Il mondo ai piedi del Made in Italy
PERSONE |

Il mondo ai piedi del Made in Italy

QUALITA' MADE IN ITALY A PREZZI ACCESSIBILE. COSI' E' NATA VELASCA, LA STARTUP DELLE CALZATURE IDEATA DA ENRICO CASATI

«Siamo partiti senza un soldo, senza sapere nulla di scarpe né di tecnologia, ma convinti dall’esperienza diretta che mancasse chi copriva il bisogno di avere un prodotto di qualità Made in Italy a prezzi accessibili anche all’estero». Enrico Casati, classe 1987, una laurea in International management in Bocconi nel 2011, ricorda così gli esordi della sua Velasca, la società sviluppata insieme al socio Jacopo Sebastio (anche lui bocconiano) che vende scarpe artigianali sia sul web che attraverso una rete di negozi fisici a gestione diretta. «La nostra fase di start-up è stata piuttosto lunga, siamo cresciuti lentamente e anche attraverso molti errori. Capire su che cosa focalizzarsi, intuire cosa muove cosa sono state le difficoltà maggiori. Questa esperienza però diventa fondamentale adesso che a tutti gli effetti siamo una scale-up per sfruttare al meglio l’influsso di capitali dall’esterno che sta crescendo».
L’ultimo aumento di capitale da 4,5 milioni servirà alla società per sostenere l’espansione su scala internazionale e l’apertura delle nuove botteghe.

«Velasca è nata nel 2013 per essere solo online», spiega Enrico. «Già nel 2014 però la prima esperienza di temporary store ci ha fatto capire che potevamo avere molte soddisfazioni dal canale fisico. Oggi il nostro piano prevede di aprire 20 nuovi punti vendita, di cui 16 all’estero, a cominciare da Parigi, Londra, appena inaugurati, e New York, dove apriremo a gennaio». La vendita diretta porta con sé nuove opportunità e nuove sfide. «Per sostenere questo canale occorre avere tanto prodotto circolante, essersi mossi con anticipo presso i fornitori e avere il capitale per sostenere l’investimento. Per questo utilizziamo molto i dati dell’e-commerce».
 

di Francesco Elli

Ultimi articoli Persone

Vai all'archivio
  • La soluzione e' nei dettagli

    Il Covid19 siamo noi, la sua forza e' nei nostri comportamenti, la sua possibilita' di diffondersi dipende dalle molteplici variabili che caratterizzano le nostre citta'. Per questo, non solo e' difficile fare previsioni semplicistiche, ma e' necessario adottare un approccio multidisciplinare, racconta la direttrice del One Health Center della Florida e membro dello Iac Bocconi, Ilaria Capua

  • Il virus si vince con la contaminazione. Dei saperi

    Ne e' convinta Alessia Melegaro, demografa e direttore del Covid Crisis Lab. Una contaminazione e un network che devono essere costruiti in tempo di pace perche' e' difficile da improvvisare durante l'emergenza. Ecco perche' il nuovo Lab e' prima di tutto un modello perche' oggi abbiamo una parola che ci accomuna che e' Covid, ma domani potrebbero essere anche altre

  • Giorgio Sacerdoti decidera' nella controversia tra Ue e Ucraina

    Il professore della Bocconi, insieme ad altri due membri, chiamato a decidere in merito al blocco dell'esportazione di legname deciso dall'Ucraina

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31