Quando funziona (e quando no) l'affiliazione
OPINIONI |

Quando funziona (e quando no) l'affiliazione

ESSERE RICONOSCIUTI E ASSOCIATI A UN INCUMBENT DI ALTO LIVELLO PER CHI FA IL SUO INGRESSO IN UN SETTORE E' UN SEGNALE POSITIVO PERCHE' NE CERTIFICA LA QUALITA' DI FONDO. NON E' COSI' PERO', PER ESEMPIO, PER LE NUOVE BAND CHE PARTECIPANO COME SUPPORTER AGLI EVENTI LIVE DI ARTISTI STORICI. UNO STUDIO SPIEGA IL PERCHE'

di Fabrizio Castellucci, associato presso il Dipartimento di management e tecnologia

I nuovi arrivati in un settore spesso hanno difficoltà ad essere presi sul serio, o addirittura notati. Questa sfida, spesso chiamata "responsabilità della novità", sottolinea l'idea che per sopravvivere e prosperare i nuovi arrivati devono essere riconosciuti come legittimi dai loro stakeholder - dipendenti, investitori, clienti, analisti, o semplicemente seguaci. Le affiliazioni di rete sono state ampiamente studiate come un modo, per i nuovi, di superare questa "responsabilità", poiché le affiliazioni forniscono accesso a informazioni, risorse e nuove conoscenze. Inoltre, le affiliazioni con organizzazioni di alto livello hanno un valore di segnalazione, funzionando come approvazione per gli attori che hanno bisogno di legittimità, come le organizzazioni di nuova costituzione, per esempio le startup.

In altre parole, un'affiliazione tra un nuovo concorrente e un incumbent di alto livello può funzionare come un segnale informativo che evidenzia alle parti interessate la qualità di fondo del nuovo concorrente. Definito come la posizione relativa di un attore in un ordine gerarchico socialmente costruito, lo status segnala la qualità percepita del risultato di un produttore rispetto al risultato del concorrente. Nonostante sia socialmente costruito, il che significa che la qualità percepita potrebbe essere molto diversa dalla qualità reale, i nuovi entranti di solito traggono vantaggio dall'essere affiliati a operatori storici di alto livello. Il presupposto implicito qui è che la formazione di un'affiliazione è un atto deliberato e, quindi, le affiliazioni tra le aziende di alto livello e i nuovi entranti non si materializzeranno in assenza di una specifica approvazione del secondo da parte del primo. Le affiliazioni, tuttavia, non sono necessariamente il risultato di scelte deliberate. Piuttosto, le affiliazioni possono avere effetti tangibili anche se due attori sono semplicemente percepiti come affiliati da un pubblico.

Quando gli attori condividono l'appartenenza a un gruppo sociale o partecipano congiuntamente ad attività comuni, se la loro partecipazione è visibile al pubblico saranno spesso percepiti come collegati, anche se la loro associazione potrebbe essere involontaria, e le loro interazioni limitate. Questo è il caso delle band che partecipano alla stessa performance musicale dal vivo: sono percepite dal pubblico come affiliate anche se la loro partecipazione alla performance non è determinata dalla scelta di nessuna band nella scaletta del concerto. Secondo la credenza popolare, le nuove band dovrebbero trarre beneficio dal suonare nella stessa performance dal vivo con una band di successo di alto livello. Eppure, in quei contesti, come le esibizioni dal vivo, in cui i nuovi arrivati contano sull'attrazione dell'attenzione del pubblico per acquisire risorse e devono competere con i loro affiliati per farlo, noi sosteniamo e troviamo evidenza del contrario. Poiché l'attenzione è una risorsa limitata e poiché le affiliazioni di alto livello tendono a catturare la maggior parte dell'attenzione del pubblico, la quantità di attenzione che il pubblico può assegnare a un dato concorrente si riduce drasticamente.

A sua volta, l'allocazione ridotta dell'attenzione ai nuovi arrivati si tradurrà probabilmente in un impegno ridotto da parte del pubblico, ostacolando sia l'acquisizione di risorse che lo sviluppo di un'identità distintiva agli occhi delle parti interessate, con effetti dannosi sui risultati di performance. Osservando un campione di nuove band e le loro esibizioni dal vivo, quelle che si esibiscono con band di alto livello hanno meno probabilità di sopravvivere e tendono a generare ricavi inferiori. Se, da un lato, le band di alto livello possono ancora fornire legittimità ai nuovi arrivati, questo effetto dovrebbe diminuire per le band più vecchie, mentre la deviazione dell'attenzione rimarrebbe comunque. Coerentemente, troviamo che le nuove band più vecchie hanno meno probabilità di sopravvivere e produrre ricavi se si esibiscono dal vivo con band di alto livello.
 
 
Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)Alessandro Piazza, Damon J. Phillips, Fabrizio Castellucci (2020) High-Status Affiliations and the Success of Entrants: New Bands and the Market for Live Music Performances, 2000–2012. Organization Science 31(5):1272-1291. https:// doi.org/10.1287/orsc.2019.1344

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Il mondo non basta

    Almeno quello di James Bond. La piu' famosa delle spie cinematografiche, se fosse stato un giurista, si sarebbe occupato di arbitrato internazionale. Non ci credete? Leggete questo articolo. E riguardatevi l'intera saga

  • Scuola phygital

    Contaminazione tra fisico e digitale, percorsi personalizzati, classi virtuali, intelligenza artificiale: il futuro della didattica e' gia' presente. E passa (anche) dalla Bocconi

  • Quando arte e moda si toccano

    Dalla sponsorizzazione di mostre a forme piu' estreme di ibridazione, come per esempio la creazione di edizioni limitate di prodotti, l'incontro tra i due mondi separati porta benefici e riconoscimenti a entrambi

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30