Riaprire conviene? Te lo dice un software
CAMPUS |

Riaprire conviene? Te lo dice un software

DA UN PROGETTO NATO ALL'INTERNO DEL CHANNEL RETAIL LAB DI SDA BOCCONI E' NATO UNO STRUMENTO MOLTO UTILE PER I COMMERCIANTI CHE HANNO APPENA RIAPERTO LE ATTIVITA'. CHE POTRANNO, CON CONSAPEVOLEZZA, PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI PER IL LORO FUTURO

Un’idea nata quasi per gioco che, una volta perfezionata, è piaciuta talmente tanto da varcare addirittura l’oceano. Fatto che testimonia l’ansia e la preoccupazione con cui il mondo del retail ha vissuto prima la chiusura e sta vivendo ora la delicata fase della riapertura. L’oggetto del desiderio in questione si chiama Fase2.Today (www.fase2.today) ed è un software completamente gratuito realizzato all’interno del Channel & Retail Management Lab di SDA Bocconi School of Management diretto da Sandro Castaldo, che permette agli esercenti di calcolare in pochi secondi come le misure restrittive impatteranno sui fatturati.

“All’inizio non pensavo nemmeno a un suo reale utilizzo”, spiega Vitaliano Fiorillo, Lecturer di Operations and Technology presso la SDA Bocconi, “poi l’idea ha riscontrato successo e abbiamo chiesto a BuildNN, una startup specializzata nell’analisi dei dati delle attività commerciali, di svilupparla. E’ un nostro contributo in questa crisi del Covid perché gli esercenti vogliono capire se, limitando gli accessi come impone la normativa, potranno coprire i costi di esercizio. E con il nostro software è possibile raccogliere dati e informazioni per prendere decisioni consapevoli”. Uno strumento efficace a tal punto da essere stato adottato dalla Confcommercio per i propri iscritti. Ma non solo: “Siamo stati contattati dal municipio di Buenos Aires, che comprende non solo la città ma anche tutta la provincia”, riprende Fiorillo, “perché sono alla ricerca di una soluzione per garantire la tranquillità dei negozianti locali, colpiti duramente e ora sul piede di guerra. Stanno già usando il nostro software, ma per diffonderlo ancora di più ci hanno chiesto di realizzarne una versione in spagnolo”.

Per Vincenzo Marino, laureato in Bocconi al Cleam e poi all’Emit, e cofondatore con l’altro bocconiano Giacomo Barone e con Enrico La Sala di BuildNN, “il software consentirà di capire come la gestione della clientela e l’analisi dei dati possano avere un impatto enorme anche per un piccolo negozio. In fondo si tratta solo di rispondere a 20 semplici domande”.

Come spiega ancora Marino, che è anche docente SDA, si tratta di un progetto assolutamente filantropico e che non si fermerà qui: “Tra qualche settimana saremo in grado di fornire ulteriori funzionalità del software per effettuare simulazioni sempre più accurate. Con o, si spera, senza Covid…”.



di Davide Ripamonti

Ultimi articoli Campus

Vai all'archivio
  • Una Bocconi sempre piu' di impatto, tranne che sull'ambiente

    Eccellenza nella ricerca e nella didattica, accesso all'istruzione, impegno nella riduzione dei consumi e delle emissioni, forte integrazione nella comunita': l'Universita' si racconta nel suo impegno attraverso il Report di sostenibilita' 2019

  • Bocconi Meets Fall, un giro del mondo, virtuale, in 80 giorni

    Una formula nuova, imposta dalle necessita', che ha dimostrato di funzionare benissimo. E che non verra' abbandonata, ma affiancata, dagli incontri in presenza

  • Se lo vendi online il caffe' rende di piu'

    Giovanni Cartapani, insieme con quattro studenti di Statale e Politecnico, trionfa nella prima edizione di Amazon Campus Challenge. Al terzo posto altri due bocconiani, Leonardo Donghia e Marco Rubbo

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31