Ora scegliamo noi gli investitori
PERSONE |

Ora scegliamo noi gli investitori

MOTORK, START UP DEL SETTORE AUTOMOTIVE FONDATA DA MARCO MARLIA, E' OGGI AI VERTICI DEL MERCATO NAZIONALE MA PUNTA FORTE SULL'INTERNAZIONALIZZAZIONE

«Nel round di equity di tre anni fa la caccia agli investitori fu durissima. Il mercato italiano, nel quale MotorK era già presente, contava poco e gli stranieri non erano interessati. Il futuro round di serie B sarà più semplice perché oggi possiamo definirci una established company e siamo sui radar di molti investitori. Abbiamo dunque una lista di persone che possiamo contattare e saremo noi a scegliere». A descrivere la parabola  dell’azienda da scale up al suo stadio successivo è Marco Marlia, 40 anni, una laurea al Clefin, fondatore e Ceo di MotorK, proprietaria di DriveK, piattaforma online di comparazione auto e società di consulenza digitale per concessionari e case che vogliano sfruttare al meglio le potenzialità del web. «Quando abbiamo cominciato il settore automotive era ancora molto tradizionale, pesava sull’economia reale e pochissimo sul digitale; la soglia sul web era dunque abbastanza bassa, a portata anche di chi non avesse grandi capitali iniziali», ricorda il manager. Progetto, business plan e strategie azzeccate portano MotorK rapidamente ai vertici del mercato nazionale, attirando 10 milioni di euro di investimenti e ponendo le basi per un’espansione oltre confine.
«Oggi la sfida più grande è l’internazionalizzazione», racconta Marlia. «In Italia siamo in una fase di maturità e ora proviamo a estendere il nostro modello su alcuni mercati stranieri. Apriamo in parallelo su diversi fronti perché il mercato automotive ragiona in ottica Emea; siamo facilitati dal fatto di espanderci all’interno di un’industry abbastanza omogenea, nella quale i rapporti con le case, distributori e consumatori non cambiano molto da paese a paese». La nuova fase richiede nuovi capitali e MotorK scalda i motori per un nuovo round. «E’ un passaggio delicato perché bisogna cercare smart money», conclude il manager. «I partner giusti sono un valore aggiunto, non fosse altro perché costringono a essere disciplinati e rigorosi, a fare i compiti a casa insomma».

di Emanuele Elli

Ultimi articoli Persone

Vai all'archivio
  • La soluzione e' nei dettagli

    Il Covid19 siamo noi, la sua forza e' nei nostri comportamenti, la sua possibilita' di diffondersi dipende dalle molteplici variabili che caratterizzano le nostre citta'. Per questo, non solo e' difficile fare previsioni semplicistiche, ma e' necessario adottare un approccio multidisciplinare, racconta la direttrice del One Health Center della Florida e membro dello Iac Bocconi, Ilaria Capua

  • Il virus si vince con la contaminazione. Dei saperi

    Ne e' convinta Alessia Melegaro, demografa e direttore del Covid Crisis Lab. Una contaminazione e un network che devono essere costruiti in tempo di pace perche' e' difficile da improvvisare durante l'emergenza. Ecco perche' il nuovo Lab e' prima di tutto un modello perche' oggi abbiamo una parola che ci accomuna che e' Covid, ma domani potrebbero essere anche altre

  • Giorgio Sacerdoti decidera' nella controversia tra Ue e Ucraina

    Il professore della Bocconi, insieme ad altri due membri, chiamato a decidere in merito al blocco dell'esportazione di legname deciso dall'Ucraina

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31