La creativita' e' una rete aperta
OPINIONI |

La creativita' e' una rete aperta

SONO DIVERSITA' E INSTABILITA' A GARANTIRNE UNA LUNGA, CONTINUA E REGOLARE VITA SPECIE NELLE ORGANIZZAZIONI. COME DIMOSTRA UNO STUDIO CHE HA ANALIZZATO I MODELLI DI COLLABORAZIONE DI OLTRE 200 ARTISTI CHE HANNO COLLABORATO ALLA REALIZZAZIONE DI 273 EPISODI DELLA SERIE TV DOCTOR WHO

di Giuseppe Soda, Ronald S. Burt, Pier Vittorio Mannucci, Dean di SDA Bocconi School of Management; senior professor di Social network analysis; assistant professor presso LBS

La creatività spesso si manifesta come un fulmine - qualcosa che colpisce una volta e cambia per sempre il corso di ciò che segue. Abbondano le storie di creativi che hanno plasmato il campo con una sola opera memorabile, che sia un film, una canzone, un dipinto o un romanzo. Harper Lee è un esempio: il suo romanzo To Kill a Mockingbird ha vinto il premio Pulitzer nel 1960, e rimane l'unica opera che ha pubblicato durante la sua vita.
 
Quindi, quando si tratta di creatività nelle organizzazioni, tuttavia, produrre un singolo contributo creativo non è sufficiente: in particolare all'interno delle organizzazioni, per sostenere un successo competitivo duraturo, la creatività dei dipendenti deve essere continua e regolare, non irregolare. Coltivare e preservare la creatività nel tempo è quindi diventato sempre più importante per l'innovazione e il successo dell'azienda.
 
Una ricetta ben nota per stimolare la creatività è interagire con persone che appartengono a cerchie sociali diverse e scollegate ed esporsi a contenuti diversi. È stato dimostrato che la diversità - di prospettive, di conoscenza - è il carburante di cui il cervello umano ha bisogno per alimentare il motore creativo.
 
Tuttavia, nel tempo, interagire con le stesse persone e lavorare con lo stesso contenuto porta a una diminuzione dei ritorni creativi - anche se sono diversi. Il motore creativo si fermerà se non si aggiunge una scintilla per farlo ripartire. Abbiamo scoperto che quella scintilla è l'instabilità. L'aggiunta di nuove persone scuote le cose, cambiando le dinamiche del team e innescando nuovi modi di lavorare e pensare. I nuovi legami portano uno "shock" positivo che spinge gli individui nella rete a cambiare il modo in cui organizzano ed elaborano la conoscenza, così come il modo in cui interagiscono e collaborano. Una certa instabilità è necessaria per aiutare le persone a trarre il meglio dalle reti aperte nel tempo: gli individui che lavorano in strutture aperte ma stabili alla fine rimangono intrappolati nei solchi creativi a causa della maggiore routinizzazione e rigidità delle interazioni e delle strutture cognitive.
 
Per studiare un argomento così rilevante avevamo bisogno di trovare un contesto in cui: 1) gli individui creativi si impegnano continuamente in collaborazioni per generare risultati creativi; 2) il risultato è un singolo prodotto culturale realizzato per un lungo periodo di tempo all'interno della stessa azienda, piuttosto che una varietà di quelli per escludere caratteristiche specifiche del prodotto o dello studio che stanno influenzando i risultati; 3) un contesto controllato per la creatività in cui la relativa stabilità narrativa si riduce per variazioni specifiche del prodotto.

Abbiamo trovato questo contesto indagando i modelli di collaborazione di oltre 200 artisti che hanno lavorato in 273 episodi di Doctor Who, la serie televisiva di fantascienza della BBC che segue le avventure di un essere extra-terrestre chiamato "Il Dottore" che esplora l'universo grazie a un'astronave chiamata TARDIS, che gli permette di viaggiare nello spazio e nel tempo (clicca qui per vedere la rappresentazione grafica). Lanciato nel 1963, lo show ha goduto di un continuo successo tra la critica e i fan, e ha attirato molti elogi per la sua creatività e capacità di reinventarsi.
Una delle premesse fondamentali dello show riguarda in realtà l'importanza del cambiamento: ogni volta che il Dottore viene ferito mortalmente, si reincarna in un corpo diverso. Originariamente concepito come un espediente per permettere alla produzione di continuare quando l'attore principale voleva abbandonare, la rigenerazione nel tempo è diventata una caratteristica chiave che definisce il personaggio e lo show, rendendolo una perfetta illustrazione delle nostre scoperte.
 
Cambiare il proprio network non è un compito facile: tendiamo a lavorare ripetutamente con le stesse persone, soprattutto se ci piacciono o se la collaborazione ha avuto successo. Eppure, la creatività non può essere raggiunta senza ringiovanimento: avere una rete aperta che collega molti gruppi scollegati può andare in un certo modo, ma senza qualche faccia nuova in mezzo a voi è probabile che vediate la vostra creatività diminuire.
 
Per assicurare un flusso continuo di idee creative, non dovete solo bilanciare la diversità e l'instabilità - dovete abbracciarle. Non è un compito facile: ci piace essere circondati da persone simili, e amiamo la prevedibilità e il controllo. Conoscersi bene può essere molto efficiente e comodo - ma è proprio dal disagio, dall'interazione con persone diverse da noi che nascono le idee creative.
 
Liberarsi dai propri modi abituali è più probabile quando si è esposti a persone le cui opinioni e comportamenti sono diversi dai propri - ed è ancora più probabile quando queste persone cambiano.

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Il dilemma del network del CEO

    Il processo decisionale manageriale e' spesso afflitto da una mancanza di pianificazione a lungo termine e, piu' in generale, da una trascuratezza del futuro. Una recente ricerca mostra come questo dipenda spesso dalle reti manageriali chiuse che portano alla miopia temporale

  • Le strategie della Serenissima ai tempi della peste

    Politica e helycopter money nel 1630 portarono a un eccesso di debito con conseguente instabilita' di prezzi e svalutazione. La differenza con oggi? L'indipendenza della banca centrale che, si spera, possa essere un argine sufficiente

  • Legami spezzati

    L'attaccamento ai luoghi commerciali, ricchi di caratteristiche a atmosfere proprie, contribuisce a creare l'identita' personale del consumatore. Stesso ruolo ha anche il distaccamento, volontario o forzato. Tanto piu' in tempo di Covid19

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30