Dare alle imprese italiane un nuovo inizio
OPINIONI |

Dare alle imprese italiane un nuovo inizio

E SE LE AZIENDE ITALIANE FACESSERO COME LE AMERICANE? CAVALLINI E GIETZMANN ANALIZZANO COME E CON QUALI CONDIZIONI INTRODURRE NELL'ORDINAMENTO ITALIANO IL CAPITOLO 11 DEGLI STATI UNITI IN TEMA DI FALLIMENTO

di Cesare Cavallini e Miles Gietzmann, Dipartimento di Studi Giuridici e Dipartimento di Accounting, Universita' Bocconi

Che cosa vorrebbe vedere ogni azienda italiana quando uscirà dalla fase emrgenziale determinate da Covid19? Un nuovo inizio per i loro bilanci!

Ovviamente, l'ordinamento giuridico italiano ha messo a punto processi fallimentari ben sviluppati che permettono ai debitori che non possono più pagare i loro creditori di ricominciare da capo, liquidando i beni per pagare i loro debiti o creando un piano di rimborso. Nel fallimento formale le finanze del debitore vengono riorganizzate. I debitori pagano ai loro creditori ciò che possono permettersi. Ciò che non possono permettersi viene liquidato. Un debito estinto con il fallimento non è più opponibile al debitore. Tuttavia, questi procedimenti legali possono richiedere un certo tempo e l'azienda che ne rimane può essere l'ombra di se stessa. Questo ha motivato alcuni commentatori a descrivere in modo pessimistico le aziende emergenti dopo il fallimento come "zombie".

Anche se una tale descrizione è probabilmente ingiusta, è interessante in questo momento chiedersi se ci sono altre possibilità. Un approccio alternativo è la possibilità di ricominciare da capo la contabilità ai sensi del capitolo 11 degli Stati Uniti sul fallimento.

Nella sua forma più cruda, la contabilità "fresh start" consente a un'azienda di chiudere l'attività una notte e, al mattino, di aprire con un bilancio completamente nuovo, tipicamente non gravato da grossi debiti. In alcuni casi ben noti, il tempo che intercorre tra la dichiarazione di fallimento e l'apertura di una nuova società è minimo, perché al momento della dichiarazione di fallimento la società annuncia contemporaneamente un accordo preconfezionato che delinea una riorganizzazione concordata.  Quindi, l'approccio americano può essere rapido, e le aziende non hanno bisogno di languire per settimane in amministrazione. Ma come avviene questa magia?  La differenza essenziale negli Stati Uniti è che i creditori sono incentivati a seguire un prestito per la propria strategia. Purtroppo, allo stesso tempo, in genere, gli azionisti della società originaria in difficoltà perdono ogni interesse nella società, mentre i debitori della vecchia società diventano gli azionisti di controllo della nuova società. Chiaramente non c'è nessuna magia per gli ex azionisti.

Se l'obiettivo della propria politica era quello di promuovere un rapido ritorno delle aziende sul mercato, l'approccio statunitense ha chiaramente un certo merito. Ma un tale sistema potrebbe essere implementato in Italia? Cerchiamo di affrontare la questione in due modi. In primo luogo, considereremo cosa significherebbe per le istituzioni finanziarie e in secondo luogo quali riforme costruttive in parte ispirate alle pratiche statunitensi sono state recentemente proposte dalla Commissione Europea.

In termini di istituzioni si vede subito che se il principale creditore di una società è una banca locale, questa banca potrebbe non considerare un prestito come un'opzione interessante per lei e questo perché potrebbero essere in grado di monitorare il flusso di cassa giornaliero, ma fornire consulenza strategica in un settore specializzato potrebbe non rientrare nelle sue competenze fondamentali. Come si comportano gli Stati Uniti in questo caso? La risposta semplice è che il commercio del debito delle aziende in difficoltà è reso possibile. In parole povere, una banca locale può vendere il debito in sofferenza a uno specialista in riorganizzazione del private equity che diventa poi il prestito per il proprio partecipante. Negli Stati Uniti, le istituzioni specializzate nell'acquisto di debiti in sofferenza sono talvolta definite in modo poco attraente come "investitori avvoltoi". Gli investitori avvoltoi guadagnano il loro denaro prendendo il controllo dell'azienda formalmente in difficoltà e rimettendola in piedi il più rapidamente possibile, quindi il suo valore del capitale netto aumenta in modo significativo. Le riorganizzazioni aggressive possono comportare cambiamenti sistematici nel modo in cui l'azienda viene gestita, con implicazioni per il management e il personale. Se questo possa funzionare in Italia dipenderà quindi dalla disponibilità di un numero sufficiente di "avvoltoi" con le proprie finanze e il proprio spirito imprenditoriale e se le leggi permetteranno loro di operare cambiamenti organizzativi radicali.

Forse il ritmo frenetico dei nuovi metodi di contabilità degli Stati Uniti è un passo avanti? Riconoscendo la necessità di una riforma delle procedure fallimentari all'interno dell'UE, la Commissione ha avanzato alcune nuove proposte. La direttiva UE n. 1023/2019 segue alcune caratteristiche del fallimento del capitolo 11 degli Stati Uniti. La Direttiva fornisce un modello quadro di ristrutturazione preventiva (PRF) per evitare procedure di insolvenza come il fallimento. In particolare, consentono agli imprenditori di presentare ai propri creditori un piano di ristrutturazione volto a ristrutturare la propria attività attraverso diverse misure, quali la modifica della composizione, delle condizioni o della struttura dell'attivo e del passivo di un debitore o di qualsiasi altra parte della struttura patrimoniale del debitore. L'ampia portata di queste disposizioni, che possono includere diversi tipi di misure finanziarie, può probabilmente consentire un nuovo inizio per i bilanci delle imprese europee.

Ma ci sono ancora troppe incognite in questo caso. In primo luogo, la direttiva deve essere adottata all'interno di ogni ordinamento giuridico nazionale. Questo fatto può ragionevolmente determinare diversi adattamenti del diritto comunitario in conformità con le norme giuridiche esistenti in ogni Stato membro. Mentre alcuni Stati potrebbero adottare un regolamento per le PRF che autorizzi le aziende ad organizzare una nuova contabilità, altri Stati potrebbero vietarlo riducendo il campo di applicazione delle PRF. In secondo luogo, la direttiva UE richiede che la PRF sia non solo adottata dalle parti interessate dal piano, come i creditori o i detentori di azioni, ma anche confermata da un'autorità giudiziaria o amministrativa. Queste limitazioni probabilmente ridurranno l'impatto iniziale delle PRF che comportano un nuovo inizio contabile sui sistemi giuridici nazionali. Tuttavia, è ragionevole aspettarsi che le pratiche finanziarie dei singoli Stati sfruttino il potenziale della direttiva. Gli ordinamenti giuridici nazionali dovranno garantire vari modi per attuare il piano di ristrutturazione in conformità con l'ampio campo di applicazione della direttiva. Ciò si inserisce bene nella nuova struttura della legislazione italiana in materia di insolvenza (D.Lgs. n. 14/2019) che dà priorità alle soluzioni negoziate per la ristrutturazione della crisi finanziaria delle società piuttosto che alle soluzioni di liquidazione.

Il pensiero di un rapido rilancio di alcune imprese italiane può essere considerato fantasioso perché sappiamo tutti che la ripresa sarà spesso lenta e difficile. Tuttavia è essenziale una rapida attenzione da parte delle autorità di regolamentazione su come applicare le nuove PRF. Anche se la contabilità "fresh start" negli Stati Uniti ha dei problemi, essa illustra che cosa è possibile fare se le autorità di regolamentazione scelgono di concentrarsi su soluzioni innovative in un ambiente post Covid.    

 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • La rivoluzione elettrica della mobilita'

    Innovazione e sostenibilita' sono al centro del nuovo trasporto pubblico. Che punta anche sui servizi

  • Il cibo e' un'icona

    Qualita', esperienza, servizio: tre mosse per esportare (e importare) in modo vincente anche in Italia i brand del food and beverage

  • Rintrecciare i fili della citta'

    Dare voce alla complessita' delle societa' umane e farlo in modo sostenibile e' una delle sfide dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Sfida che puo' essere vinta dando vita a progetti di rigenerazione urbana che tengano conto delle interconnesse questioni di carattere economico, sociale, ambientale, istituzionale e fisico di ciascuna area

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30