Le European Universities, un game changer nel mondo globale della formazione
CAMPUS |

Le European Universities, un game changer nel mondo globale della formazione

LA COOPERAZIONE E' ALLA BASE DI CIVICA, AFFERMA STEFANO CASELLI, PRORETTORE PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA BOCCONI E MEMBRO DELLO STEERING COMMITTEE DI CIVICA. IN QUESTA INTERVISTA CI RACCONTA COME VEDE L'INIZIATIVA DELLE EUROPEAN UNIVERSITIES COME UN PROGETTO CORAGGIOSO E RIVOLUZIONARIO, E PERCHE' SPERA CHE UN'ALLEANZA CIVICA APERTA E INCLUSIVA FAVORISCA LA CRESCITA DI BUONI CITTADINI EUROPEI E GLOBALI A BENEFICIO DELL'INTERA SOCIETA'

In qualità di prorettore per l’Internazionalizzazione della Bocconi, quale ruolo pensa che possa svolgere la cooperazione internazionale nel panorama europeo della formazione?

Cooperazione è sinonimo di istituzione europea. Non riesco a immaginare l'Europa, e non riesco a immaginare un'istituzione europea della formazione, senza un atteggiamento aperto e creativo nei confronti della cooperazione. Questo è il Dna dell'Unione Europea, ovvero l'aver costruito un'entità politica partendo da diversi background e retaggi. Le università si riflettono pienamente in questo e lavorano attivamente per fare dell'Unione Europea un'entità sociale in cui gli studenti e le generazioni future possano identificarsi come cittadini europei.
Mobilità internazionale, scambi, programmi comuni e double degree sono le parole chiave della nostra cooperazione attiva, per moltiplicare le opzioni e le opportunità per i nostri studenti di circolare in un ambiente formativo aperto. Il programma Erasmus è nato in Europa e molte altre innovazioni stimolate dalla Commissione Europea sono attualmente in corso. E le università europee sono i laboratori che promuovono l'innovazione e danno un contributo alle loro società.   

Cosa ha motivato i membri dell'alleanza CIVICA, la European University of Social Sciences, a riunirsi e qual è il valore aggiunto della nostra European University?

Tutti i membri di CIVICA avevano la stessa convinzione alcuni anni fa nell’unire le forze per lanciare una nuova iniziativa: essere pionieri e rafforzare ulteriormente il loro Dna comune di cooperazione e multilateralismo. L'iniziativa European Universities è stata qualcosa di coraggioso e nuovo, e tutti i membri di CIVICA hanno deciso di rispondere alla sfida e di esplorare qualcosa di nuovo e affascinante per dimostrare più che mai che la cooperazione conta molto.
E oggi CIVICA esiste e si spera che duri per sempre. Il nostro desiderio e la nostra ambizione sono che la nostra prima mossa come pionieri rappresenti un esempio e che CIVICA possa stabilire uno standard di alto livello per l'intera arena formativa.

La Bocconi sta coordinando il Working Package sulle offerte a livello di master (WP4). Quali sono alcune delle attività previste?

Coordinare il WP4 è emozionante, impegnativo e comporta una grande responsabilità. È un grande onore per noi lavorare con colleghi così fantastici (e, se posso, anche amici) su molti compiti rilevanti abbracciati da questo gruppo di lavoro.
Innanzitutto, collaborare su dei corsi è un'attività di grande impatto per CIVICA: passo dopo passo, stiamo individuando e lanciando corsi congiunti, ciascuno condotto da due membri CIVICA e offerto a tutti gli studenti dell'alleanza. È un segnale forte che CIVICA è attiva nella promozione di percorsi formativi per i nostri talenti.
Ma ancora più significativo è il progetto dei corsi multi-campus di Europeanship: un'esperienza di un semestre attraverso la quale gli studenti potranno beneficiare dell'impegno di tutti i partner e sfidarsi ad affrontare i temi della globalizzazione, dell'ambiente, della digitalizzazione e della democrazia. Ringrazio Enrico Letta di Sciences Po e Carlo Altomonte della Bocconi per la coraggiosa idea e per aver coordinato questo viaggio di cittadinanza globale che offriremo agli studenti.
Inoltre, un catalogo online di corsi sarà accessibile agli studenti, così come l'esperienza dei ‘Policy Labs’ che è già stata lanciata con successo a Sciences Po. Credo che sia un'agenda entusiasmante per tutti noi e che offrirà molte opportunità per i nostri studenti e le nostre comunità.
 
Come membro dello Steering Committee di CIVICA, dove vede l'alleanza tra dieci anni?

Vedo CIVICA e le European Universities come un punto di svolta. Vedo CIVICA come un grande esempio e un attore chiave nel campo della formazione globale. In un certo senso, la cooperazione è alla base di CIVICA e la nostra alleanza è una naturale evoluzione di ciò che i membri di CIVICA hanno fatto in termini di cooperazione internazionale negli ultimi decenni.
Ma il presente e il futuro di CIVICA sono molto più di una naturale evoluzione. Significano moltiplicare le energie e i punti di vista, unendo i punti di forza e i brand di grandi istituzioni europee che vogliono creare una piattaforma più ampia dove gli studenti, i docenti e il personale, così come i vari stakeholder, possono avere tutti qualcosa da guadagnare.
Credo che il formato delle European Universities possa diventare il modo distintivo dell'UE per sostenere le sue migliori università a competere in tutto il mondo e ad avere una voce forte nel mercato globale dei talenti e della ricerca.    

Quali sono, secondo lei, alcune delle sfide di CIVICA nei prossimi anni e come può l'alleanza superarle?

Viviamo in tempi difficili. I concetti di un mondo globale senza barriere e di opportunità senza limiti sono messi in discussione e non possono essere dati per scontati. Dobbiamo lavorare di più per rafforzare e migliorare il concetto di mondo globale che vogliamo per la prossima generazione.
Covid19, le guerre commerciali, le restrizioni sui visti, sono tutte questioni molto concrete che le università devono affrontare per migliorare i percorsi formativi dei loro studenti. Le risposte a queste sfide devono essere basate su due diversi livelli. Da un lato, i programmi di studio dei nostri studenti devono migliorare maggiormente per rafforzare il senso di cittadinanza globale. Unire le forze per creare corsi comuni CIVICA incentrati sui temi della democrazia, della sostenibilità, della società digitale e del cambiamento climatico sono esempi concreti per evidenziare come un'alleanza forte possa contribuire a questo obiettivo. D'altra parte, CIVICA vuole essere aperta, inclusiva e vuole ascoltare le esigenze delle nostre società per lavorare per la prossima generazione, come chiaramente indicato dalla Commissione Europea.   

Qual è il suo messaggio per gli studenti e i dottorandi di CIVICA all'inizio dell'anno accademico?

Stiamo iniziando un anno davvero unico e ora più che mai dobbiamo impegnare tutte le nostre migliori energie per dimostrare che la formazione e la ricerca sono importanti. La mia raccomandazione, passando dai giovani studenti universitari ai dottorandi, è che non si cammina da soli e non si deve camminare da soli. Il vostro impegno per migliorare voi stessi, per essere più istruiti e magari diventare ricercatori nel prossimo futuro è ovviamente un vostro investimento. Ma dovete tenere a mente due cose. In primo luogo, il vostro viaggio è possibile grazie al sostegno delle istituzioni che spendono la loro passione e le loro energie, e che lavorano insieme. In secondo luogo, la vostra formazione avrà un impatto sulla società. Il vostro talento è un beneficio per voi stessi, ma è anche un beneficio per l'ambiente che vi circonda.
Ricordate che se diventerete buoni cittadini europei e globali, darete un forte contributo al cambiamento del mondo.
 
 

di Tomaso Eridani

Ultimi articoli Campus

Vai all'archivio
  • Se consumi poco ti premio. Per non trovarsi con l'acqua alla gola

    Un progetto realizzato da tre studenti del Bemacs, nell'ambito di una competition organizzata da Ibm, si aggiudica il primo premio grazie a un'app che prevede incentivi e penalizzazioni per il corretto utilizzo dell'acqua

  • Il SIOS 2020 celebra l'anno del digitale

    Lo Startup Italia Open Summit organizzato da StartupItalia e Universita' Bocconi vede un ricco programma di incontri online sui temi imprenditorialita', innovazione e futuro. Tra gli speaker il rettore, B4i e alcuni docenti della Bocconi, il cui palco dell'aula magna fara' da hub per la giornata finale

  • Il messaggio di Angela Merkel alla Bocconi in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico

    Alla cerimonia di apertura, oggi in diretta streaming, il presidente della Bocconi Mario Monti ha letto un messaggio che il Cancelliere federale tedesco ha inviato all'Universita'

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31