L'onda rossa diventa una bassa marea
OPINIONI |

L'onda rossa diventa una bassa marea

L'IMPORTANZA DEL TEMA DELL'ABORTO, E NON SOLO DELL'ECONOMIA, E LA STELLA DI TRUMP CHE SI STA SPEGNENDO. QUELLO CHE POSSIAMO CAPIRE DAI RISULTATI DELLE ELEZIONI MIDTERM NEGLI STATI UNITI

di Lanny Martin, Professore Ordinario, Dipartimento di Scienze sociali e politiche

L'8 novembre gli elettori americani si sono recati alle urne per eleggere i 435 membri della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti e i 35 membri del Senato con 100 seggi.  Si sono tenute anche le elezioni governatoriali in 36 Stati e, cosa importante, i referendum sull'aborto in 5 Stati.  Ecco i 3 punti chiave delle elezioni.

L'’onda rossa’ diventa una ‘bassa marea’ per i Repubblicani
Nelle elezioni di midterm, il partito del Presidente perde tipicamente seggi: negli ultimi 20 anni, la perdita media di midterm alla Camera per il partito del Presidente è stata di 28 seggi. Le eccezioni più recenti a questa "regola" si sono verificate durante la presidenza di George W. Bush (2002) e quella di Bill Clinton (1998).  Prima di queste, bisogna risalire fino alla presidenza Franklin D Roosevelt (nel 1934) per trovare un'elezione di metà mandato in cui il partito del Presidente ha guadagnato seggi legislativi.
Almeno alla Camera, le elezioni di metà mandato del 2022 hanno seguito questa regola, ma non nella misura ampiamente prevista dai media, dai sondaggisti e dai modelli predittivi dominanti nella scienza politica.  Alla base delle pessime aspettative per il Partito Democratico di Biden c'è il bassissimo indice di gradimento del Presidente. Secondo un sondaggio Reuters/Ipsos pubblicato il giorno prima delle elezioni, circa il 57% degli americani disapprovava l'operato del Presidente, mentre solo il 39% lo approvava.  Gran parte della ragione del basso gradimento del Presidente è l'attuale stato dell'economia, in particolare l'inflazione, che (secondo lo stesso sondaggio) si è classificata come la questione più importante per circa il 30% degli americani.  Storicamente, indici di approvazione così bassi si traducono in perdite molto consistenti per il partito del Presidente.  Nel 2018, ad esempio, l'indice di gradimento di Trump (secondo un sondaggio Gallup dell'epoca) era del 41% e il suo partito repubblicano ha pagato un prezzo altissimo alla Camera, subendo un guadagno netto dei democratici di 41 seggi.  Allo stesso modo, nel 2010 l'indice di gradimento di Obama era del 45% e i repubblicani all'opposizione hanno guadagnato 63 seggi alla Camera. 
Su queste basi, si prevedeva che la perdita per i Democratici nelle elezioni attuali sarebbe stata enorme.  Invece, si prevede che i repubblicani conquisteranno 223 seggi alla Camera, solo 5 in più di quelli necessari per il controllo della maggioranza. Il numero esatto potrebbe non essere noto per settimane, poiché il canvassing (la tabulazione ufficiale dei voti) in alcuni Stati, come la California, ha una scadenza di un mese dal giorno delle elezioni.  Se le proiezioni saranno confermate, la vittoria di stretta misura dei repubblicani arriverà nonostante un'estrema ‘gerrymandering’ partitica - un processo attraverso il quale le legislature statali, la maggior parte delle quali è attualmente controllata dal Partito Repubblicano, determinano la forma dei distretti congressuali per il proprio vantaggio elettorale.  Nel frattempo, al Senato, i repubblicani non sono riusciti a guadagnare nulla. I democratici manterranno il controllo con 50 seggi (grazie al voto di spareggio della vicepresidente Kamala Harris) e potrebbero addirittura aumentare la loro maggioranza di un seggio dopo il ballottaggio in Georgia del 6 dicembre. Nel complesso, quindi, queste elezioni sono state una grave delusione per il Partito Repubblicano.
Non è sempre “the economy, stupid”
Con un'inflazione ostinatamente alta, tassi d'interesse in aumento e un mercato azionario in difficoltà, come hanno fatto i Democratici a fare così bene?  Gli scienziati politici hanno dimostrato che, in generale, l'economia conta meno negli anni delle elezioni di metà mandato che in quelli delle elezioni presidenziali, e certamente questa constatazione sembra valere per queste elezioni.  Ciononostante, il messaggio dominante nei media negli ultimi mesi è stato che un'inflazione elevata si sarebbe tradotta in perdite massicce per il partito del Presidente.  Una possibilità che è stata ventilata per spiegare perché ciò non sia accaduto è che gli americani non abbiano attribuito al Presidente la responsabilità dell'inflazione (associandola invece alla pandemia globale e alla guerra di Putin in Ucraina).  Ma questa idea non è supportata da sondaggi d'opinione, come quello pubblicato di recente da Newsweek, secondo cui circa il 60% degli elettori idonei considera il Presidente "significativamente" o "abbastanza" responsabile dell'inflazione.  Un'altra possibilità, che sembra molto più probabile, è che molti americani pensassero anche a un'altra questione, sulla quale i repubblicani avevano una posizione molto impopolare. 
Si tratta dell'aborto.  In una recente decisione (il caso Dobbs contro Jackson Women's Health Organization), la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato una precedente decisione della Corte (il caso storico Roe contro Wade del 1973) che stabiliva un diritto costituzionale all'aborto. La Corte Suprema è diventata un organo molto conservatore dopo la nomina di 3 giudici nominati da Trump e confermati dal Senato controllato dai repubblicani negli ultimi anni. La decisione Dobbs ha restituito la questione della definizione delle politiche sull'aborto alle legislature statali, più di una dozzina delle quali hanno successivamente (e alcune, immediatamente) posto maggiori restrizioni al diritto di una donna di interrompere la gravidanza - in diversi Stati, senza alcuna eccezione per stupro o incesto.  A livello nazionale, almeno un senatore repubblicano, Lindsey Graham della Carolina del Sud, ha proposto l'idea che il Congresso degli Stati Uniti debba emanare un divieto nazionale di aborto.  Eppure, secondo un rapporto del 2022 di Pew Research, una grande maggioranza di americani (61%) ritiene che l'aborto debba essere legale in tutti o nella maggior parte dei casi.  E secondo un recente sondaggio del Penn Program on Opinion Research and Election Studies, l'86% degli americani ritiene che l'aborto debba essere legale in caso di stupro o incesto (compreso il 76% dei repubblicani). Quindi, almeno in termini di opinione pubblica, i repubblicani sono entrati in queste elezioni dalla parte sbagliata sulla questione dell'aborto.  Come riportato da TheUpshot (un sito web pubblicato dal New York Times) nell'agosto del 2022, all'indomani del caso Dobbs, si è verificata una marcata impennata nella registrazione degli elettori tra le donne in diversi Stati.  Nel rosso Kansas, ad esempio, più del 70% dei nuovi elettori registrati erano donne, il che ha preceduto un referendum che avrebbe dato alla legislatura una maggiore autorità nel limitare l'aborto.  Quel referendum è stato sonoramente sconfitto in agosto, così come questa settimana sono stati sconfitti diversi referendum che limitano l'aborto in tutti e 5 gli Stati che hanno messo l'aborto al voto.  Un exit poll pubblicato dalla NBC ha rivelato che l'aborto è stato considerato la questione più urgente per il 27% di tutti gli elettori, non molto distante dall'inflazione (32%).  Per gli elettori democratici, l'aborto è stato considerato molto più importante dell'inflazione (46% contro 15%).  In breve, per un gran numero di elettori, le preoccupazioni per la libertà riproduttiva hanno eclissato quelle per l'economia, e questi elettori hanno probabilmente scelto in modo schiacciante i Democratici.
La stella di Trump sembra svanire, mentre DeSantis è in ascesa
Un'altra possibile spiegazione del risultato migliore del previsto dei Democratici è la continua presenza del precedente Presidente, Donald J. Trump, nel ciclo delle notizie.  Egli è stato un Presidente impopolare mentre era in carica, e lo è stato ancora di più dopo l'indagine sull'insurrezione del 6 gennaio, ampiamente coperta dalla Camera dei Rappresentanti, e la scoperta di centinaia di documenti classificati e top-secret nella sua casa in Florida. Attualmente, il suo indice di gradimento è leggermente inferiore a quello del Presidente Biden. Tuttavia, nonostante la sua sconfitta alle presidenziali del 2020, il suo contributo alla perdita del Senato nello stesso anno elettorale e il suo contributo alla perdita della Camera nel 2018, Donald Trump sembra aver solo rafforzato la sua presa sul Partito Repubblicano.  Molto probabilmente annuncerà la sua candidatura alla presidenza questa settimana in Florida.  Ciò ha naturalmente portato molti elettori ad associare i Repubblicani del 2022 all'ex Presidente, e questo ha probabilmente ridotto la loro quota di voto alle elezioni di metà mandato.
Tuttavia, i risultati delle elezioni di midterm suggeriscono anche che le possibilità di renomination di Trump come candidato repubblicano potrebbero, finalmente, essere in seria difficoltà.  Ha fatto un'intensa campagna elettorale per diversi candidati in gare molto competitive e di alto profilo, la maggior parte dei quali (non a caso) nega con veemenza i risultati delle elezioni presidenziali del 2020.  Tra questi candidati c'erano Doug Mastriano (in corsa per il governatorato della Pennsylvania), Mehmet Oz (in corsa per il Senato degli Stati Uniti in quello Stato), Trudor Dixon (in corsa per il governatorato del Michigan) e Kari Lake e Blake Masters (che speravano di diventare rispettivamente governatore e senatore dell'Arizona).  Tutti questi candidati hanno perso le elezioni.  L'unica vittoria netta di Trump in elezioni altamente competitive (almeno finora, in attesa del ballottaggio in Georgia) è stata quella di J.D. Vance (che ha vinto il seggio al Senato degli Stati Uniti in Ohio).  Parte della presa di Trump sul partito è stata la sensazione condivisa da molti politici repubblicani che egli sia un "kingmaker". Tuttavia, la perdita di queste gare di alto profilo da parte dei candidati da lui designati mette in serio dubbio questa convinzione. Mette anche in discussione il fatto che il negazionismo elettorale sarà un messaggio continuo per i repubblicani in futuro, almeno in gare molto competitive. Oltre alla questione dell'aborto, l'abbraccio del negazionismo elettorale da parte di molti repubblicani - insieme al timore di molti americani che le istituzioni democratiche e lo Stato di diritto siano stati minati da Trump e dai suoi alleati - sembra averli danneggiati tra molti elettori, in particolare tra gli indipendenti.
Nel frattempo, il governatore della Florida Ron DeSantis - ampiamente percepito come il principale concorrente di Trump per la nomination del 2024 - ha vinto la sua corsa alla carica di governatore con una vittoria schiacciante e persino nelle tradizionali roccaforti democratiche nella parte meridionale dello Stato.  Se a questo si aggiungono i continui (e forse presto peggiori) problemi legali di Trump, tra cui possibili incriminazioni penali a livello federale e statale, sembra che Ron DeSantis sia emerso come la nuova "stella" del Partito Repubblicano. Potrebbe essere il candidato alla nomination presidenziale del partito nel 2024.  A dimostrazione di questa competizione, è probabile che nei prossimi due anni aumentino le fazioni all'interno del Partito Repubblicano, che contrappongono gli aderenti al MAGA ai repubblicani "dell'establishment" sia all'interno del Congresso che nell'elettorato del partito. Questa battaglia per la leadership non lascia presagire nulla di buono per il partito nel 2024.
 
 
 
 
 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • L'impatto in tre mosse

    Riduzione delle asimmetrie informative, modularita', cocreazione del prodotto/servizio sono i fattori che misurano l'impatto potenziale di una piattaforma su un mercato. E che aiutano aziende e policy maker a confrontarsi con il settore

  • Nuovo codice degli appalti: una scommessa sulla fiducia

    L'impostazione del testo in approvazione alle Camere rivoluziona la prospettiva, mettendo da parte il principio del sospetto in favore di una maggiore liberta' di iniziativa e autoresponsabilizzazione delle pubbliche amministrazioni. Con l'obiettivo di rilanciare il paese attraverso il PNRR, come spiega Miriam Allena in questa intervista

  • Come e' coerente questa fiction! Sembra vera

    Fondative, giuridiche, giustificative, cognitive e costitutive: sono cinque le tipologie di finzioni ovvero di affermazioni consapevolmente false ma accettate per ottenere una buona conseguenza giuridica

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28