Lasciati guidare dai dati
OPINIONI |

Lasciati guidare dai dati

I DATI SONO IL CARBURANTE DEL CERVELLO UMANO CHE E' IL VEICOLO DELL'INNOVAZIONE. LA LORO CARICA D'INNOVAZIONE STA NEL MODO IN CUI VENGONO IMPIEGATI NEL PROCESSO DECISIONALE. PER QUESTO, PER PRENDERE DECISIONI MIRATE, STRATEGICHE E INFORMATE, CEO E MANAGER DEVONO SEMPRE PIU' FARE RICORSO AL LORO UTILIZZO AGGIORNANDO LE PROPRIE COMPETENZE NELLA GESTIONE DEI BIG DATA E NEL LORO SFRUTTAMENTO ATTRAVERSO L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE E IL MACHINE LEARNING

di Torben Pedersen, professore di Global strategy

C'è una capacità in rapida crescita che consiste nel raccogliere, memorizzare e analizzare enormi quantità di dati, molto più di quanto la mente individuale potrebbe elaborare da sola. Questa enorme quantità di informazioni, denominata Big Data, insieme all'intelligenza artificiale (AI) e all'apprendimento automatico, sta creando nuove opportunità. È il fondamento del processo decisionale informato e la chiave per sbloccare nuove attività e business più efficienti.

Il volume e la varietà dei dati sono dovuti al crescente numero di sensori e dispositivi connessi che permeano ogni aspetto della nostra società. Inoltre, anche la digitalizzazione delle transazioni commerciali, delle cartelle cliniche, della comunicazione online e sociale e dei dati di produzione contribuisce alla quantità di dati. La quantità di dati generata in due giorni è pari a tutti i dati della storia umana dagli albori della civiltà fino al 2003.
I dati sono una risorsa, proprio come l'acqua o l'energia, e come ogni risorsa, i dati non fanno nulla da soli. Piuttosto, sono innovativi nel modo in cui vengono impiegati nel processo decisionale umano. Senza dati, le decisioni sono congetture; con i dati, le decisioni sono mirate, strategiche e informate. Queste portano a soluzioni migliori quando si affrontano i problemi di business. Infatti, i dati non sostituiscono il pensiero umano, ma lo migliorano. Il cervello è il veicolo dell'innovazione e i dati sono il carburante. Marie Geogeghan Quinn, ex commissario europeo per la ricerca, ha coniato la frase: "La conoscenza è il petrolio grezzo del 21° secolo". L'innovazione guidata dai dati riguarda le modalità innovative di sfruttare i grandi dati, che hanno un feedback sul modo di fare le cose e sui processi di innovazione stessi. L'innovazione guidata dai dati ha attirato l’interesse e l'attenzione a causa dell'enorme potenziale che risede nella sua applicazione.
 
The Golden Age of Data è la prima puntata del nuovo podcast Story Scanner, che approfondisce i temi del magazine viaSarfatti25. In questo primo appuntamento si discute del business data-driven grazie agli interventi dei professori Torben Pedersen, Gaia Rubera e Gabriele Troilo.

Gli esempi di utilizzo di Big Data in combinazione con AI/machine learning in diversi business sono molteplici. Un'azienda di telecomunicazioni lo usa per prevedere il churn dei clienti, dove attraverso l'apprendimento automatico diventano sempre migliori nel prevedere quali clienti potrebbero terminare il loro abbonamento e con queste informazioni possono offrire ai clienti che hanno maggiori probabilità di churn un'attenzione speciale e offerte prima che ciò accada. Un'azienda manifatturiera ha combinato tutti i dati creati nelle diverse fasi del processo di produzione e ha creato un gemello digitale (una rappresentazione virtuale) dell'intero processo di produzione che riceve dati in tempo reale. Questo permette di monitorare meglio il processo, testando i cambiamenti digitalmente prima di condurre i cambiamenti nella produzione fisica, e soprattutto di usare l'IA per prevedere i costosi colli di bottiglia e i re-loop. Un'azienda che produce grandi turbine eoliche ha aggiunto competenze su Blockchains perché è cruciale per il loro futuro. L'azienda si è rivolta a una società di consulenza che utilizza Big Data e AI per cercare in tutto il mondo questa competenza. Si è scoperto che il partner ideale era una piccola azienda innovativa in Cile che l'azienda di turbine eoliche non avrebbe mai trovato se non fosse stato per l'uso di Big Data e AI.

Queste aziende sono state in grado di utilizzare con successo l'innovazione guidata dai dati perché hanno fatto un cambiamento nella loro mentalità. Invece di fare le cose nel solito modo e condurre un'innovazione rivolta verso l'interno, hanno aperto i loro occhi per i vasti input esterni e hanno riconosciuto le opportunità che esistono nell'applicazione di Big Data e AI per una migliore previsione e processo decisionale. Le aziende stanno facendo un uso migliore delle proprie fonti di dati dai processi interni o dai prodotti ("Internet of Things"). Questo ovviamente va di pari passo con l'aggiornamento da parte delle aziende delle proprie competenze nella gestione dei Big Data e lo sfruttamento del nuovo oro attraverso l'AI/apprendimento automatico.

Continua qui la lettura della cover story

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Il mondo non basta

    Almeno quello di James Bond. La piu' famosa delle spie cinematografiche, se fosse stato un giurista, si sarebbe occupato di arbitrato internazionale. Non ci credete? Leggete questo articolo. E riguardatevi l'intera saga

  • Scuola phygital

    Contaminazione tra fisico e digitale, percorsi personalizzati, classi virtuali, intelligenza artificiale: il futuro della didattica e' gia' presente. E passa (anche) dalla Bocconi

  • Quando arte e moda si toccano

    Dalla sponsorizzazione di mostre a forme piu' estreme di ibridazione, come per esempio la creazione di edizioni limitate di prodotti, l'incontro tra i due mondi separati porta benefici e riconoscimenti a entrambi

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30