La geopolitica delle crisi
PERSONE |

La geopolitica delle crisi

A RIDISEGNARE IL MONDO E LE RELAZIONI TRA STATI SEMPRE DI PIU' SARANNO QUELLE CHE IAN BREMMER, ANALISTA GEOPOLITICO E AUTORE DE IL POTERE DELLA CRISI (EGEA), DEFINISCE CRISI GOLDILOCKS: PANDEMIE SANITARIE, CAMBIAMENTO CLIMATICO E IMPATTO DELLE NUOVE TECNOLOGIE. LA COLLABORAZIONE TRA GOVERNI, MA ANCHE TRA AZIENDE E CITTADINI, LA VIA D'USCITA

Negli ultimi tempi le persone hanno attraversato molte crisi globali e ora la percezione generale è quella di vivere una nuova guerra fredda. Inoltre, sembriamo condannati a vivere ora in un mondo multipolare con molte superpotenze, un rischio maggiore di guerre e diversi altri Paesi in un sistema a geometria variabile. Ma, nonostante tutto questo, ciò di cui abbiamo bisogno per costruire nuove opportunità di pace e di benessere complessivo è un'altra crisi: quella di Goldilocks, secondo la tesi di Ian Bremmer, analista geopolitico, fondatore e presidente della società di rischi geopolitici Eurasia Group, editorialista di molte riviste e quotidiani internazionali (da Time al Corriere della Sera) e autore di Il potere della crisi (Egea, 2022, 216 pagine, 22,5 euro), ora in libreria. La crisi Goldilocks non è una crisi specifica, legata a un tema specifico (il crollo geopolitico o il cambiamento climatico), ma potrebbe essere ogni prossima crisi. L'importante è la sua intensità: forte ma sempre aperta a una soluzione, perché la crisi Goldilocks è "abbastanza spaventosa e pericolosa da costringere i governi a lavorare insieme sulle sfide più importanti che devono affrontare, ma non così distruttiva da paralizzare i governi e rendere impossibile la cooperazione", spiega a viaSarfatti25 Bremmer. Le ultime crisi non ci hanno insegnato abbastanza? "Non tutte le crisi sono potenzialmente utili. La crisi finanziaria globale ha ispirato una cooperazione immediata, ma non ha inflitto danni abbastanza duraturi da costringere i governi a risolvere i problemi", dice Bremmer. "La pandemia, invece, ha ispirato la cooperazione tra alcuni governi e tra organizzazioni non governative che possono collaborare a livello transfrontaliero per la ricerca e la distribuzione dei vaccini. Ma il continuo puntare il dito tra Washington e Pechino dimostra che la cooperazione rimane limitata".
 
Lei vede tre crisi più importanti: i prossimi virus, il cambiamento climatico e le nuove tecnologie. Pensa che il cambiamento climatico sia la crisi Goldilocks, in grado di promuovere una maggiore cooperazione e di portarci a una situazione politica ed economica migliore?
Le crisi di salute pubblica sono difficili da gestire perché molti governi e persone credono che possiamo convivere con questa minaccia senza i grandi investimenti necessari per migliorare la condivisione delle informazioni e gli oneri della risposta alle emergenze per i Paesi che non hanno le risorse per proteggere la loro popolazione. Il cambiamento climatico è la sfida più ovviamente globale e universalmente condivisa. Questo è sicuramente positivo. La parte tecnologica della storia è la più spaventosa perché la minaccia non è abbastanza riconosciuta.
 
Cosa intende dire?
Non sto dicendo che gli sviluppi tecnologici come l'intelligenza artificiale (AI) siano negativi per il mondo. Ma prima di iniettare a un gran numero di persone un nuovo vaccino, ne verifichiamo rigorosamente la sicurezza. L'intelligenza artificiale, i social media, le armi digitali e i progressi dell'informatica quantistica vengono iniettati nelle nostre società senza i test necessari per comprenderne gli effetti. Dobbiamo comprendere meglio ciascuno di essi e ciò richiede accordi tra le nazioni su alcune questioni fondamentali ma importanti. Gli sviluppi tecnologici possono trasformare le nostre vite in modi appena visibili e perché non c'è consenso, come ora per il cambiamento climatico, sul fatto che c'è un problema che deve essere risolto.
 
Anche se affrontiamo le tre crisi alla volta, un mondo con quattro superpotenze (Stati Uniti, Unione Europea, Cina, Russia) sembra essere meno prevedibile che in passato...
Una precisazione: La Russia non è una superpotenza. Nei prossimi anni, l'invasione dell'Ucraina taglierà fuori quasi completamente la Russia dalle economie sviluppate del mondo. I controlli sulle esportazioni di tecnologie critiche avranno effetti pesanti nei prossimi anni. E quanto più l'economia globale si muove verso un futuro verde, tanto più alto sarà il prezzo che la Russia pagherà per la sua incapacità di diversificare la propria economia dalla profonda dipendenza dalle esportazioni di petrolio e gas. La sua potenza militare sarà esaurita per una generazione. Con questa avvertenza, America, Cina ed Europa domineranno il prossimo decennio. Il ruolo degli Stati Uniti rimarrà principalmente di sicurezza. Continueranno a essere l'unico Paese in grado di proiettare la potenza militare in ogni regione del mondo. L'Europa sarà soprattutto una potenza di mercato e di regolamentazione, perché rimarrà il più grande mercato libero del mondo e creerà un precedente nella creazione di regole che aiutino il mondo a muoversi verso un futuro più verde e a considerare seriamente i diritti dell'individuo in relazione alle nuove tecnologie. La Cina, insieme agli Stati Uniti, rimarrà il principale innovatore tecnologico.
 
Lei suggerisce che la soluzione consiste nel promuovere un'alleanza pragmatica tra gli Stati. Da dove inizierebbe a costruire questa alleanza?
La cooperazione inizia sempre tra alleati che la pensano allo stesso modo. L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia è un esempio di crisi che per ora ha avvicinato Europa e Stati Uniti come non accadeva da decenni. Si pensi ai cambiamenti avvenuti quest'anno in Europa che sarebbero stati impossibili prima di febbraio, sulla politica energetica, sull'espansione della Nato... Penso che questi cambiamenti siano stati nel complesso fortemente positivi e la loro rapidità poteva essere raggiunta solo da alleati capaci e che la pensano allo stesso modo. La speranza è che il successo della cooperazione su alcune questioni particolarmente importanti da parte degli alleati possa convincere i non alleati a offrire una cooperazione limitata. Non è necessario che i governi siano d'accordo sui valori politici o economici per lavorare insieme alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica e per garantire che una corsa agli armamenti nel cyberspazio non metta in pericolo l'intera economia globale. In Il potere della crisi, chiedo la creazione di un'Organizzazione mondiale dei dati che possa stabilire regole di base sull'uso dei dati personali da parte del governo e del settore privato, in modo simile a come il commercio è ora regolato dall'Organizzazione mondiale del commercio.
 
Quale ruolo possono avere le aziende, soprattutto i grandi gruppi tecnologici, per promuovere la stabilità e la cooperazione internazionale?
Le grandi aziende tecnologiche dovranno ridefinire i propri interessi. Se iniziano a vedersi come "campioni nazionali", avranno chiari incentivi a non promuovere la cooperazione transfrontaliera. Se continueranno ad affermare il loro dominio normativo nel mondo digitale e a creare nuovi prodotti senza tener conto del loro impatto sulla società globale, la loro influenza potrebbe diventare catastroficamente distruttiva. Se invece useranno il loro potere economico per mantenere un mercato globale e investiranno in prodotti che sostengono il commercio globale, potranno svolgere un ruolo vitale nell'aiutare le persone.

di Camillo Papini

Ultimi articoli Persone

Vai all'archivio
  • Emanuele Parise, al lavoro per guidare i non vedenti nel Campus

    Il 43enne, in forza allo staff dell'Inclusion Service dell'Universita', racconta la sua attivita', con la creazione di un sistema di radiofari nelle varie zone della Bocconi e l'impegno per promuovere la piena accessibilita' digitale. Ma ricorda anche quanto l'inclusione sia una questione di cultura

  • Fatima, la determinazione di istruirsi oltre ogni ostacolo

    Fin dall'infanzia come pastora, l'afghana Fatima lotta per emanciparsi. Sfuggita dal paese dopo che i Talebani hanno preso il potere, si trova ora in Bocconi grazie a una borsa di studio

  • Kristina, felice di vivere un po' di normalita' a Milano

    A marzo fugge dalla sua casa in Ucraina per la seconda volta nella sua vita e ora si trova in Bocconi grazie al programma per accogliere studenti rifugiati

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31