LIBRI |

Supply chain management e made in Italy

DALL'ANALISI 9 CASI AZIENDALI, SECCHI, NEL SUO LIBRO PER EGEA, DIMOSTRA COME L'ADOZIONE DI PRASSI E LOGICHE DI COLLABORAZIONE CON ATTORI A MONTE E A VALLE DELLE SCM AUMENTA LA COMPETITIVITÀ DELLE STESSE AZIENDE

Raffaele Secchi
Supply chain management e made in Italy
Egea 2012, 312 pagg., 33 euro

In un contesto economico segnato da grande incertezza e in uno scenario internazionale sempre più competitivo, diventa estremamente importante rafforzare il primato delle produzioni del Made in Italy. Se brand e qualità dei prodotti rischiano di non essere più sufficienti a garantire competitività, occorre far leva anche sull’innovazione dei processi di business.

Raffaele Secchi in Supply chain management e made in Italy (Egea 2012, 312 pagg., 33 euro), documenta – attraverso l’analisi di nove casi aziendali (Barilla, Granarolo, Lavazza, B&B Italia, Elica, Poltrona Frau Group, Loro Piana, Luxottica, Piquadro),  espressione dell’eccellenza italiana – il contributo dei processi di supply chain management alla competitività delle aziende e identifica le aree di innovazione nei processi di SCM in grado di sostenere il differenziale competitivo basato sui tradizionali elementi di riconoscibilità e qualità.

Come emerge in modo univoco dai casi esaminati, l’adozione di prassi di integrazione dei processi e lo sviluppo di logiche di collaborazione con gli attori a monte e a valle della supply chain consente di consolidare in misura significativa la competitività aziendale. Lo sviluppo di relazioni inter-organizzative – finalizzato alla ricerca non solo di razionalizzazioni operative di breve termine, ma anche di soluzioni innovative per favorire la riorganizzazione delle modalità di gestione dei processi – permette di conseguire miglioramenti sensibili sul fronte delle prestazioni sia di carattere economico-finanziario, sia di natura operativa.

Brand e qualità del prodotto sono il punto di forza del Made in Italy, ma per difendere la competitività nei mercati internazionali non è più possibile trascurare una terza leva: l’organizzazione dei processi di supply chain management: modelli di eccellenza anche oltre i confini dei settori food, design e fashion.

Raffaele Secchi svolge attività di ricerca e docenza presso il Dipartimento di Management dell’università Bocconi di Milano, dove insegna Gestione dell’innovazione, della tecnologia e delle operations, e supply chain management. È inoltre docente senior della Operations & technology Management Unit di SDA Bocconi School of management. È faculty member del Master Food and beverage e del programma executive di SDA Bocconi. Le sue principali aree di interesse e ricerca riguardano il Lean management nelle imprese manifatturiere e nei servizi, e il supply chain management, con particolare riferimento alle prassi di collaborazione e alle soluzioni ICT.

Scarica la copertina online

Acquista il volume on line
 



di Susanna Della Vedova

Ultimi articoli Libri

Vai all'archivio
  • BrandTelling

    Creare e accrescere il valore di un Brand sfruttando le potenzialita' tipiche dell'era digitale e dello storytelling. Ad affermarlo sono Francesco Giorgino e Marco Francesco Mazzu'

  • Futuro+Umano

    Il libro di Francesco Morace che riflette sulla necessita' della ridefinizione delle mappe del nostro pensare e del nostro agire, facendo leva sui dati come carburante per una nuova intelligenza, meno orientata a desideri immediati e impegnata invece nella costruzione di un mondo migliore

  • Che casino!

    In un mondo che ha un assetto ordinato, essere disordinati puo' avere aspetti benefici. Un'esplorazione dei veri vantaggi che il caos puo' portare nelle nostre vite nel libro per Egea di Tim Harford

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30