Alle origini del marchio CE
OPINIONI |

Alle origini del marchio CE

GLI STANDARD COMUNI SONO STATI ESSENZIALI PER LA CREAZIONE DEL MERCATO UNICO EUROPEO NEGLI ANNI '80 E '90, E LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLA CONFORMITA' A TALI STANDARD E' DIVENTATO UN PUNTO DI CONVERGENZA TRA LE IMPRESE E LE AUTORITA' DI REGOLAMENTAZIONE

di Grace Ballor, assistant professor presso il Dipartimento di scienze sociali e politiche

Indicando "conformité européenne" agli standard regionali per la salute e la sicurezza, l'onnipresente emblema del marchio CE determina efficacemente quali beni in categorie chiave di prodotti possono essere venduti legalmente all'interno dello Spazio economico europeo, il blocco commerciale che comprende sia l'Unione europea (UE) che l'Associazione europea di libero scambio (EFTA). Come tale, è al centro delle relazioni tra affari e governance in Europa e un potente simbolo del posto dell'Europa nell'economia globale. Ma come, quando e perché è stato sviluppato? Aveva lo scopo di regolare o sostenere il commercio regionale? Come hanno risposto le aziende con sede all'interno e all'esterno del prezioso mercato di consumo europeo? E cosa ci dicono le origini del marchio sull'economia politica del mercato unico europeo nel passato e nel presente?
 
In un recente articolo pubblicato sulla Business History Review ho attinto ai materiali degli Archivi Storici dell'Unione Europea per scoprire le origini del sistema di valutazione e certificazione della conformità agli standard europei che include l'apposizione del marchio CE. I documenti della Commissione europea e del Parlamento europeo rivelano che è stato durante gli sforzi per rilanciare l'integrazione del mercato regionale negli anni '80 attraverso un "nuovo approccio" alla standardizzazione che il processo di marcatura CE è stato sviluppato per la prima volta. La Commissione ha visto gli standard come uno strumento per liberalizzare i mercati e modellare l'ambiente commerciale della regione. Quando iniziò a sviluppare direttive per gli standard dei prodotti, tuttavia, la Commissione si rese conto rapidamente che il suo programma di standardizzazione avrebbe avuto bisogno di una riforma urgente se la Comunità Europea (CE) avesse voluto completare un mercato unico entro la scadenza del 1992. Propose un "approccio globale" snello e modulare e, attraverso la commissione per gli affari economici e monetari e la politica industriale del Parlamento europeo, cercò l'input dei gruppi d'affari che sperava avrebbero abbracciato il processo del marchio CE.
 
Nel 1990, alle associazioni d'affari con interessi significativi nei mercati europei come l'UNICE e il Comitato CE della Camera di Commercio americana, fu chiesto di commentare i moduli, lo schema di valutazione e i criteri del marchio CE dell'approccio globale della Commissione. Le loro risposte rivelano ampie preferenze delle imprese non per una minore regolamentazione e supervisione, ma piuttosto per una chiarezza ancora maggiore sul processo di marcatura CE, per un accesso equo ai test e alla certificazione dei prodotti per le aziende con sede al di fuori della CE, e per una più forte applicazione dei violatori del marchio CE. È importante, però, che le piccole imprese e le imprese statali temessero i costi della valutazione di conformità e la perdita della regolamentazione statale preferenziale. I documenti d'archivio mostrano anche che questi scambi tra le associazioni commerciali e le istituzioni europee non erano un caso di "cattura della regolamentazione"; il Consiglio ha inizialmente ignorato le raccomandazioni dei gruppi consultati. Quando prese una decisione sul marchio CE, alla vigilia della firma del trattato di Maastricht nel 1991, il Consiglio europeo adottò un approccio piuttosto protezionista, limitando l'accesso alla valutazione e alla certificazione nei paesi terzi, favorendo così le imprese europee rispetto a quelle che importavano merci nella CE da luoghi come il Giappone e gli Stati Uniti.
 
Le origini del marchio CE ci aiutano a capire i modi in cui i politici e le aziende stavano pensando al mercato unico europeo e al suo posto nell'economia globale durante gli anni cruciali del programma del 1992. I politici volevano creare un mercato interno liberale con alcune protezioni esterne, e i gruppi imprenditoriali hanno sostenuto la valutazione della conformità e la certificazione come mezzo per livellare il campo di gioco e aprire l'accesso a nuovi mercati nella regione. Il fatto che l'EFTA abbia prontamente accettato il sistema di standardizzazione dell'UE e l'uso del marchio CE posiziona questa storia per gettare nuova luce sulle dinamiche più ampie dell'economia politica europea.
 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • E l'ora delle IPNos

    Di fronte al fenomeno globale della diminuzione della quotazione di societa' sono state introdotte nuove forme alternative tra cui per esempio le SPAC. Delle forme di quotazione diretta potranno pero' verosimilmente avvalersi solo unicorns e cool kids, ossia societa' ben capitalizzate

  • La resilienza della logistica

    Prima il covid, adesso la guerra in Ucraina. La logistica internazionale soffre ma sa cambiare per superare le difficolta'

  • Tesla non e' cosi' disruptive come sembra

    Un'innovazione dirompente e' quella che le aziende consolidate ignorano perche' offre caratteristiche di performance che non interessano ai clienti esistenti, che interessano solo un piccolo segmento di mercato

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31