Al servizio del governo. Con il cuore
OPINIONI |

Al servizio del governo. Con il cuore

UNO STUDIO SUL 18F, TEAM VOLUTO DAL PRESIDENTE OBAMA, EVIDENZIA CHE LA MOTIVAZIONE CHE SPINGE PROFESSIONISTI QUALIFICATI A LAVORARE PER I GOVERNI E LE ORGANIZZAZIONI E' SOPRATTUTTO IL DESIDERIO DI FARE LA DIFFERENZA. UN'UTILE INDICAZIONE PER LE RISORSE UMANE CHE DOVREBBERO PROGETTARE LE LORO STRATEGIE DI RECLUTAMENTO E FIDELIZZAZIONE FACENDO LEVA SULLE MOTIVAZIONI PROSOCIALI

di Greta Nasi, associato presso il Dipartimento di scienze sociali e politiche

Le organizzazioni non governative stanno investendo pesantemente in tecnologie digitali per sostenere il loro funzionamento e per fornire i loro servizi. Questo aumenta la competizione per i professionisti IT altamente qualificati.

Il settore privato sembra vincere offrendo ambienti di lavoro più flessibili e stipendi più alti, mentre i governi spesso affrontano ancora un significativo divario di competenze come risultato delle incombenti ondate di pensionamento, dei cambiamenti demografici e dell'outsourcing a fornitori di servizi esterni di competenze IT altamente specializzate.
Trovare modi per attrarre talenti IT altamente qualificati è diventato fondamentale per le organizzazioni governative. Sono emerse alcune iniziative interessanti, come il Government Digital Service del Regno Unito, il Team Digitale dell'Italia (ora Dipartimento per la Trasformazione Digitale), il Canadian Digital Service, e il caso dell'amministrazione Obama che ha istituito due team di servizi digitali di alto livello. Nella maggior parte dei casi queste iniziative hanno creato degli strumenti speciali per le risorse umane per far passare velocemente persone di alto profilo dal settore privato al governo per un periodo fisso (cioè due anni). Tutte hanno attratto con successo professionisti IT da aziende come Google, Twitter, Facebook e altre organizzazioni governative e del settore privato.
L'articolo mira a capire cosa motiva i lavoratori IT ad unirsi al governo, nonostante le opzioni più attraenti al di fuori del settore pubblico per informare le politiche HR dei governi.
Abbiamo analizzato il caso del 18F, un team di servizi digitali fondato dall'allora presidente Obama e inizialmente situato presso la General Service Administration per introdurre metodi innovativi e agili per progettare la fornitura di servizi digitali nel governo federale statunitense.

Abbiamo analizzato i contenuti delle dichiarazioni di 171 professionisti IT che si sono uniti a una specifica unità del governo federale degli Stati Uniti in un cosiddetto "tour of duty" (cioè, un impiego a breve termine fino a 2 anni) per contribuire a trasformare la fornitura di servizi digitali del governo. Abbiamo cercato di distinguere gli effetti di diversi tipi di motivazioni, come le forze motivazionali estrinseche, intrinseche e orientate all'altro, sulla decisione di accettare un lavoro IT impegnativo per il governo.
 
I risultati mostrano che la maggior parte di questi professionisti di talento condivideva motivazioni prosociali comuni, incentrate soprattutto sul fare la differenza in termini di impatto sul governo, seguite dalla grandezza dell'impatto, dall'impatto sul pubblico in generale, e infine dall'impatto sul paese e sulla costruzione di software per dare ai cittadini l'accesso al governo e soprattutto un accesso equo per quei cittadini che potrebbero non aver avuto accesso prima.  Inoltre, hanno mostrato motivazioni intrinseche legate a motivi di competenza invece di creatività o innovazione. Questo non è sorprendente, dato che il soggetto potrebbe non aspettarsi grandi gradi di creatività in un ambiente burocratico come il governo federale degli Stati Uniti.
Alcuni - non tutti nel nostro campione - rinunciano a lavori ben pagati in industrie molto più agili e in rapida evoluzione per restituire al loro paese e aiutare a migliorare l'infrastruttura digitale del governo.

Alla luce dei nostri risultati, i dipartimenti delle Risorse Umane potrebbero progettare strategie di reclutamento e fidelizzazione con l’obiettivo di stimolare simultaneamente le motivazioni prosociali e intrinseche e comunicare l'opportunità di soddisfare la motivazione intrinseca lavorando con colleghi di talento su compiti tecnologicamente impegnativi che richiedono capacità di pensiero di ordine superiore, auto-direzionalità e creatività per migliorare la qualità e l'erogazione del servizio pubblico, portando benefici  in ultima analisi alla società nel suo complesso e specialmente ai cittadini meno abbienti.

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Il mito del posto fisso

    A dar la felicita' sono prima di tutto le migliori condizioni economiche e non il tipo di impiego. Quello pubblico, per la sua stabilita' e prestigio sociale, e' preferito solo dai lavoratori a basso reddito come dimostra uno studio Bocconi

  • Disuguaglianza e riforma fiscale

    Introdurre la flat tax non significa ridurre la pressione fiscale. Anzi, ridurre la progressivita' aumenta le disuguaglianze

  • Uomini e tecnologia: come dare valore all'azienda

    Mentre gli investimenti in software e manodopera qualificata fanno avanzare la frontiera di produzione dell'impresa, quelli in hardware agiscono sull'efficienza tecnica e non sono specifici di una singola realta' imprenditoriale

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31