Giorgio Sacerdoti decidera' nella controversia tra Ue e Ucraina
PERSONE |

Giorgio Sacerdoti decidera' nella controversia tra Ue e Ucraina

IL PROFESSORE DELLA BOCCONI, INSIEME AD ALTRI DUE MEMBRI, CHIAMATO A DECIDERE IN MERITO AL BLOCCO DELL'ESPORTAZIONE DI LEGNAME DECISO DALL'UCRAINA

Giorgio Sacerdoti, professore emerito dell’Università Bocconi, dal 2001 al 2009 membro della Corte d’appello del WTO, è stato chiamato dalla Commissione Europea a far parte del panel arbitrale (con lo svizzero Christian Häberli e l’ucraino Victor Muravyov), costituito in base all’Accordo di associazione Ue-Ucraina, per una controversia relativa al blocco dell’esportazione di legname introdotto dall’Ucraina verso i paesi membri dell’Ue. “La mia nomina per questo incarico si fonda sulla mia competenza nel campo del diritto del commercio internazionale quale ex giudice dell’Organo di appello del WTO, quest’ultimo oggi purtroppo paralizzato dal veto degli USA alla nomina di nuovi giudici”, spiega Sacerdoti.

“E’ la prima volta che l’Unione Europea intraprende la via dell’arbitrato in base ad un accordo bilaterale per contestare una misura di un partner considerandola contraria agli obblighi dell’accordo. Se il panel deciderà in tal senso l’Ucraina dovrà tornare sulla propria decisione”. Secondo l’Accordo l’arbitrato dovrà concludersi in 150 giorni, cioè entro fine giugno, e l’udienza – aperta al pubblico - si terrà a Kiev.
 

di Davide Ripamonti

Ultimi articoli Persone

Vai all'archivio
  • La soluzione e' nei dettagli

    Il Covid19 siamo noi, la sua forza e' nei nostri comportamenti, la sua possibilita' di diffondersi dipende dalle molteplici variabili che caratterizzano le nostre citta'. Per questo, non solo e' difficile fare previsioni semplicistiche, ma e' necessario adottare un approccio multidisciplinare, racconta la direttrice del One Health Center della Florida e membro dello Iac Bocconi, Ilaria Capua

  • Il virus si vince con la contaminazione. Dei saperi

    Ne e' convinta Alessia Melegaro, demografa e direttore del Covid Crisis Lab. Una contaminazione e un network che devono essere costruiti in tempo di pace perche' e' difficile da improvvisare durante l'emergenza. Ecco perche' il nuovo Lab e' prima di tutto un modello perche' oggi abbiamo una parola che ci accomuna che e' Covid, ma domani potrebbero essere anche altre

  • Milano Pavia andata e ritorno

    Sofia Curone studia alla Bocconi e al Conservatorio di Pavia e nel poco tempo libero suona il sax. Finita l'universita' si immagina nel Terzo settore, in ambito musicale e culturale

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31