Quattro cose da sapere per non ammalarsi di social media
OPINIONI |

Quattro cose da sapere per non ammalarsi di social media

LA RICERCA INIZIA A OCCUPARSI DELL'IMPATTO SOCIALE DI FACEBOOK. MA PIU' DELLE LEGGI E' LA CONSAPEVOLEZZA DEGLI UTENTI CHE CONTRIBUISCE A MIGLIORARNE L'ESPERIENZA E A ELIMINARNE I RISCHI

di Luca Braghieri, assistant professor presso il Dipartimento di scienze delle decisioni

Negli ultimi due decenni, i social media hanno cambiato radicalmente il modo in cui molte persone trascorrono il loro tempo, interagiscono con gli altri e consumano informazioni. Negli Stati Uniti, ad esempio, gli adulti trascorrono circa due ore al giorno sui social media e gli adolescenti circa cinque (Gallup, 2023).
 
Non sorprende che l'ascesa dei social media abbia scatenato una serie di accesi dibattiti. A livello sociale, eventi come il referendum sulla Brexit e le elezioni statunitensi del 2016 hanno sottolineato il timore che i social media possano contribuire alla polarizzazione politica e interrompere i processi democratici (Sunstein, 2001, 2017; Settle, 2018; Allcott e Gentzkow 2017). A livello di singoli utenti, molti si sono preoccupati che i social media possano creare dipendenza e avere effetti dannosi sulla salute mentale, soprattutto tra gli adolescenti e i giovani adulti (Twenge et al., 2019).
 
La ricerca recente ha iniziato a illuminare questi dibattiti. Una serie di studi recenti conferma il sospetto che sui social media circolino ampiamente notizie di bassa qualità e di parte (Vosoughi, Roy e Aral, 2018; Braghieri et al., 2023); tuttavia, gli effetti a valle sulla polarizzazione politica sembrano essere modesti (Allcott et al., 2020; Guess et al., 2023; Nyhan et al., 2023). La ricerca mostra anche che l'uso dei social media ha effetti negativi sul benessere soggettivo e sulla salute mentale, soprattutto tra i giovani adulti (Allcott et al., 2020; Braghieri, Levy, Makarin, 2022). Inoltre, il consumo di social media presenta caratteristiche coerenti con i modelli economici di dipendenza (Allcott, Gentzkow e Song, 2022).
 
Alla luce di questi risultati, gli utenti potrebbero chiedersi come navigare nel panorama dei social media in modo più efficace. Sebbene la ricerca fornisca indicazioni meno concrete su questa dimensione, alcuni passi comuni hanno il potenziale per migliorare l'esperienza sui social media.
In primo luogo, gli utenti dovrebbero essere consapevoli della quantità di tempo che trascorrono sui social media. La maggior parte degli smartphone offre strumenti per tracciare l'utilizzo di app e siti web, fornendo indicazioni sulle abitudini personali. Riflettere se il proprio utilizzo dei social media è in linea con le preferenze personali è fondamentale: si trascorre più o meno tempo del previsto ed è in linea con l'equilibrio desiderato?

In secondo luogo, è importante la consapevolezza dei meccanismi di cattura dell'attenzione dei social media, orientati al profitto. Le piattaforme prosperano sul coinvolgimento degli utenti, perché i loro profitti dipendono in gran parte dalla pubblicità. Gli utenti devono riconoscere che gli incentivi delle piattaforme a massimizzare il coinvolgimento a volte portano a promuovere contenuti che attirano l'attenzione nel breve periodo, ma che alla fine risultano deludenti.

In terzo luogo, è bene valutare con attenzione i contenuti con cui si interagisce sui social media. La qualità delle notizie politiche che attualmente consumate sui social media è pari a quella che avevate inizialmente previsto? Le notizie che consumate sui social media sono più di parte di quanto vorreste idealmente? Di fronte ai post che ritraggono lo stile di vita sfarzoso di una celebrità o di un amico, vi sentite meglio o peggio con voi stessi? Un impegno mirato assicura che la vostra esperienza sui social media risponda più alle vostre esigenze personali che a quelle della piattaforma.
In quarto luogo, se i social media sembrano avere un impatto negativo su di voi, una pausa può essere utile. Ricerche precedenti indicano che le persone che si astengono dai social media per un mese hanno registrato miglioramenti nel benessere.
 
In una forma o nell'altra, i social media sono destinati a rimanere. Al di là delle politiche governative volte a regolamentare le piattaforme di social media, i singoli utenti hanno la possibilità di plasmare e migliorare le loro esperienze sui social media. In definitiva, molto dipende da voi!

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Il limite della tossicita'

    Per un verso le piattaforme e i loro algoritmi sembrano assecondare la presenza di contenuti basati sull'odio o dannosi nei feed degli utenti; dall'altro, le piattaforme li hanno moderati fin dall'inizio, prima ancora delle multe. Forse la strategia redditizia per loro sta nel mezzo

  • Una difesa contro la dittatura della maggioranza

    Molte delle costituzioni del dopoguerra hanno stabilito sistemi indipendenti, come la Corte Costituzionale in Italia, che si ergono a tutela delle liberta' e dei diritti. Perche' la legge e' espressione della volonta' di molti, ma non di tutti e chi detiene il potere puo' rischiare di abusarne

  • L'arrivo dell'Ai in azienda spaventa meno i white collars

    Da una ricerca emerge che, pur con risultati diversi nella percezione, impiegati e dirigenti sono comunque meno preoccupati per il proprio posto di lavoro rispetto a quanto rileva la letteratura sui blue collars. In particolare, se appartengono ad aziende familiari

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30