per i giovani. Inoltre, svolge un ruolo cruciale nel rafforzare i meccanismi e le piattaforme di impegno formale, facilitando la condivisione di proposte politiche ben strutturate da parte dei rappresentanti globali dei giovani.

Saro racconta: “In veste di Ycc, prendo misure per garantire un impegno sostenuto per l'impegno dei giovani, non solo da parte della presidenza della COP ma anche negli anni successivi, assicurando un impatto duraturo sui negoziati sul clima. Va oltre i risultati immediati, catturando e sfruttando le migliori pratiche, le lezioni apprese e le conoscenze accumulate, migliorando così l'efficacia complessiva della partecipazione dei giovani. Lo Ycc opera attraverso la strategia Pave, che copre quattro pilastri chiave lungo l'intera catena dell'impegno giovanile nel processo decisionale internazionale: partecipazione; azione; voce; educazione.

A tal proposito, per Saro la formazione al master Emmio (Executive Master in Management delle Organizzazioni Internazionali) della Sda Bocconi è stata determinante. “Il master ha aggiunto molto valore alla mia carriera professionale; ha ampliato il mio modo di pensare al di là del lavoro di sviluppo quotidiano. Il modo in cui il programma è strutturato ti permette di uscire dalla tua zona di comfort. Mi ha fornito una serie di possibilità diverse per affrontare le sfide esistenti e prevedere quelle future. Inoltre, mi ha dato accesso a una serie di strumenti e risorse che sfrutto ancora oggi. Personalmente, mi ha permesso di entrare in contatto con una comunità eterogenea che è diventata indispensabile per me. La rete di alumni Emmio conta oltre 150 professionisti provenienti da più di 65 Paesi diversi, un patrimonio di competenze su cui poter contare per gli anni a venire”. Saro del resto è molto ottimista sui giovani: “Hanno assunto un ruolo di primo piano nell'influenzare e sostenere un comportamento responsabile nei confronti del clima, usando la loro voce per chiedere cambiamenti tangibili. I loro sforzi vanno oltre le azioni individuali, perché spingono attivamente i governi e le imprese ad affrontare le questioni climatiche. Inoltre, i giovani sono all'avanguardia nell'imprenditoria verde e nell'innovazione tecnologica, avviando progetti indipendenti che contribuiscono a pratiche sostenibili. Attraverso i loro sforzi, non si limitano alla retorica, ma si impegnano attivamente nell'azione climatica sul campo, incarnando un approccio proattivo e d'impatto per plasmare un futuro più sostenibile.”
 

di Valentina Gatti

Ultimi articoli Alumni

Vai all'archivio
  • Chaptr Global, la startup del Kenya che migliora l'accesso all'istruzione

    Basata sul concetto del impara adesso, paga dopo, l'impresa cofondata da Cyril Michino promette di migliorare un sistema di finanziamento all'istruzione che non favorisce i giovani senza storia creditizia

  • Sudafrica: coinvolgere i consumatori in un paese con 11 lingue diverse

    Sadie de Wet, alumna Bocconi e group head of marketing di Avacare Health Group, racconta delle specificita' del mercato del paese, dove le tradizionali strategie di marketing LSM lasciano il posto alla considerazione socioeconomica dei consumatori

  • Alessandra, la giurista che contribuisce a che il lavoro della Corte di giustizia non sia solo per addetti ai lavori

    Un'attivita' sostenuta quella dell'Istituzione, come racconta l'alumna, giurista presso la Direzione ricerca e documentazione. Ma un'attivita' che va digitalizzata e diffusa e in cui le sentenze vanno spiegate. In nome della trasparenza

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31