La spinta gentile fa bene al passaporto vaccinale
OPINIONI |

La spinta gentile fa bene al passaporto vaccinale

DUE ESPERIMENTI DI ECONOMIA COMPORTAMENTALE DIMOSTRANO CHE PER EVITARE LA POLARIZZAZIONE DELL'OPINIONE PUBBLICA A FAVORE O CONTRO IL CERTIFICATO DIGITALE COVID (COME SUCCESSO PER ESEMPIO CON L'OPPOSIZIONE ALLE APP PER IL TRACCIAMENTO) E' BENE COMBINARE DUE STRATEGIE D'INFORMAZIONE: LA PRIMA PER RIDURRE IL BIAS DELLO STATUS QUO, LA SECONDA INTRODUCENDO L'EFFETTO PEER

di Alessandro Romano, assistant professor presso il Dipartimento di studi giuridici

Ogni misura presa dal governo per combattere la pandemia Covid19 è stata accolta con ostilità da una parte della popolazione. Ordini di mascherine obbligatorie, politiche di permanenza a casa, chiusura di attività non essenziali hanno incontrato una feroce opposizione. In alcuni casi, la mancanza di supporto tra la popolazione ha completamente minato i tentativi dei governi. Le applicazioni di tracciamento dei contatti sono un caso emblematico: presentate come uno strumento chiave per tenere sotto controllo la diffusione del Covid19, non hanno mai guadagnato la fiducia del pubblico e ora sono quasi unanimemente riconosciute come un fallimento. I passaporti dei vaccini sono l'ultima misura fortemente dibattuta e polarizzata per combattere il Covid19. Per esempio, la Commissione Europea ha raggiunto un accordo sul "Certificato digitale Covid", che fornirà la prova che una persona è stata vaccinata contro il Covid19, ha ricevuto un risultato negativo del test, o si è recentemente ripresa dal Covid19. Inoltre, alcuni paesi come Israele e il Cile sono arrivati a richiedere una prova di immunizzazione per partecipare ad attività della vita quotidiana come assistere a spettacoli o anche circolare liberamente durante le chiusure generali. Ma si può convincere il grande pubblico che i passaporti per i vaccini sono importanti per preservare la salute pubblica mentre si riaprono le economie e si riprendono i viaggi internazionali su larga scala?
 
La risposta a questa domanda è particolarmente importante perché i passaporti dei vaccini, impopolari e altamente polarizzati, potrebbero causare un contraccolpo e aumentare l'esitazione dei vaccini se sono implementati senza il supporto del pubblico generale, e specialmente di quei segmenti della popolazione che hanno meno fiducia nei vaccini. Fino ad oggi, la comunicazione istituzionale si è basata in gran parte su una narrazione che sbandierava fattori come l'importanza del passaporto vaccinale, il fatto che sono gratuiti e che proteggono la privacy degli utenti - una retorica che assomiglia da vicino e in modo preoccupante a quella usata per le app di tracciamento dei contatti.
 
Abbiamo condotto due esperimenti per dimostrare che l'economia comportamentale può fornire indicazioni utili su come inquadrare la comunicazione al fine di aumentare il sostegno per i passaporti dei vaccini, per depolarizzarli e per minimizzare il rischio che scatenino l'esitazione vaccinale.
 
Nel primo esperimento, facciamo leva sul fatto che i passaporti vaccinali non sono, di fatto, senza precedenti. Pertanto, facciamo leva sul ben noto pregiudizio dello status quo, cioè la tendenza delle persone ad accettare una situazione quando è inquadrata come lo status quo piuttosto che come un cambiamento. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha da tempo approvato i certificati che confermano la vaccinazione contro la febbre gialla per l'ingresso in alcuni paesi. Allo stesso modo, sia le istituzioni conservatrici (Notre Dame University) che quelle liberali (Yale University) richiedono la prova della vaccinazione ai loro dipendenti e alle persone che vogliono godere dei loro servizi. Mostriamo che informare gli intervistati su questo semplice fatto aumenta notevolmente il supporto per i passaggi del vaccino sia tra i repubblicani che tra i democratici, senza aumentare l'esitazione del vaccino. Come importante, mostriamo che questa è una strategia efficace per depolarizzare il dibattito intorno ai passaporti dei vaccini, poiché riduce la distanza tra le opinioni dei democratici e quelle dei repubblicani.
 
Nel secondo esperimento, siamo partiti dall'osservazione che per questioni molto dibattute è improbabile che le persone siano esposte a un solo nudge. Pertanto, abbiamo cercato di affrontare una questione che sta prendendo piede nella letteratura accademica: cosa succede se gli intervistati sono esposti a più di una spinta contemporaneamente? Una spinta esclude gli effetti delle altre? A tal fine, abbiamo testato l'impatto dell'uso di due stimoli: i) il bias dello status quo che abbiamo usato nel primo esperimento, e ii) l'effetto peer. In particolare, il secondo nudge consisteva nell'informare gli intervistati sulla percentuale di persone che attualmente si oppongono all'introduzione di un passaporto vaccinale. Osserviamo che entrambi i nudge sono efficaci nell'aumentare il supporto per il pass e non alimentano l'esitazione vaccinale. Intrigante, osserviamo che il loro impatto combinato è ancora più forte, il che suggerisce che i politici possono e devono fare affidamento su entrambi i nudges simultaneamente.
 
 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • L'importanza dei Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

    Marc Mezard e Riccardo Zecchina, fisici e professori del Dipartimento di Computing Sciences della Bocconi, commentano l'assegnazione del premio ai tre studiosi

  • Il mito del posto fisso

    A dar la felicita' sono prima di tutto le migliori condizioni economiche e non il tipo di impiego. Quello pubblico, per la sua stabilita' e prestigio sociale, e' preferito solo dai lavoratori a basso reddito come dimostra uno studio Bocconi

  • Disuguaglianza e riforma fiscale

    Introdurre la flat tax non significa ridurre la pressione fiscale. Anzi, ridurre la progressivita' aumenta le disuguaglianze

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31