Il mondo non basta
OPINIONI |

Il mondo non basta

ALMENO QUELLO DI JAMES BOND. LA PIU' FAMOSA DELLE SPIE CINEMATOGRAFICHE, SE FOSSE STATO UN GIURISTA, SI SAREBBE OCCUPATO DI ARBITRATO INTERNAZIONALE. NON CI CREDETE? LEGGETE QUESTO ARTICOLO. E RIGUARDATEVI L'INTERA SAGA

di Catherine A. Rogers, Full Professor di Domestic and International Arbitration, Universita' Bocconi

Se James Bond praticasse il diritto, sarebbe l'arbitrato internazionale. Non ci credete? Basta considerare quanti arbitrati internazionali sarebbero un'ottima trama per un film di James Bond.

Per esempio, in una trama più strana di qualsiasi fiction di 007, un investitore israeliano in un caso ha scoperto nel modo più duro che La spia che mi amava può essere un pericoloso doppiogiochista. Quel caso ha riunito un investitore magnate bucaniere che possedeva un sontuoso yacht italiano, un vecchio dittatore guineano (ora deceduto), l’ultima delle sue quattro mogli, le più grandi risorse di minerale di ferro del pianeta situate in uno dei suoi paesi più poveri, l'FBI, un'operazione di intercettazione, il filantropo George Soros, un uomo d'affari francese, eserciti di avvocati, diversi investigatori svizzeri, accuse di racket a New York, una McMansion in Florida, e accuse di agenti segreti sudafricani che interferivano in un'elezione africana.

Nei film di 007, il pubblico sa fin dai titoli di testa che Bond è dalla parte del bene, combattendo per niente di meno che la sopravvivenza del mondo libero.

Oggi, tuttavia, i critici hanno ribaltato il copione. I critici sostengono che l'arbitrato internazionale è un cattivo oscuro che sovverte il bene comune a favore dei conglomerati aziendali con i baffi e dei loro malvagi finanziatori.

Alla luce di queste critiche, una Spectre incombe sull'arbitrato internazionale. Come un Thunderball in discesa, queste critiche stanno anche guadagnando slancio. Al di là dell'arbitrato sugli investimenti, un giurista di primo piano in Inghilterra e Galles si è presentato come Dr. No, sostenendo che l'arbitrato internazionale mina lo sviluppo della common law nelle controversie commerciali.

Presi insieme, questi reclami non sono necessariamente uno Skyfall. Ma dovrebbero mettere in Zona pericolo coloro che credono che l'arbitrato internazionale sia una forma importante di governance globale e un meccanismo essenziale per il commercio internazionale.

Senza rivali tra le alternative praticabili, l'arbitrato internazionale ha storicamente riposato su un approccio critico di tipo Vivi e lascia morire. Ma mentre la mediazione e le clausole di selezione del foro diventano più praticabili e un tribunale globale per gli investimenti minaccia di sostituire l'arbitrato per gli investimenti, dovremmo essere scossi, non stimolati, ad agire.

Dalla Russia con amore, il premio di 50 miliardi di dollari a Yukos, è un buon esempio. Sebbene sia il più grande premio della storia, è almeno altrettanto noto per aver portato le telecamere a fare un primo piano sui presunti eccessi della segreteria del tribunale. Per il pubblico, sembra difficile capire come tutti non siano riusciti a prevedere i problemi.
Alcuni hanno liquidato il caso come anomalo, ma la maggior parte ha invece preso la posizione che non bisognava Mai dire mai. In risposta, sono state create nuove fonti per stabilire chiare linee guida per limitare il ruolo dei segretari dei tribunali.

Cosa significa tutto questo per l'arbitrato internazionale? Non è necessario un Goldeneye  per vedere la risposta. Richiede semplicemente che, occupandosi dei bisogni dei clienti, delle organizzazioni, delle istituzioni e dei propri obiettivi professionali, gli specialisti dell'arbitrato devono guardare oltre i loro interessi personali più immediati e a breve termine. Dovrebbero considerare come le loro azioni individuali influenzino la legittimità del sistema, e quindi il loro interesse personale illuminato a lungo termine.

Non fa bene a nessuno - né all'avvocato, né al cliente, né all'arbitro, né al finanziatore esterno, né all'istituzione - che il proprio caso diventi il manifesto di qualche problema o controversia endemica. Quando un attore in un caso particolare non ha i mezzi per vedere o agire al di là delle considerazioni strategiche immediate, altri hanno un interesse personale a lungo termine a intervenire.

Nonostante le crescenti critiche all'arbitrato internazionale, Non è tempo di morire (No Time to Die). Invece, un po di conforto (Quantum of Solace) può essere tratto dal fatto che i professionisti attivi nell'arbitrato internazionale si preoccupano profondamente della legittimità reale e percepita del campo. Le riforme interne dimostrano un impulso collettivo ad affrontare i problemi attraverso l'autovalutazione, la ricalibratura interna e l'autoregolamentazione.  Queste riforme assicurano che, per l'arbitrato internazionale, Il domani non muore mai (Tomorrow Never Dies).

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • La sicurezza e' un lavoro di squadra

    Il capitale psicologico di un individuo, fatto di speranza, ottimismo, resilienza e autoefficacia, influenza positivamente i comportamenti incentrati sulla sicurezza. A mettere a rischio la vita dei pazienti e' invece il difetto di collaborazione come dimostra uno studio condotto su team che lavorano in ospedali per acuti. Ai leader ospedalieri il compito quindi di creare il giusto clima organizzativo

  • L'impossibile scala dei diritti

    Impossibile misurarne il peso e stabilire a priori quale valga di piu' perche', come affermato anche dalla Corte Costituzionale italiana, non esistono diritti tiranni. Ma si devono costruire e valutare argomenti informati e ragionevoli su di essi. Perche', a differenza di quanto affermato in letteratura, il punto cruciale e' essere in grado di prevedere le conseguenze della decisione del bilanciamento tra diritti contrastanti

  • Azionisti americani e' ora di votare

    Come per i contratti di remunerazione dei dirigenti, negli Stati Uniti andrebbe introdotto il voto assembleare obbligatorio anche per fusioni e acquisizioni. Uno studio dimostra infatti che le societa' statunitensi farebbero cosi' meno acquisizioni che distruggono valore azionario e i propri azionisti subirebbero meno perdite

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31