Tecnologia, una risorsa chiave per migliorare l'esperienza di apprendimento degli studenti
CAMPUS |

Tecnologia, una risorsa chiave per migliorare l'esperienza di apprendimento degli studenti

IN VISTA DELLA CONFERENZA CIVICA DEL 3 GIUGNO SU 'DIGITALISATION AND THE FUTURE OF HIGHER EDUCATION', STEFANO CASELLI SPIEGA COME SI PUO' SFRUTTARE LA TECNOLOGIA PER RIVOLUZIONARE LA FORMAZIONE

Gli strumenti digitali hanno trasformato la formazione universitaria e oggi sono una risorsa chiave per l'alleanza CIVICA - migliorando la cooperazione, l'interazione, l’impatto e le esperienze. In vista della conferenza CIVICA del 3 giugno su ‘Digitalisation and the Future of Higher Education’, Stefano Caselli, prorettore per gli affari internazionali dell'Università Bocconi e membro dello Steering Committee di CIVICA, spiega come la tecnologia abbia rivoluzionato la formazione, le opportunità che offre per migliorare le esperienze di apprendimento e come CIVICA possa fare leva su di essa per promuovere i suoi obiettivi e la sua diffusione.

Come pensa che il progresso della tecnologia nell'ultimo decennio abbia cambiato il ruolo della formazione?
Stefano Caselli: Penso che sia stato davvero un salto di qualità, una rivoluzione, perché se si torna indietro a 10 anni fa, la tecnologia era semplicemente qualcosa di bello, un supporto, non esattamente uno strumento per fornire la formazione. Oggi il salto di qualità è che la tecnologia è incorporata nel processo educativo.
È una nostra decisione come usare la tecnologia per aumentare l'esperienza di apprendimento dei nostri studenti. E, a mio parere, solo il cielo è il limite: abbiamo un grande potenziale e opportunità per migliorare l'esperienza di apprendimento di tutti gli studenti.

Come definisce la formazione digitale di alta qualità?
La questione è definire prima di tutto un'istruzione di alta qualità, dove istruzione di alta qualità significa mirare esattamente ai bisogni di tutti gli studenti e sostenere una migliore esperienza di apprendimento.
In questo senso, la tecnologia diventa di alta qualità, o di qualità superiore, se è utile per migliorare l'esperienza di apprendimento degli studenti. Questo significa, per esempio, gestire in modo migliore le classi che passano rapidamente dalle sessioni individuali a quelle plenarie e al lavoro in piccoli gruppi, creare un archivio per i fondamenti della conoscenza, interagire meglio con studenti sparsi in diversi paesi del mondo, migliorare la mobilità virtuale, avere la possibilità di passare a contenuti diversi e avere un approccio multidisciplinare.
Il concetto di alta qualità è strettamente legato non alla tecnologia in sé, ma al concetto di qualità dell'esperienza di apprendimento e del livello di istruzione dei nostri studenti, che rimangono - e non dobbiamo dimenticarlo – un processo sociale. Il mondo moderno è un parallelo tra la formazione e la tecnologia, e noi dobbiamo padroneggiare ovviamente questo parallelo.

Ci descriva l'opportunità della digitalizzazione nella formazione, partendo da un'esperienza in Bocconi. Come pensa che potremmo sfruttare questa opportunità per migliorare l'istruzione in futuro?
La pandemia ha costretto tutte le università e le business school a ripensare il loro modello di insegnamento. Non solo a reagire semplicemente ai vincoli, ma a rielaborare e ripensare il modello di insegnamento.
Nell'ultimo anno all'Università Bocconi abbiamo sperimentato diverse esperienze per ridisegnare completamente i corsi passando ad un vero e proprio approccio blended e, per esempio, per dare la possibilità di eseguire la mobilità virtuale, e dare accesso alle nostre classi a studenti sparsi in ogni parte del mondo.
Questo è un bene per il futuro, perché l'ultimo anno è stato molto utile per testare, elaborare, cercare di sviluppare nuovi formati. E il futuro è luminoso perché, grazie a queste esperienze, possiamo davvero creare nuove e migliori esperienze di apprendimento per gli studenti. Che è, alla fine, l'unico parametro per valutare il nostro sforzo.

Come si inserisce l'innovazione digitale nelle nuove offerte formative di CIVICA?
Nel pacchetto di lavoro 4, CIVICA sta lavorando sul concetto di mobilità e interazione degli studenti MSc. Abbiamo sia corsi congiunti che il corso multi-campus ‘Europeanship’, che è qualcosa di completamente nuovo: un corso in cui gli studenti appartenenti a diverse università hanno la possibilità di fare un'esperienza di apprendimento insieme. Questo non sarebbe possibile senza la tecnologia. Ovviamente, la tecnologia non è tutto, perché questo è uno sforzo congiunto di diverse università in una moltitudine di settori, ma grazie alla tecnologia, il corso multi-campus può davvero esistere e può avere un impatto immediato per gli studenti partecipanti.

Come possono le università cooperare tra loro su scala europea per aumentare l'innovazione nella formazione?
Oggi la cooperazione è probabilmente più necessaria che mai perché quello che scopriamo è che la formazione non è semplicemente un bene che appartiene a un'istituzione o a un paese; la formazione è davvero un bene pubblico in un senso molto ampio, e la cooperazione è il mezzo per aumentare questo concetto di bene pubblico e il suo impatto sociale.
Inoltre, come in altri settori, dove il concetto di scala è fondamentale per aumentare la portata e l'impatto, anche nella formazione la scala è fondamentale. La tecnologia, i nuovi contenuti, la mobilità internazionale, l'innovazione sono tutti elementi che possono essere aumentati grazie alla cooperazione. La cooperazione è un bisogno e un'esigenza per tutte le università. Restano concorrenti ma, grazie alla cooperazione, possono aumentare il loro impatto sulla società.

Come possono le alleanze come CIVICA contribuire alla trasformazione digitale?
Grazie alla digitalizzazione, CIVICA può crescere, in un certo senso, più velocemente.
Il futuro delle università europee, come descritto dalla Commissione Europea, è quello di creare uno spazio comune di istruzione superiore, per arrivare a una vera e propria "università europea" in grado di dare titoli europei. La tecnologia può diventare un abilitatore di questo processo (e questo anche senza la pandemia) - anche per raggiungere, per esempio, studenti in diverse aree del mondo che non hanno la possibilità di venire in Europa o di studiare con noi. La tecnologia rimarrà una risorsa chiave per rendere il progetto delle università europee più veloce, più impattante e più reale per gli studenti.
 
Per saperne di più su come gli strumenti digitali hanno profondamente trasformato l’ambito della formazione e le opportunità e le sfide della digitalizzazione per il presente e il futuro delle università unisciti alla discussione del 3 giugno alla conferenza CIVICA ‘Digitalisation and the Future of Higher Education’, aperta a tutti e con la possibilità di partecipare al dibattito.



di Tomaso Eridani

Ultimi articoli Campus

Vai all'archivio
  • Il potere dei network

    L'impatto della rete di relazioni che modellano le nostre vite e il mondo del business e' il focus del nuovo episodio del podcast Story Scanner

  • Vuoi una rete sociale piu' forte? Spegni il telefono e stai lontano dai social media

    Questa e' una delle raccomandazioni di Marissa King, professore di comportamento organizzativo alla Yale School of Management. Un altro? Risvegliare i contatti dormienti. Tenendo a mente, pero', che avere piu' contatti nella propria rete non la rende automaticamente piu' efficace

  • ll settore Edtech verso delle grandi opportunita'

    Jeff Maggioncalda, CEO Coursera, diaologa con il Rettore Gianmario Verona nella nuova puntata di Executive Chats

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31