La sfida africana
FOCUS |

La sfida africana

UN CONTINENTE IN CRESCITA, NON SOLO DEMOGRAFICA, CHE CHIEDE RISPETTO IN CAMBIO DI NUOVE OPPORTUNITA' PER LA SUA POPOLAZIONE MA ANCHE PER L'EUROPA CHE DOVRA' ADOTTARE NUOVI MODELLI DI COOPERAZIONE E PARTNERSHIP

L'Africa è un continente dal potenziale reale ma anche dalla grande complessità. Dopo trent'anni di crescita in Asia e di sviluppo della globalizzazione, l'Africa è senza dubbio la nuova frontiera della crescita. Con il suo destino geografico legato all'Africa, l'Europa vede rimessi in discussione i suoi modelli analitici. Se il mondo sta cambiando rapidamente, l'Africa si sta trasformando, per certi aspetti, ad alta velocità. La posta in gioco è comprendere la diversità, le opportunità e i vincoli dell'Africa per definire una nuova era di relazioni. Non si tratta solo di sviluppare relazioni con i 54 Paesi africani. I Paesi europei dovranno costruire nuove relazioni bilaterali o multilaterali con gruppi di Paesi africani, a seconda dei loro progetti e della natura delle loro alleanze.
 
Sfide che possono nascondere opportunità
Il continente africano è indubbiamente una terra con molte sfide, che lo rendono ancora più complesso. Questioni di sicurezza regionale, conflitti armati e migrazioni climatiche hanno un impatto sulle popolazioni di molte regioni. Nel 2022, in Africa abbiamo contato oltre 40 milioni di persone sfollate a causa di conflitti e insicurezza. Anche gli impatti del cambiamento climatico hanno provocato lo sfollamento di circa 7 milioni di persone. Fuggono dall'insicurezza alimentare, dalla carestia, dalla siccità e dai disastri naturali. Tuttavia, va sottolineato che il 96% di queste migrazioni avviene all'interno dell'Africa.

Possiamo citare tre aree significative di conflitto in Africa: 1) i Paesi della regione dei Grandi Laghi, tra cui uno dei Paesi più ricchi del continente, la Repubblica Democratica del Congo; 2) i Paesi del Sahel, che stanno affrontando insurrezioni da parte di gruppi islamisti (ricordiamo che i Paesi occidentali, guidati dalla Francia, non sono stati in grado di controllare gli atti di terrore in questa regione); 3) l'Africa orientale, che ha anche la sua parte di insicurezza.
Ma tutte queste sfide non possono mettere in ombra le opportunità di sviluppo che il giovane continente offre.

leggi anchela ricerca - Lucia Cornola storia - Cyril Michino, alumnus Bocconil'opinione - Samuel Bonsu

Le opportunità sono più numerose e invitanti
Iniziamo col non limitare la nostra comprensione delle opportunità alle risorse naturali, ai minerali e alle terre coltivabili. La demografia è certamente una risorsa innegabile, poiché la popolazione africana sta crescendo in modo significativo, ma c'è ancora molto da fare per beneficiare di quello che è noto come il dividendo demografico. In generale, i Paesi africani hanno ancora bisogno di molte infrastrutture. La Banca africana di sviluppo stima la necessità di investimenti infrastrutturali tra i 130 e i 170 miliardi di dollari all'anno, con un gap di finanziamento che in alcuni anni raggiunge i 100 miliardi di dollari.
L'urbanizzazione è destinata a trasformare l'Africa nei prossimi decenni. Il numero di città è raddoppiato dal 1990 e le città sono triplicate nello stesso periodo. La pressione demografica può trasformare questa eccezionale dinamica di urbanizzazione in un'eccellente opportunità per i Paesi africani che attuano politiche pubbliche coraggiose e innovative.

L'Africa deve sviluppare la propria industria. Va detto che i Paesi africani hanno compreso la necessità di generare valore trasformando le proprie materie prime in loco. Per raggiungere questo obiettivo, questi Paesi devono impegnare questa dinamica di investimento industriale come parte delle catene del valore globali. Il Marocco, ad esempio, ha integrato con successo la propria industria in catene del valore globali come l'automotive, l'aeronautica e l'offshoring. L'Africa ha bisogno di creare più di 12 milioni di posti di lavoro all'anno per soddisfare le esigenze delle giovani popolazioni che si affacciano sul mercato del lavoro. Gli investimenti nel settore sono quindi fondamentali. Ad esempio, si osserva un trasferimento di posti di lavoro ad alta intensità di manodopera, come nel settore tessile, dalla Cina all'Etiopia.

L'Africa vede ancora, nel 2022, un aumento delle esportazioni di merci sfuse, mentre la crescita del trasporto marittimo di container è al suo apice sulla scena globale. L'Africa è l'unico continente a registrare un aumento degli scali di navi portarinfuse secche nel 2022 (+2,5%). Ciò dimostra il potenziale per la lavorazione delle materie prime e per beneficiare dello slancio dell'African Continental Free Trade Area (AfCFTA), dove il commercio intraregionale in Africa rappresenta meno del 20%. Si prevede che i soli accordi AfCFTA aumenteranno il trasporto merci intra-africano del 28% e la domanda di trasporto marittimo del 62%.

le iniziativeL'opinione - Roberto Isiborl'opinione - Andrea Collila storia - Sadie De Wet, alumna Bocconi
 
Esplorare nuove aree di cooperazione economica
L'Europa e i suoi Paesi membri devono esplorare nuovi modelli di cooperazione e adottare nuovi approcci. L'Africa è un mercato complesso, ma che suscita l'interesse di altre potenze come Cina, Russia, Brasile, Turchia, Gran Bretagna e Paesi del Golfo. I settori prioritari sono numerosi. Tra questi, l'industria agroalimentare, lo sviluppo delle energie rinnovabili, i mezzi di mobilità e trasporto, la gestione dei rifiuti.

Per riuscire a dare forma a queste nuove forme di cooperazione, i Paesi africani si aspettano rispetto reciproco nei negoziati, comprensione dei contesti e delle loro specificità, e una collaborazione incentrata sui risultati e sull'impatto sulle popolazioni. Ciò richiederà tre leve essenziali: il contributo all'istruzione professionale e superiore e la cooperazione nella ricerca; l'impegno per lo sviluppo sostenibile, considerando la diversità delle pratiche e delle tradizioni locali in Africa; il rafforzamento dell'innovazione e dell'imprenditorialità al servizio delle comunità e delle società.

In Africa, l'innovazione è ovunque e spesso è frugale. Gli imprenditori innovano e creano imprese per necessità, per colmare le lacune lasciate da comuni e Stati. Per illustrare questa dinamica e il suo potenziale, citiamo il caso della piattaforma collaborativa Ushahidi, creata in Kenya nel 2007 durante i disordini post-elettorali per consentire agli abitanti di Nairobi di spostarsi evitando le zone pericolose. Ushahidi è diventato uno strumento di mappatura utilizzato in molte parti del mondo, anche dalle Nazioni Unite. Questi imprenditori esprimono la loro audacia con semplicità: "Se funziona in Africa, funzionerà ovunque".

Ogni Paese europeo deve esplorare i propri punti di forza per reinventare le relazioni con i Paesi africani. Una delle strategie può consistere, ad esempio, nel costruire una partnership con un hub africano con un ancoraggio continentale. Può essere una leva importante che può fungere da locomotiva per facilitare le relazioni sul campo.

L'Italia ha un innegabile punto di forza nel suo tessuto di PMI, che lavorano in ecosistemi e si organizzano per espandersi a livello mondiale. Ci sono molte attività e imprese da co-costruire con gli imprenditori africani. Per farlo, dobbiamo smettere di interrogarci sull'afro-pessimismo o sull'afro-ottimismo e iniziare ad agire con afro-pragmatismo.

la storia - Moustafa Hassanein, alumnus Bocconila ricerca - Erika Deserranno e Paulina Konigla ricerca - Nicola Limodiol'opinione - Matteo Di Castelnuovo

di Thami Ghorfi, presidente dell'ESCA School of Management, Marocco

Ultimi articoli Focus

Vai all'archivio
  • L'8 marzo in Bocconi e' Changed by women

    Al via il progetto che raccoglie le storie straordinarie di 99 donne che hanno inseguito il loro sogno e cambiato il futuro. Il libro, la raccolta fondi, un programma di mentoring al femminile e un tour nel mondo che coinvolgera' la Bocconi alumni community le tappe dell'iniziativa. L'obiettivo? Scommettere sul futuro e ispirare le prossime generazioni di ragazze

  • Le nostre prigioni

    Sovraffollate, con i migranti che rappresentano il 31% dei reclusi (mentre rappresentano solo il 10% della popolazione in Italia) e con politiche che ostacolano i progetti di rieducazione dentro e fuori. Guardando gli istituti di pena con gli occhi dei detenuti (non solo stranieri) la domanda a cui e' sempre piu' difficile rispondere e': quali reati si vogliono prevenire?

  • Come e' green il diritto

    Dagli antichi romani al cambiamento climatico, dal diritto dell'ambiente a quello per la tutela delle generazioni future e dello sviluppo sostenibile: cosi' la legge diventa sempre piu' verde. Come spiega Miriam Allena, giurista della Bocconi e membro della nuova Commissione ministeriale chiamata a scrivere il nuovo Testo Unico dell'ambiente

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31