CAMPUS |

In Bocconi Emilio Isgro' cancella il debito pubblico

MARTEDÌ 16 MAGGIO LA PRESENTAZIONE DELL'OPERA DELL'ARTISTA SICILIANO, DONATA ALL'UNIVERSITÀ DA ANDREA MANZITTI E CRISTINA MANZITTI JUCKER

Un colpo di spugna simbolico al debito pubblico: è quello che Emilio Isgrò ha dato in Cancellazione del debito pubblico, l’opera che l’artista ha realizzato per la Bocconi e che è stata presentata oggi (via Sarfatti 25) nell’ambito del ciclo di eventi di Bocconi Art Gallery (BAG). La grande installazione, che rappresenta la doppia pagina di un quotidiano nel quale appaiono le sue famose ‘cancellature’, è stata donata all’ateneo da Andrea Manzitti e Cristina Manzitti Jucker.

“La ‘cancellatura’ è la metrica espressiva propria di Emilio Isgrò”, spiega Severino Salvemini, ordinario e presidente del Comitato per l’arte contemporanea in Bocconi, “una metrica che ribalta la logica del linguaggio scritto e lo rimette in discussione: sono note le sue cancellature dell’enciclopedia Treccani e, di recente, della Costituzione italiana. L’artista ci ha proposto di realizzare ad hoc per la Bocconi un’opera che evocasse l’economia e insieme abbiamo deciso di ‘cancellare’ uno dei classici economici”. Da un confronto con i docenti, tuttavia, è emersa la difficoltà di scegliere un singolo testo: “Isgrò ha avuto allora l’idea di ‘cancellare’ le pagine sul debito pubblico di un quotidiano, lasciando visibili solo i molti zeri della cifra del debito e alcuni grafici”.
 
Nato a Barcellona di Sicilia nel 1937, Emilio Isgrò è considerato uno dei grandi innovatori del linguaggio artistico del secondo dopoguerra ed è il padre indiscusso della ‘Cancellatura’ (1964). Ospite della Biennale veneziana fin dai primi anni Settanta, oltre che di musei italiani e stranieri, nel 1977 ha vinto il primo premio alla Biennale di San Paolo. Tra le sue opere più famose si ricordano l’installazione per 15 pianoforti Chopin (1979), La veglia di Bach (1985) e L’ora italiana, realizzata nel 1986 in memoria delle vittime della strage di Bologna. Nel 2008 il Centro Pecci di Prato ha proposto la retrospettiva Dichiaro di essere Emilio Isgrò, mentre è del 2009 Fratelli d’Italia, al Palazzo delle Stelline di Milano. Per le celebrazioni dell’Unità d’Italia, Marsala gli ha dedicato la mostra Disobbedisco. Sbarco a Marsala e altre Sicilie.

Scarica l'invito alla presentazione dell'opera

Scarica la foto dell'opera di Emilio Isgrò

Guarda il programma completo di Bocconi Art Gallery



di Andrea Celauro

Foto Parte BAG, cancellando il debito

Ultimi articoli Campus

Vai all'archivio
  • Chi colpisce veramente l'Iva

    Francesco Daveri, ospite di Morning Call, discute degli effetti dell'aumento dell'imposta

  • Come si difendono le frontiere senza ignorare gli obblighi umanitari?

    Ne parla Graziella Romeo in questa puntata di Morning Call, la videorubrica del Sole 24 Ore Tv

  • Longo tra i saggi che ripenseranno la sanita' lombarda

    Il docente del Cergas e' stato chiamato dall'assessore regionale Gallera a far parte di un comitato di esperti che fornira' consulenza su alcune tematiche chiave di politica sanitaria

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31