La resilienza della logistica
OPINIONI |

La resilienza della logistica

PRIMA IL COVID, ADESSO LA GUERRA IN UCRAINA. LA LOGISTICA INTERNAZIONALE SOFFRE MA SA CAMBIARE PER SUPERARE LE DIFFICOLTA'

di Camillo Papini

Un vero fenomeno disruptive resiste alle scosse anche degli altri fattori di discontinuità. Così è per il sistema della logistica internazionale che, dopo il suo grande decollo nel 2013, ha dovuto affrontare in questi anni la pandemia e, ora, le conseguenze del conflitto in Ucraina. “La portata della logistica rimarrà globale, la gran parte delle merci continuerà a viaggiare per mare e i porti cinesi o sud-coreani proseguiranno a funzionare come i più grandi hub per le navi portacontainer”, spiega Ferdinando Pennarola, professore di Organizzazione aziendale e Sistemi informativi dell’Università Bocconi. “Solo che adesso la logistica sta cercando di assorbire i nuovi elementi di discontinuità, come il Covid e la guerra nell’Est Europa per l’appunto. Quindi, la previsione nel medio termine è che la sua evoluzione la porti a strutturarsi più su base regionale”, per esempio intorno all’area circostante tutto il Mediterraneo.

In questo modo, secondo Pennarola, si possono ridurre gli elementi di rischio, anche se questa riconfigurazione non è un’operazione banale e i vari prodotti commerciali viaggeranno lungo network distributivi diversi, a seconda della loro tipologia. Però, “finché i volumi scambiati resteranno alti, converrà alle aziende produrre nell’area regionale di riferimento, piuttosto che importare beni e componenti da lontano”, rilancia il professore di Organizzazione aziendale e Sistemi informativi dell’Università Bocconi. “Agli occhi del consumatore la conferma di questa riorganizzazione sarà nella rapidità delle consegne che verrà ancora garantita”.

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • L'importanza dei Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

    Marc Mezard e Riccardo Zecchina, fisici e professori del Dipartimento di Computing Sciences della Bocconi, commentano l'assegnazione del premio ai tre studiosi

  • Il mito del posto fisso

    A dar la felicita' sono prima di tutto le migliori condizioni economiche e non il tipo di impiego. Quello pubblico, per la sua stabilita' e prestigio sociale, e' preferito solo dai lavoratori a basso reddito come dimostra uno studio Bocconi

  • Disuguaglianza e riforma fiscale

    Introdurre la flat tax non significa ridurre la pressione fiscale. Anzi, ridurre la progressivita' aumenta le disuguaglianze

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31