Anche per l'innovazione arriva l'eta' dello sharing
RICERCA |

Anche per l'innovazione arriva l'eta' dello sharing

ALL'INCONTRO THE SHARING ECONOMY OF INNOVATION, LUNEDI' ALLE 17 IN AULA MAGNA ROENTGEN, LA VISIONE DELL'ACCADEMIA, DEI POLICY MAKER E DELLE AZIENDE. TRA I RELATORI ILARIA CAPUA E DIEGO PIACENTINI

Se aveste individuato un’innovazione che vi consente di usare il 38% di energia in meno e risparmiare il 24% dei costi, la condividereste con altre imprese? Fino a pochi anni fa la risposta unanime del mondo del business sarebbe stata un no, ma poi… Facebook l’ha fatto, innescando un ciclo di innovazione che desta interesse in tutto il mondo. L’Open Compute Project di Facebook è lo spunto utilizzato da Alfonso Gambardella (Università Bocconi) per riflettere su una delle caratteristiche dell’innovazione del futuro: la condivisione. Il suo studio al riguardo (Endogenous Openness: The Increasing Profitability of Free Substitutes for Proprietary Design) sarà presentato, insieme ad altri due, all’evento The Sharing Economy of Innovation (lunedì 23 ottobre, Foyer Aula Magna via Roentgen 1, ore 17), il secondo appuntamento della serie Bocconi Research for Europe and the World Economy (Brewe), che si propone di divulgare la ricerca di maggiore impatto in ambito economico e di management.
 
 

 
Nella stessa occasione Ashish Arora (Duke University) discuterà i motivi per cui le imprese, rispetto al passato, utilizzano nelle loro innovazioni sempre meno conoscenze sviluppate internamente e sempre più spesso quelle sviluppate all’esterno. Maria Lillà Montagnani, giurista della Bocconi, analizzerà, invece, le evoluzioni del sistema legale necessarie ad assecondare e, allo stesso tempo, regolare, il nuovo corso dell’innovazione aperta.
 
Alle presentazioni seguirà una discussione moderata da Tim Harford del Financial Times (autore del recente 50 cose che hanno fatto l’economia moderna, pubblicato in Italia da Egea, la casa editrice dell’Università Bocconi), con Ilaria Capua, la scienziata italiana a capo dell’Emerging Pathogens Institute della University of Florida, promotrice della condivisione del genoma dei virus al fine di combatterli con maggiore efficacia; Diego Piacentini, commissario per l’Agenda digitale; Carlo Torniai, head of data science and analytics Pirelli, l’azienda che ha introdotto sensori negli pneumatici (“Non solo trasmetteranno informazioni all’auto e a chi guida, ma in una seconda fase, a cui stiamo già lavorando, consentiranno la condivisione di informazioni con la rete di vendita e le case costruttrici di auto”, ha recentemente dichiarato l’amministratore delegato Marco Tronchetti Provera) e Antonio Vicente, capo di gabinetto del commissario europeo per la Ricerca, la scienza e l’innovazione, Carlos Moeda.

di Fabio Todesco

Ultimi articoli Ricerca

Vai all'archivio
  • Il motore della produttivita'? Le imprese, piu' che le startup

    Nicolai Foss, all'inaugurazione della sua Rodolfo Debenedetti Chair in Entrepreneurship alla Bocconi, ha anche analizzato le condizioni di contesto che frenano la crescita dell'Italia

  • Spostarsi da e per Malpensa in treno

    La situazione attuale e le prospettive future per rendere piu' accessibile l'aeroporto e renderlo nodo di una rete di collegamenti ferroviari piu' ampi. I risultati di una ricerca condotta dal Certet Bocconi presentata oggi in un incontro organizzato in collaborazione con SEA

  • La ricerca Bocconi a MEETmeTONIGHT

    Con uno stand e molti interventi, gli studiosi dell'Ateneo si occuperanno di smart working e smart mobility, conflitti e risorse, sanita', Brexit e diffusione delle malattie infettive all'edizione milanese della Notte dei ricercatori, venerdi' 29 e sabato 30

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30