Una riforma fiscale per abbattere la CO2
OPINIONI |

Una riforma fiscale per abbattere la CO2

UNO STUDIO DIMOSTRA CHE SONO PROPRIO LE AZIENDE SPORCHE A PAGARE TASSE PIU' BASSE E QUESTO PERCHE' SI AVVANTAGGIANO DELLO SCUDO FISCALE DEL FINANZIAMENTO DEL DEBITO. PER QUESTO QUANDO DISEGNANO POLITICHE PER RIDURRE IL CARBONIO, I GOVERNI DOVREBBERO CONSIDERARE L'INTERO SISTEMA DI TASSAZIONE DELLE IMPRESE

di Luigi Iovino, Thorsten Martin e Julien Sauvagnat, rispettivamente associate professor presso il Dipartimento di economia, assistant professor presso il Dipartimento di finanza e associate professor presso il Dipartimento di finanza

Le emissioni di carbonio costituiscono un classico esempio di esternalità negativa. La teoria economica suggerisce che la soluzione ottimale è quella di imporre una tassa globale sulla Co2 o un meccanismo di limitazione della quantità equivalente, come un mercato cap-and-trade. Tuttavia, attualmente solo il 20% delle emissioni globali di anidride carbonica è coperto da tale regolamentazione del cambiamento climatico (Banca Mondiale, 2018), e i prezzi della Co2 in queste regioni sono tipicamente ben al di sotto del costo sociale stimato.
 
Anche in assenza di una tassa esplicita sulle emissioni di anidride carbonica, potrebbe ancora essere il caso che gli schemi di tassazione aziendale esistenti contengano una tassa implicita sulle imprese inquinanti. Troviamo che questo non sia il caso. Infatti, è vero il contrario: le imprese sporche pagano in media tasse più basse. Arriviamo a questa conclusione mettendo in relazione le imposte societarie con l'intensità di carbonio delle imprese negli Stati Uniti dal 2003 al 2019.
 
In particolare, troviamo che 1 tonnellata di Co2 è associata a 4-7 dollari di tasse più basse. Questo "carbon bias" della tassazione aziendale, come la nostra analisi mostra, è attribuibile allo scudo fiscale del finanziamento del debito: poiché gli interessi passivi sono deducibili dalle tasse, il finanziamento del debito crea uno scudo fiscale che abbassa il carico fiscale delle imprese. Troviamo che le imprese sporche beneficiano relativamente di più di questo scudo fiscale. Infatti, quando calcoliamo le tasse ipotetiche che le imprese dovrebbero pagare in assenza dello scudo fiscale, non troviamo alcuna relazione significativa con l'intensità di Co2.
 
I nostri risultati sollevano la questione del perché le imprese sporche beneficino maggiormente delle detrazioni per interessi. La ragione è che le imprese sporche tendono ad avere una leva finanziaria più alta, mentre i tassi di interesse non sembrano sistematicamente correlati all'intensità di Co2. Infatti, la relazione tra l'intensità dell’anidride carbonica e la leva finanziaria rende pienamente conto della distorsione della Co2 nelle tasse. Questa maggiore leva finanziaria delle imprese inquinanti è a sua volta legata alla loro maggiore tangibilità degli asset. Infatti, troviamo che le imprese con attività più tangibili hanno emissioni di anidride carbonica più elevate, e che la tangibilità degli asset si distingue come il principale driver dell'associazione negativa tra le tasse e l'intensità di Co2.
 
In termini di significato economico, troviamo che i sussidi impliciti aggregati alla Co2 associati all'attuale regime di tassazione aziendale degli Stati Uniti si aggirano intorno ai 30 miliardi di dollari all'anno, un importo di grandezza simile alle entrate che i governi di tutto il mondo ottengono dall'attuale tariffazione dell’anidride carbonica. La nostra analisi sottolinea, quindi, l'importanza di tenere a mente le conseguenze non intenzionali sulle emissioni di Co2 quando si riformano i sistemi di tassazione aziendale.
 
Per quantificare gli effetti delle imposte societarie sulle emissioni e per studiare le implicazioni, per le emissioni e le variabili macroeconomiche, di sistemi fiscali alternativi, costruiamo un modello di equilibrio generale con imprese che fanno leva ed emissioni di anidride carbonica. Come sottolineato dalle teorie esistenti sulle frizioni finanziarie, la capacità delle imprese di prendere in prestito dipende probabilmente dal collaterale disponibile (ad esempio il capitale tangibile), che migliora i problemi di informazione asimmetrica degli investitori esterni. Coerentemente con queste teorie e con l'evidenza empirica, poniamo che la leva finanziaria delle aziende dipenda dalla quantità di capitale tangibile che possiedono.
 
Usiamo il modello per simulare gli effetti di una riforma che elimina lo scudo fiscale del debito. Quando le spese di interesse non possono più essere dedotte, le aziende affrontano un costo del capitale più alto, quindi riducono la loro capacità produttiva, riducendo la produzione e le emissioni. Il modello fornisce stime degli effetti sia aggregati che settoriali della riforma fiscale proposta. In particolare, mostriamo che la produzione in questa economia è inferiore del 2,5%. Questa riduzione della produzione aggregata è accompagnata da una diminuzione delle emissioni totali di anidride carbonica del 4,5%.
 
La caduta delle emissioni è molto più grande della caduta della produzione proprio perché lo scudo fiscale del debito favorisce i settori più inquinanti. La sua rimozione, quindi, provoca una maggiore contrazione della produzione e delle emissioni dei settori sporchi. Per concludere, la nostra ricerca evidenzia che, quando si progettano politiche per ridurre la Co2, i governi dovrebbero considerare l'intero sistema di tassazione delle imprese, poiché le riforme fiscali, apparentemente non correlate all'ambiente, possono giocare un ruolo significativo nella riduzione delle emissioni.
 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • La transizione ecologica della casa

    Secondo la strategia Renovation wave, sono necessari 275 miliardi di euro all'anno di investimenti aggiuntivi nel settore edilizio per raggiungere gli obiettivi UE 2030. Per semplificare e coordinare i diversi stakeholders si stanno imponendo i cosiddetti OneStopShop

  • Assistenti mal pagati

    Nella maggior parte dei paesi sono proprio i lavoratori delle professioni di cura a essere penalizzati in tema di remunerazione aumentando cosi' il gender gap. Mancanza di sindacati forti e livello dello stato sociale sono le principali cause di questa penalizzazione

  • L' intreccio mortale. Come i serpenti di Laocoonte

    L'effetto tossico sull'economia del legame tra corruzione e riciclaggio e' tanto piu' nocivo perche' si sviluppa in tre successivi stadi: innesco, moltiplicatore e acceleratore. Nell'implementazione delle regolamentazioni anticorruzione e antiriciclaggio e' fondamentale esserne consapevoli

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31