E' il potere delle persone che crea la pace
OPINIONI |

E' il potere delle persone che crea la pace

L'USO STRATEGICO DI DIVERSE TATTICHE NON VIOLENTE CAMBIA IL CORSO DEL CONFLITTO. UNO STUDIO CONDOTTO SUL CONTINENTE AFRICANO METTE IN LUCE COME PROTESTE, IMPEGNO POLITICO, NON COOPERAZIONE O INTERVENTO IMPATTANO SUL PROCESSO DI PACE

di Marina G. Petrova, assegnista di ricerca presso il Dipartimento di scienze sociali e politiche

I civili sono spesso visti come spettatori impotenti durante i conflitti armati, dato il pericolo della violenza. Questa nozione è contraddetta dalla varietà di azioni non violente che vengono portate avanti dagli attori della società civile nel contesto della guerra civile, volte a contrastare la violenza e a promuovere iniziative di pace. Ma queste azioni non violente hanno un impatto positivo sulle prospettive di un processo di pace?
 
Concentrandoci sulle guerre civili del dopo guerra fredda nel continente africano, ci siamo proposti di rispondere a questa domanda studiando l'effetto di diverse azioni non violente sulle componenti chiave di un processo di pace: la probabilità di negoziati tra le parti in conflitto e i successivi accordi di pace. La varietà di tattiche di azione non violenta che sono prevalenti nei contesti di conflitto includono, ma non si limitano a proteste (dimostrazioni e proteste), impegno politico (lobbismo e attività di collegamento), non cooperazione (scioperi e boicottaggi) e intervento  (sit-in, occupazione e creazione di istituzioni alternative).
 
Attraverso queste attività non violente, la gente comune, i civili e gli attori della società civile in vari contesti di conflitto in tutto il mondo sono stati in grado di influenzare le dinamiche dei conflitti e contribuire all'avvio e al successo dei processi di pace. Per esempio, la Women of Liberia Mass Action for Peace ha usato proteste e tattiche di impegno politico prima dei negoziati iniziali tra il governo e il LURD all'inizio del 2003. Queste tattiche di azione non violenta hanno aiutato sia a sostenere che a fare pressione sulle parti per iniziare a parlarsi. In seguito, queste sono state seguite da attività non violente più radicali durante i negoziati formali per fare pressione per un accordo di pace: gli attivisti hanno fatto pressione sulle parti in guerra e hanno organizzato sit-in e blocchi per impedire alle delegazioni di partire senza una risoluzione. L'Alleanza per la democrazia in Mali (ADEMA) ha lanciato manifestazioni non violente di massa tra il 1990 e il 1991 contro il governo militare, mentre la ribellione Tuareg era in corso nel nord del Mali. Queste tattiche non violente eseguite dai civili, trasversali a vari gruppi sociali, hanno alterato le asimmetrie di potere nel conflitto e hanno aperto la strada ai negoziati e al successivo accordo di pace con i ribelli Tuareg nel 1996.
 
I nostri risultati suggeriscono che il potere delle persone, esercitato attraverso tattiche di azione non violenta, ha un impatto sui processi di pace nelle guerre civili, anche se in modi diversi. Le proteste e l'impegno politico trasformano il conflitto, promuovono la cooperazione e aiutano le parti in guerra a superare il primo ostacolo di un processo di pace - i colloqui di pace iniziali. Tuttavia, le proteste e l'impegno politico non sono associati alla probabilità di successivi accordi di pace che portino un processo di pace a una conclusione positiva. Queste due tattiche non violente potrebbero avere poco effetto, perché sono difficili da sostenere nel tempo e perché i gruppi non violenti che le impiegano sono spesso esclusi dai colloqui formali.
 
Tattiche radicali come la non cooperazione e l'intervento sembrano ostacolare piuttosto che facilitare i negoziati. È probabile che tali tattiche creino ulteriore instabilità, sovvertendo così le possibilità di colloqui di pace. Tuttavia, tattiche di intervento come i sit-in e la creazione di istituzioni alternative sono associate a una maggiore probabilità di accordi di pace, come dimostra l'esempio di Women of Liberia Mass Action for Peace. Le istituzioni alternative create dagli attori della società civile possono giocare un ruolo cruciale nel minare le istituzioni statali ingiuste e fornire un modello per istituzioni più inclusive che sono spesso comprese negli accordi di pace (per esempio, i "comitati" che furono creati per governare le township in Sudafrica).
 
Una cosa è chiara: il potere delle persone funziona. Gli attori della società civile, gli attivisti e la gente comune hanno davvero il potere non solo di essere spettatori e osservatori della guerra civile in corso, ma piuttosto di cambiare il corso del conflitto attraverso l'uso strategico di diverse tattiche non violente. Ma l'uso di specifiche tattiche non violente dovrebbe essere strategico, dato che non tutte le forme di azione non violenta funzionano in tutte le fasi di un processo di pace.
 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Il mondo non basta

    Almeno quello di James Bond. La piu' famosa delle spie cinematografiche, se fosse stato un giurista, si sarebbe occupato di arbitrato internazionale. Non ci credete? Leggete questo articolo. E riguardatevi l'intera saga

  • Scuola phygital

    Contaminazione tra fisico e digitale, percorsi personalizzati, classi virtuali, intelligenza artificiale: il futuro della didattica e' gia' presente. E passa (anche) dalla Bocconi

  • Quando arte e moda si toccano

    Dalla sponsorizzazione di mostre a forme piu' estreme di ibridazione, come per esempio la creazione di edizioni limitate di prodotti, l'incontro tra i due mondi separati porta benefici e riconoscimenti a entrambi

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30