Dalle vie malfamate alla musica: il Distretto Creativo del Bronx di Bogota' lancia un messaggio forte
PERSONE |

Dalle vie malfamate alla musica: il Distretto Creativo del Bronx di Bogota' lancia un messaggio forte

L'ALUMNA MONICA RAMIREZ HARTMANN PARLA DELLA SUA ESPERIENZA COME PROJECT MANAGER NEL RINNOVAMENTO URBANO IN COLOMBIA

Nel 2016, 2.000 agenti di polizia hanno ripulito le vie malfamate del centro di Bogotá, noto come "il Bronx". Hanno arrestato trafficanti di droga e bande, spianando la strada a edifici da demolire. Dal 2018, il Distretto Creativo del Bronx, finanziato dalla città, ha sviluppato un piano per trasformare l'area in una destinazione per concerti ed eventi. La città ora pianifica uno sviluppo a uso misto di negozi e uffici che ospiteranno industrie creative.
L'alumna della Bocconi Monica Ramirez Hartmann, ex Project Manager del Bronx Creative District, condivide la sua esperienza come leader del cambiamento.

Come può la cultura aiutare a ringiovanire una città?
Una volta sgomberata l'area, la città avrebbe potuto scegliere di costruirvi un ufficio o una scuola. Ma la cultura consiste nell'attrarre le persone a partecipare al cambiamento. Non è "quello che il governo può fare per me". È quello che possiamo fare insieme.

Che tipo di condizioni devono esserci perché il rinnovamento culturale funzioni? 
La prima cosa è sicuramente la volontà. Il sindaco di Bogotá Enrique Peñalosa ha davvero spinto il progetto. Secondo, lavorare insieme. Ogni grande progetto ha bisogno dell'aiuto di molte agenzie diverse. L'unico modo in cui una cosa del genere può accadere è quando si rema tutti nella stessa direzione. Infine, a questa scala, una buona comunicazione. Dovevamo convincere i cittadini che questo cambiamento era importante per le prospettive a lungo termine della città.

Come avete superato lo scetticismo e la gente che dice che non si può fare?
Lo dicevano tutti! Parte della sfida era dimostrare che si poteva. Se continuiamo a fare sempre tutto nello stesso modo, otteniamo sempre gli stessi risultati. Avevamo davvero bisogno di qualcosa di diverso in questo posto. Il divario tra il luogo in cui ci trovavamo e ciò che volevamo era enorme. Abbiamo studiato progetti in tutto il mondo, soprattutto in Europa nei quartieri storici del centro. Sapevamo di non essere pazzi e sapevamo che aveva funzionato.

Quali erano gli altri progetti che avete studiato?
Abbiamo studiato 17 distretti creativi. Quello di Lisbona è stato davvero interessante per noi. Lisbona non è una delle più grandi capitali europee, ma la città è diventata davvero interessante e attraente proprio grazie a quello che hanno fatto. È stato molto interessante per noi vedere quel cambiamento. E Bogotà è una città super creativa, siamo pieni di talento. Tutto si muove intorno all'arte di strada. Quindi, aveva senso.

Come avete attirato la gente a venire in questa zona?
Ho convinto il sindaco ad aprire di nuovo la strada. Poi, una volta inviato il messaggio che la strada era aperta, ho deciso di tenere un concerto lì. Il messaggio era: "Venite, appartiene alla città, fate parte della nuova visione che abbiamo per questa zona". Ci aspettavamo 500-1.000 persone e ne abbiamo accolte quasi 6.000. Siamo stati i primi ad essere sorpresi!

Qual è lo stato del progetto ora? 
Il primo anno, il 2018, è stato una fase di lancio e posizionamento. Far decollare l'idea e far uscire il messaggio. L'anno scorso abbiamo ricevuto 60 milioni di dollari di finanziamenti dal Tesoro e dalla città. Abbiamo aperto una gara d'appalto per il settore privato, ma non abbiamo ricevuto alcuna offerta. Il mercato non era pronto.  La città lo svilupperà ora come area ad uso misto,e deciderà poi se gestirlo direttamente o in partenariato pubblico-privato.

Lei è stata nominata di recente Direttore Generale della neonata Corporación Colombia Crea Talento, l'Agenzia Nazionale per lo sviluppo dell'Economia Creativa in Colombia. Quali sono i suoi piani per il futuro?
Ho la responsabilità di raccogliere fondi attraverso investitori privati che riceveranno una detrazione fiscale del 165% quando investiranno in progetti legati alle industrie culturali e creative. Il nostro obiettivo è quello di generare crescita e contribuire allo sviluppo socio-economico per gli stakeholder dell'economia creativa in tutto il paese.
 
Box
Monica Ramirez Hartmann ha conseguito un MBA alla SDA Bocconi nel 2001. Oltre al titolo in Bocconi, ha completato il programma Global Change Agents presso la John F. Kennedy School of Government di Harvard nel 2016.  Attualmente è direttore generale della Corporación Colombia Crea Talento, l'Agenzia nazionale colombiana per lo sviluppo dell'economia creativa, di recente creazione, dopo essere stata direttrice del Ministero della Cultura colombiano da febbraio a luglio 2020. Ha iniziato a lavorare al progetto del Distretto Creativo del Bronx nel 2017 dopo una carriera nel marketing e nello sviluppo commerciale. "Quando il sindaco di Bogotá mi ha chiamato per entrare nel suo gabinetto, gli ho detto che non ero un’esperta di città. Ha detto: "Non ho bisogno di un esperto; ho bisogno di un manager". Era così semplice e chiaro. La Bocconi mi ha dato un'ampia visione di come le cose possono andare bene in un'organizzazione. Ti aiuta a vedere come funzionano le cose separatamente e come collegarle per creare un insieme".

di Jennifer Clark

Ultimi articoli Persone

Vai all'archivio
  • L'autobus flessibile riaccende i motori dopo il lockdown

    Andrea Incondi, managing director per l'Italia di Flixbus e alumnus Bocconi racconta quali strategie hanno permesso all'azienda di trasformarsi nella realta' europea che e' oggi e di ripartire dopo lo stop forzato di inizio 2020

  • Pizza si', ma americana

    Digitale, resilienza e contactless delivery in tempo di Covid: cosi' Domino's Pizza, di cui e' ceo il bocconiano Alessandro Lazzaroni, puo' far breccia nei cuori degli italiani. Anche in tempo di Covid

  • L'emergenza non ferma l'innovazione, la accelera

    La necessita' di limitare i contatti e la nuova normalita' hanno dato una spinta ulteriore alla digitalizzazione della relazione con gli utenti, racconta Arrigo Giana, dg di Atm e alumnus Bocconi

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31