Imparare? Un'esperienza aumentata
OPINIONI |

Imparare? Un'esperienza aumentata

NUOVI METODI, NUOVE TECNOLOGIE, NUOVI CONTENUTI E NUOVE INTERAZIONI: PERCHE' LA DISTINZIONE TRA LEARNING E ELEARNING NON HA PIU' SENSO E COME SI CREANO PERCORSI ADATTIVI E PERSONALIZZATI

di Leonardo Caporarello, direttore di Bocconi University Innovation in Learning and Teaching

A tutti i livelli, il modo in cui insegniamo e quello in cui apprendiamo stanno cambiando. Si tratta di una trasformazione che riflette una più ampia evoluzione nel contesto economico e sociale, di cui dobbiamo ancora cogliere appieno le implicazioni. Senza voler cadere in rappresentazioni stereotipate, è indubbio che l’affermarsi delle nuove tecnologie digitali, sempre più pervasive, costituisce un elemento di discontinuità rispetto al passato. E il loro impatto appare tanto più rilevante se consideriamo le caratteristiche distintive delle generazioni che più di recente si sono affacciate nelle aule scolastiche e universitarie: dai millennials della generazione Y ai primi veri “nativi digitali" della generazione Z.
In questo quadro fortemente dinamico, a cambiare sono inevitabilmente anche le capacità e le competenze richieste per lo sviluppo personale e professionale. A ricordarcelo ci sono numerosi report e documenti di agenzie e organizzazioni internazionali, Unione europea in primis: per esempio la Raccomandazione del Parlamento e del Consiglio dell’Unione europea dedicata alle competenze chiave per l’apprendimento permanente. Nel panorama attuale, è infatti indispensabile disporre non solo della conoscenza di più lingue straniere e di competenze digitali costantemente aggiornate, ma anche (e soprattutto) di un ampio set di skill trasversali: tra queste, la capacità di apprendimento, di pensiero critico, di problem solving, di lavoro di gruppo e lo spirito di iniziativa.

In parallelo all’evolvere della domanda di competenze, assistiamo a una trasformazione molto rapida nelle teorie, nei metodi e nelle tecniche formative. È il paradigma stesso di apprendimento a segnare una rottura col passato: alcune categorie – prime fra tutte quelle di learning ed elearning intese come attività separate e contrapposte – sembrano perdere di senso, mentre acquistano sempre maggiore salienza nuovi concetti, come quelli di mobile learning (dove la mobilità può essere tanto quella del device quanto quella del discente), game-based learning (in cui l'enfasi è posta sul lavorare assieme per raggiungere un obiettivo in un contesto strutturato come un gioco) e blended learning (per cui è appunto la distinzione stessa tra apprendimento tradizionale e digitale a essere superata, in una nuova sintesi all'insegna dell'ibridazione che responsabilizza lo studente). Il cambiamento è trasversale al processo di apprendimento e impatta su di esso attraverso quattro diverse dimensioni.
La prima dimensione è quella della metodologia: stiamo andando verso la costruzione di percorsi formativi sempre più adattivi e personalizzati, sulla base della specifica situazione e delle esigenze del singolo studente. Con l'ausilio delle nuove tecnologie, possiamo supportare gli studenti/partecipanti lungo l'intero processo di apprendimento: non solo durante l’esperienza d'aula, ma anche a monte e a valle della stessa. La seconda dimensione è quella tecnologica: l'uso dei nuovi device può non solo migliorare le attività formative face to face, ma anche contribuire a costruire interazioni inter-aula e a estendere l'aula in modo virtuale, su una scala potenzialmente globale. La terza dimensione è quella dei contenuti: nel nuovo scenario si rende necessario un aggiornamento sempre più frequente e sempre più rapido dei programmi didattici. Infine, la quarta dimensione è quella sociale: un elemento distintivo del processo didattico di oggi è l’affermarsi di nuove forme e modalità di interazione tra partecipanti e docenti, sia di persona sia in remoto, sia in real time sia in modalità asincrona.

Alla luce di queste dinamiche evolutive, i processi di apprendimento possono essere meglio compresi se pensiamo a essi come a vere e proprie esperienze. L'impiego delle nuove tecnologie arricchisce queste esperienze, rendendole sempre più “aumentate", adattive e personalizzate, e consentendo di declinarle sulla base di un approccio multidirezionale: non più quindi secondo la tradizionale logica dell’insegnamento frontale da-uno-a-molti, ma incoraggiando un coinvolgimento attivo costante dei partecipanti. È in queste direzioni che si esplica l’attività di ricerca e sviluppo del nostro ateneo sul fronte della didattica, attraverso strutture come il Bocconi University Innovations in Learning and Teaching (BUILT) e il Learning Lab di SDA Bocconi: un impegno che riguarda sia la preparazione della faculty sia la progettazione e realizzazione di forme di didattica online e blended, e che include la creazione di esperienze di apprendimento virtuali, l’uso dei big data per comprendere i pattern di apprendimento degli studenti e l’impiego di tecniche di gamification.
In tutto ciò l'aula rappresenta tuttora il contesto cruciale per ampliare l'esperienza formativa: è in aula che è possibile coinvolgere con successo i discenti in attività di sperimentazione, confronto, analisi e discussione, andando incontro alle loro esigenze e contribuendo alla loro crescita.

Per approfondire
Quando la tecnologia non basta
Come la vedono gli studenti
Se l’apprendimento è un gioco
Le business school imparino da Netflix

 
 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Perche' lo stile command and control di Trump sara' perdente

    Le sfide e il contesto globale che viviamo richiedono un approccio collaborativo e non competitivo. Che necessita di tempi piu' lunghi e che all'inizio, in comunicazione, potrebbe essere meno efficace

  • Buone notizie: invecchieremo

    La quota di popolazione oltre i 65 anni e' in continua crescita in tutto il mondo, con Giappone, Italia e Germania a fare da apripista e da laboratorio di innovazione. Perche' il fenomeno puo' essere visto anche come un'opportunita', che puo' essere colta solo con cambiamenti radicali

  • Quei prototipi esagerati, studiati per catturare il consumatore

    Far parlare del brand senza pero' cannibalizzare il prodotto, ma anche preparare il pubblico alle novita' stilistiche delle nuove stagioni. Dalle concept car alle case di moda, a ciascuno la sua strategia

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30