CAMPUS |

La realtà della Shoah

I VIVI RICORDI DI UN SOPRAVVISSUTO DI AUSCHWITZ ALLA BOCCONI: “SONO PRIVILEGIATO E FELICE”

A 64 anni dallo smantellamento dei campi di sterminio nazista la Shoah rischia di trasformarsi in una nozione scolastica, un dato statistico tra quelli che caratterizzano la Seconda guerra mondiale. Terribile, ma astratta. È un rischio che non correrà più chi ha avuto la fortuna di ascoltare, questo pomeriggio, Nedo Fiano, uno dei pochi ebrei italiani sopravvissuti ad Auschwitz, testimoniare la propria esperienza nel corso della presentazione del romanzo Il passato ritorna (Editrice Monti, 2009, 192 pagine, 16 euro).

“Il ricordo di Auschwitz è un fatto presente, che vive con me. Sono cresciuto con questo ricordo che permea e condiziona la mia vita”, ha affermato Fiano, “e sono convinto che un uomo, senza ricordi, sia più debole. Ricordando Auschwitz mi sento un privilegiato, perché conservo vita, amore e dignità. Il ricordo è un punto di riferimento, una guida al comportamento. Solo per differenza rispetto a quel ricordo posso essere felice”. E, in risposta alla domanda di una studentessa, si è detto convinto che il suicidio di Primo Levi non sia da ricondurre al ricordo del campo di sterminio.

A rendere la realtà umana della Shoah hanno contribuito alcuni ricordi della madre e del padre, uccisi ad Auschwitz, già letti in A5405. Il coraggio di vivere, il libro autobiografico del 2003, ma resi indelebili dalla voce dell’ottantaquattrenne Fiano.

Con la casacca di Auschwitz adagiata sulla cattedra dell’aula Perego, Fiano ha ricordato l’emanazione delle leggi razziali, la freddezza di gran parte di quelli che erano stati gli amici di famiglia, le delazioni sui nascondigli degli ebrei, pagate 5.000 lire e un sacco di sale (“ma chi ci denunciava non sapeva dei campi di sterminio, come non lo sapevamo noi”), la figura di Mengele, il medico di Auschwitz che adescava i bambini gemelli appena scesi dai treni per poi condurre esperimenti disumani su di loro.

LEGGI il profilo di Nedo Fiano

di Fabio Todesco

Ultimi articoli Campus

Vai all'archivio
  • Kazumasa Mizokami e i suoi fiori concettuali

    La mostra si inaugurera' lunedi' 13 gennaio alle ore 18 nella sala Ristorante di via Sarfatti 25

  • Classica Jazz Piano

    Giovedi' 9 gennaio il concerto di Raimondo Campisi dedicato all'amico Roberto Furcht

  • Scherma e finanza nel presente e nel futuro di Ilaria Buricelli

    La studentessa del Bief e' una dei sette vincitori della prima edizione del Dean's Award

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31