LIBRI |

La partita dell'Euro

A 20 ANNI DALL'ENTRATA IN CIRCOLAZIONE DELLA MONETA UNICA IN EUROPA, LA RICOSTRUZIONE DI UNA PARTICOLARE EDIZIONE DI ITALIAGERMANIA: LA CAMPAGNA DIPLOMATICA (E NON SOLO) CHE CI HA PORTATI NEL NUCLEO DEI FONDATORI DELL'EURO RACCONTATA DALLA VOCE DALL'AMBASCIATORE MAURO BATTOCCHI

Tra il 4-3 del 1970, il 3-1 del 1982 e il 2-0 del 2006 c'è un'altra partita che ha visto fronteggiarsi Italia e Germania. E non è stata meno importante di quelle – leggendarie – affrontate sui campi da calcio. La posta in gioco non era la Coppa del Mondo ma l’ingresso del Belpaese nella moneta unica europea. Oggi tutti sappiamo com’è andata a finire e quali sono state le conseguenze – ancora in divenire – di una scelta epocale, ma non tutti ricordano quanto quella sfida sia stata complessa.

A ricostruire “La partita dell’Euro” (Bocconi Editore 2022; 144 pagg.; 16 euro) ci ha pensato Mauro Battocchi, oggi Ambasciatore d’Italia in Cile e ai tempi giovane diplomatico in servizio a Bonn. Testimone privilegiato ma anche attore, quindi, di una delle campagne diplomatiche più complesse che il nostro Paese abbia condotto negli ultimi decenni: il negoziato che tra il 1996 e il 1998 ha portato l’Italia nel nucleo dei fondatori della moneta unica.

Allora come oggi, la Penisola cercava nell’Europa un’ancora di salvezza dopo aver sperimentato una crisi devastante. Il rischio di rimanere tagliati fuori dall’Unione che si andava costruendo intorno alla nuova moneta fu percepito collettivamente come una minaccia esistenziale e il Paese seppe reagire mobilitando tutte le risorse per continuare a condividere il proprio destino con il resto del continente.  

Nel 1992, infatti, l’Italia aveva sfiorato la bancarotta e vissuto un’umiliante espulsione dal Sistema monetario europeo mentre implodeva la “Prima Repubblica”. Quando, pochi anni dopo, Germania e Francia s’incamminarono verso l’attuazione del Trattato di Maastricht, i conti del nostro Paese erano ben lontani dal rispettare i parametri di rigore fiscale, ma il Governo guidato da Romano Prodi – con Carlo Azeglio Ciampi alla guida del Tesoro–– decise comunque di tentare un’impresa che a molti osservatori poteva sembrare disperata, se non ai limiti del possibile: abbattere il deficit dal 7% al 3% del Pil entro il 1997 e, soprattutto, convincere i partner europei – Germania in testa – del fatto che non si sarebbe trattato di un risanamento temporaneo ma dell’inizio di un percorso che avrebbe reso l’Italia uno stato con finanze pubbliche sostenibili e un sistema Paese capace di competere sullo scenario globale senza usare scorciatoie (come la “periodica” svalutazione della lira).

Di queste vicende Battocchi ci restituisce un racconto, vivace come un romanzo, che ai numeri e ai criteri finanziari aggiunge una buona dose di umanità, tratteggiando un capitolo di storia nazionale non abbastanza noto sebbene costituisca uno snodo cruciale nel nostro essere europei. Accompagnando il lettore tra i volti e i pensieri dei protagonisti, l’autore mostra i “dietro le quinte” di uno sforzo corale teso a far conoscere un’Italia che, a dispetto della fase di rapida trasformazione che stava attraversando, restava ancora largamente incompresa a nord delle Alpi. Tra la Bonn coi semafori sempre rossi nella nebbia e la Francoforte delle grandi banche, Battocchi torna tra i volti, i pensieri e le angosce della Germania di quegli anni, restituendo con oggettività anche il punto di vista degli interlocutori tedeschi.

Dai giganti della storia politica europea, come Helmut Kohl, ad astri nascenti che stavano ponendo le basi per una carriera che avrebbe lasciato un segno globale – spiccano tra loro un’Angela Merkel allora Ministro dell’Ambiente e un Mario Draghi nelle vesti di Direttore generale del Tesoro – passando per funzionari, giornalisti, banchieri, imprenditori: sono stati tanti i giocatori impegnati in campo, in un groviglio di relazioni abilmente intessuto (o districato) anche grazie al contributo di Enzo Perlot, allora Ambasciatore d’Italia in Germania e tra i principali registi della partita. È soprattutto attraverso la sua figura, infatti, che il diario di quegli avvenimenti mette in luce la duttilità e il valore della nostra diplomazia, dimostrando quanto questo strumento – antico e moderno – sia essenziale per la tutela degli interessi nazionali e la gestione di una politica estera credibile ed efficace: specie per un Paese che, oggi come allora, deve necessariamente alzare lo sguardo al di là dei propri confini senza perdere di vista l’Europa, nemmeno (o forse soprattutto) nei momenti più difficili. 

Nel ripercorrere le vicende che ho raccontato in questo libro”, commenta Battocchi, “viene a galla il tema cruciale della modernizzazione del Paese.  L’ingresso nell’Euro è equivalso ad accedere ad un campionato più difficile, più tecnico, più veloce, pena la retrocessione. A vent’anni di distanza, la sfida per il Sistema Paese di saper sciogliere i propri nodi strutturali per competere a livello globale rimane intatta. Il ripercorrere le vicende di quell’epoca mi auguro stimoli a riflettere su come ciascuno di noi possa fare la sua parte”.

Mauro Battocchi è Ambasciatore d’Italia presso la Repubblica del Cile dal 2018. Laurea in Discipline economiche e sociali all’Università Bocconi e Master in Public Policy presso l’Università di Princeton, ha svolto diversi incarichi a Roma e all’estero nell’ambito della diplomazia economica. Dal 2016 al 2018 è stato consigliere diplomatico presso il ministero dello Sviluppo economico e dal 2008 al 2012 responsabile degli affari istituzionali internazionali del gruppo Enel. Ha pubblicato diversi articoli su temi di politica economica internazionale. È commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica.

Scarica la copertina online
Acquista il volume online
 

di Andrea Ravizza

Ultimi articoli Libri

Vai all'archivio
  • La chiave per governare il cambiamento dirompente? E la Open Strategy

    L'era della disruption richiede maggiore collaborazione anche in uno degli ambiti aziendali piu' inaccessibili: la strategia. Il libro di Christian Stadler, Julia Hautz, Kurt Matzler e Stephan F. von den Eichen aiuta imprenditori e manager ad adottare (concretamente) un approccio aperto

  • Realizzazione o maledizione? Iacci e Galimberti dialogano su lavoro e felicita'

    Da un lato un esperto di risorse umane, dall'altro un filosofo: il Dialogo sul lavoro e la felicita' cerca di rispondere a una domanda sempre piu' centrale nelle nostre vite. Possiamo ancora dare un senso all'esistenza attraverso (o, almeno, durante) il nostro percorso professionale?

  • Giovani e anziani, untori o vittime: il falso binomio del Covid19

    A Vincenzo Galasso spetta il compito, nel suo nuovo libro per Egea Gioventu' smarrita, di analizzare la realta' dei giovani e proporre soluzioni per ridare loro un futuro

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31