Come gli investitori possono responsabilizzare le aziende sul greenwashing
ALUMNI |

Come gli investitori possono responsabilizzare le aziende sul greenwashing

IL PUNTO CHIAVE E' CHE LE AZIENDE DEVONO AVERE UN CHIARO STANDARD DI REPORTING SULLE EMISSIONI DI CO2, SPIEGA L'ALUMNUS DAVIDE SERRA, FONDATORE DI ALGEBRIS INVESTMENTS, UNA SOCIETA' CHE STA LANCIANDO UN FONDO DI PRIVATE EQUITY FOCALIZZATO SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA. LA SVOLTA? QUANDO HA INCONTRATO AL GORE OTTO ANNI FA

Davide Serra, laureato alla Bocconi, ha fondato nel 2006 Algebris Investments, un gruppo indipendente di gestione patrimoniale con 18 miliardi di dollari in gestione. L'attivismo degli investitori di Serra gli ha fatto guadagnare una reputazione internazionale. Algebris ha aderito alla Task Force on Climate-Related Financial Disclosures, CDP, e alla campagna Say on Climate fondata da Sir Chris Hohn della Children's Investment Fund Foundation. Come membro della Net Zero Asset Managers Initiative dal 2021, Algebris si sta impegnando a raggiungere emissioni di carbonio nette zero nelle società partecipate entro il 2050. Serra lancerà quest'anno un fondo di private equity incentrato sulla riduzione di C02, guidato da Valerio Camerano. E sta piantando un milione di alberi nei prossimi tre anni.
 
C'è stato un momento chiave in cui ha capito l'importanza del cambiamento climatico?
E' stato circa otto anni fa ad un evento a Miami dove ho incontrato l'ex vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore. Ha tenuto un discorso, e da quel giorno ho studiato la scienza che c'è dietro, e ho iniziato a impegnarmi.
 
Cosa cerca nell'investimento ESG oggi? Cosa vi guida? 
L'80% del nostro portafoglio è investito in banche e assicurazioni. Vediamo le banche e le assicurazioni come i guardiani della transizione verso un'economia più verde e più sostenibile, a causa del ruolo chiave che giocano nei prestiti. Guardiamo alle emissioni di C02 ed escludiamo qualsiasi azienda che abbia investimenti significativi in industrie legate al carbone. C'è ancora molta poca divulgazione sui prestiti bancari, in particolare su tutto ciò che ha a che fare con i prestiti e le attività legate ai combustibili fossili di carbonio.

L'investimento ESG sta vivendo un boom. Come si fa a capire se un'azienda sta facendo greenwashing?
La cosa più importante è avere uno standard chiaro per la divulgazione delle emissioni di C02. È così semplice. In questo momento, questo è quello che non abbiamo. La maggior parte delle aziende dicono stupidaggini su quello che faranno nel 2050, e per allora saremo già tutti morti! Ciò di cui abbiamo bisogno è la piena divulgazione della C02.
 
Come si può migliorare la divulgazione delle emissioni di C02? 
In questo momento ci sono le categorie di emissioni Scope 1, 2 e 3. La divulgazione di queste emissioni deve essere obbligatoria in modo che gli investitori possano valutare il piano di riduzione di C02 di un'azienda. Pubblicatelo, e poi le persone potranno fare i loro compiti. E la finanza tradizionale si allontanerà dagli inquinatori, creando uno svantaggio competitivo. Finché non si fornisce questa divulgazione, questo non può accadere.
 
Come possono le aziende essere ritenute responsabili delle loro emissioni di C02?
Nel 2020 abbiamo aderito alla Say on Climate Initiative di Sir Chris Hohn. Quest'anno invieremo ad ogni azienda del nostro portafoglio una lettera in cui chiediamo che il consiglio di amministrazione presenti un piano d'azione per la transizione climatica all'AGM. Il consiglio deve dire agli investitori come l'azienda arriverà a zero emissioni di carbonio nel 2050. Possiamo fare pressione su di loro come azionisti. E fare pressione sugli altri azionisti. 

Come si può fermare il greenwashing? 
Ad essere onesti, la stessa cosa che è successa con la debacle del rating tripla A negli Stati Uniti durante la crisi finanziaria sta ancora accadendo con il greenwashing. Ecco perché l'attività "dal basso" è importante. 

Questo sistema di rating può essere migliorato? Come? 
C'è un difetto fondamentale nelle agenzie di rating. Ogni investitore deve fare il proprio lavoro. Non ho mai guardato i rating e non lo farò mai. Ecco perché preferiamo lavorare con le ONG. Sono loro a scavare nella sporcizia. Non sono pagati. Tutti i migliori dati globali sono tutti finanziati da persone del settore privato come noi per ottenere un quadro migliore, in particolare su banche e assicurazioni. Affare per affare, prestito per prestito.
 
Come si può migliorare la divulgazione non finanziaria? 
Assicurarsi che l'intero impatto di C02 Scope 1, 2 e 3 sia pubblicato, e confrontato sia con il settore che con metriche assolute. In questo modo posso sapere quanto sto inquinando quando investo in un'unità o in un dollaro di profitto. Assicuratevi che le emissioni totali di C02 siano rese note, in modo da poter avere un'idea chiara del totale e di come l'azienda prevede di ridurre le emissioni. Inoltre, l'80% delle emissioni di C02 avviene nelle città. Quindi dovrebbe essere fatto città per città. Dovrebbero farlo i sindaci. 

Qual è la sua opinione sul nuovo regolamento dell'UE sulla tassonomia per gli investimenti ESG? È importante? Cosa significa per lei come investitore?
L'UE è all'avanguardia nella regolamentazione ESG. La tassonomia è molto gradita. Come investitore, cerchiamo di escludere qualsiasi banca o istituzione finanziaria che abbia un ruolo significativo nel finanziamento dei combustibili fossili. Speriamo che la tassonomia ci renda la vita più facile perché standardizzerà questa divulgazione e fornirà dati più facilmente accessibili, che alla fine è ciò di cui abbiamo bisogno per allocare il capitale.
Attenuerà la debolezza che esiste attualmente nel settore dei dati ESG. Nel frattempo, nel 2021 chiederemo a tutte le banche in cui abbiamo investito di riferire l'intensità di carbonio del loro portafoglio di prestiti aziendali, laddove abbiano i dati, in modo coerente con il quadro della Partnership for Carbon Accounting Financials (PCAF). Chiederemo loro anche di riferire una strategia per (1) aumentare il valore nominale dei prestiti le cui emissioni sono rese note e (2) raggiungere riduzioni annuali dell'intensità di carbonio del loro libro di prestiti e delle sottoscrizioni.

È importante legare la retribuzione dei dirigenti ai criteri ESG?
Non legherei la retribuzione a nient'altro che alla performance. Ma a mio parere la scienza del cambiamento climatico è abbastanza forte da giustificare una transizione netta zero come parte della compensazione. 

In particolare, qual è l'impegno di Algebris? 
A febbraio abbiamo annunciato il lancio di un'unità dedicata guidata da Valerio Camerano per investire in aziende che riducono la C02. Per il momento, però, sono 15 anni che faccio compensazioni. Il modo più semplice e scalabile per fare la cattura del carbonio è piantare alberi. Ogni albero assorbe una tonnellata di C02 nel corso della vita. Nei prossimi 3 anni pianteremo 1 milione di alberi. E questo sarà il mio contributo. Il messaggio che vorrei dare a tutti è che se non potete essere neutrali per la C02, dovreste piantare 5 alberi ogni anno. Ogni anno. Per persona. 

Qual è, secondo lei, l'ostacolo ad un futuro più verde? 
Non è la regolamentazione, è l'interesse economico. La Russia, gli Stati Uniti e l'Arabia Saudita sono allineati per farci continuare a usare i combustibili fossili. È solo una questione di soldi. Tutto il resto è solo ipocrisia. 
 

di Jennifer Clark

Ultimi articoli Alumni

Vai all'archivio
  • Fate muovere quella testa

    Tra le soft skills piu' cercate al momento dell'assunzione, il pensiero critico e' fondamentale nell'attivita' di consulenza, spiega l'alumna Tiziana Brkan, partner di Deloitte Business Solutions. Il lavoro in gruppo, la curiosita' e l'abitudine alla complessita' i modi per allenarlo

  • La rivoluzione audio

    Federica Tremolada, Managing Director Southern and Eastern Europe di Spotify e alumna Bocconi, incontra il rettore Gianmario Verona nell'ultima puntata di Executive Chats

  • Un fondo dalla parte delle imprese

    Guido Vesin, tra i fondatori di Antares e alumnus mba, per aiutare le aziende a superare la crisi punta sull'innovazione nel campo del private equity coniugando investimenti e sviluppo del network e della consulenza. Partendo dal settore del lusso, settore fondamentale dell'economia italiana

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31