Tutte le forme di impegno della leadership
OPINIONI |

Tutte le forme di impegno della leadership

I PAESI EMERGENTI SONO AFFLITTI DA LACUNE ISTITUZIONALI TRA CUI SISTEMI EDUCATIVI DEBOLI, BASSI TASSI DI ALFABETIZZAZIONE E ACCESSO LIMITATO ALL'ISTRUZIONE DI QUALITA'. UNO STUDIO ANALIZZA LE RAGIONI E I METODI DI INVESTIMENTO NELL'ISTRUZIONE DA PARTE DEI BUSINESS LEADER NEI PAESI EMERGENTI

di Valeria Giacomin, assistant professor presso il Dipartimento di scienze sociali e politiche

L'istruzione è stata storicamente un obiettivo primario dell'attività filantropica. Tuttavia, nella misura in cui l'istruzione è stata discussa, la letteratura suggerisce che può rappresentare, almeno nell'era contemporanea, un investimento sociale meno rischioso e più economico per i business leader rispetto alle alternative, come la fornitura di vaccinazioni o il controllo delle nascite.
 
La maggior parte del lavoro accademico sulla filantropia, raramente ha separato l'educazione dal più ampio fascio di iniziative, e si è concentrata sugli sforzi su larga scala dei leader d'affari super-ricchi, spesso simili a celebrità. La letteratura sulla filantropia aziendale e la CSR ha anche gravitato verso l'esperienza delle economie occidentali e dei paesi sviluppati, dove le istituzioni pubbliche o semi-pubbliche assicurano un'istruzione di qualità diffusa, sostenendo e favorendo la crescita economica. Il mondo in via di sviluppo è stato storicamente penalizzato dalla mancanza di accesso a varie forme di istruzione, quindi gli investimenti delle imprese in questa sfera hanno giocato un ruolo cruciale per le comunità locali e, in alcuni casi, per intere regioni.  Nei mercati emergenti, l'investimento delle imprese nell'istruzione si è sviluppato secondo la tradizione locale, rispondendo a bisogni e urgenze specifiche. Questo studio ha esplorato per la prima volta come e perché i leader aziendali hanno investito nell'istruzione in queste geografie molto diverse.
 
Abbiamo basato la nostra indagine sull'analisi testuale delle interviste del progetto Creating Emerging Market (CEM), istituito dalla Harvard Business School nel 2007. Il database oggi comprende più di 150 interviste a dirigenti d'azienda senior, che hanno trascorso almeno tre decenni operando nei paesi emergenti. Abbiamo analizzato un sottoinsieme di 110 leader di 22 paesi e misurato il tipo e l'impatto delle attività di beneficenza, così come il modo in cui i leader aziendali hanno raccontato, spiegato e dato un senso al loro investimento nell'istruzione. 
 
Più di tre quarti del campione dei 110 intervistati ha investito nell'istruzione come attività non profit. Abbiamo identificato tre fattori principali per gli investimenti nell'istruzione nei mercati emergenti. In primo luogo, i leader aziendali hanno spiegato il loro impegno nell'istruzione come legato alla tradizione familiare, ai codici morali e religiosi, alla compassione generale e al desiderio di "restituire" alle persone bisognose. In altri casi, l'investimento era esplicitamente "incentrato sull'azienda", cioè mirava a promuovere e migliorare la reputazione aziendale e il vantaggio competitivo, e quindi a beneficiare direttamente l'azienda. Infine, in alcuni altri casi, i leader aziendali hanno collegato le loro iniziative con obiettivi "focalizzati sul contesto", descrivendo un approccio orientato all'azione per risolvere le carenze educative nella loro società, creare le basi per lo sviluppo futuro, e beneficiare la comunità locale e nazionale oltre i confini dell'azienda.
 
Gli investimenti tendevano ad aumentare con le dimensioni dell'azienda. L'analisi delle iniziative nei vari paesi ha trovato significative variazioni regionali in termini di strategie di esecuzione, struttura e impatto di questi investimenti. Nell'Asia meridionale e sudorientale, c'era una preferenza per la spesa a lungo termine nell'istruzione primaria e secondaria. In India, i principali gruppi imprenditoriali familiari hanno affrontato il tema dell'istruzione attraverso un approccio globale che comprendeva una vasta gamma di iniziative, dall'alfabetizzazione di base, alla costruzione di scuole, ai programmi di borse di studio su larga scala, alla fondazione di università. In Africa e in America Latina, alcuni progetti avevano una connotazione più a breve termine, ma con attività di alto profilo in partnership con organizzazioni internazionali e università straniere. In Turchia, ci si è concentrati molto sulla formazione e sulla creazione di università, spesso legate a grandi gruppi imprenditoriali. Per quanto riguarda l'esecuzione, le fondazioni sono emerse come un modo preferito di strutturare gli investimenti nell'istruzione in tutte le aree geografiche, ma in particolare tra i grandi gruppi imprenditoriali familiari. Insieme ai vantaggi fiscali di cui spesso godono le fondazioni, le interviste hanno mostrato che esse hanno contribuito a migliorare la reputazione e a preservare l'eredità familiare attraverso le generazioni.
 
Lo studio si conclude esaminando l'impatto di questi investimenti. Questo si è rivelato difficile da misurare, il che è preoccupante data la grande quantità di denaro speso. La scarsità di dati finanziari e le sfide di comparare diversi tipi di spesa educativa, hanno reso sfuggenti conclusioni solide.  Una ricca agenda di ricerca futura attende in quest'area. I dati mostrano comunque che milioni di persone sono state toccate da questa spesa tra gli anni '60 e oggi, dai lavoratori delle piantagioni in India e i rifugiati nei campi in Giordania, alle persone che hanno ricevuto borse di studio per le università d'élite in Cile e Turchia. 
Tra i molti progetti c'erano esperimenti con pedagogie innovative, e c'erano importanti tentativi di aiutare coloro che erano svantaggiati dalle élite politiche e dalle norme sociali e di genere. Sembra giusto avanzare l'ipotesi, di conseguenza, che questo investimento imprenditoriale nell'educazione nei mercati emergenti abbia rappresentato un significativo contributo sociale che fino ad oggi è stato largamente ignorato.

 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Il dilemma del network del CEO

    Il processo decisionale manageriale e' spesso afflitto da una mancanza di pianificazione a lungo termine e, piu' in generale, da una trascuratezza del futuro. Una recente ricerca mostra come questo dipenda spesso dalle reti manageriali chiuse che portano alla miopia temporale

  • La creativita' e' una rete aperta

    Sono diversita' e instabilita' a garantirne una lunga, continua e regolare vita specie nelle organizzazioni. Come dimostra uno studio che ha analizzato i modelli di collaborazione di oltre 200 artisti che hanno collaborato alla realizzazione di 273 episodi della serie tv Doctor Who

  • Le strategie della Serenissima ai tempi della peste

    Politica e helycopter money nel 1630 portarono a un eccesso di debito con conseguente instabilita' di prezzi e svalutazione. La differenza con oggi? L'indipendenza della banca centrale che, si spera, possa essere un argine sufficiente

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30