La risposta agli shock
OPINIONI |

La risposta agli shock

UNO STUDIO SULLE CRISI DI SETTORE E LA PROPENSIONE DELLE IMPRESE A RICORRERE AI PREPENSIONAMENTI PER FARVI FRONTE CI AIUTA A CAPIRE COSA POTREBBE SUCCEDERE IN ITALIA QUANDO IL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI INTRODOTTO PER ARGINARE LA CRISI GENERATA DALLA PANDEMIA SARA' REVOCATO

di Vincenzo Galasso, ordinario presso il Dipartimento di Scienze sociali e politiche

Oltre alle sue conseguenze sanitarie senza precedenti in tutto il mondo, la pandemia di Covid19 ha avuto effetti economici altrettanto drammatici. Durante i primi mesi della pandemia, la catena di approvvigionamento globale è stata rallentata o interrotta in molti settori. In altri, il rigido blocco attuato in alcuni paesi ha fatto crollare in gran parte la domanda di beni e servizi. In alcuni settori, come per esempio il turismo, i viaggi e lo spettacolo dal vivo, la ripresa economica è ancora lontana e incerta.

La pandemia Covid19 ha chiaramente rappresentato uno shock settoriale - colpendo le imprese secondo il loro settore e indipendentemente dalla loro produttività. Un ampio dibattito è in corso sulla natura temporanea o permanente di questo shock. I viaggi d'affari torneranno al loro livello abituale? O saranno sostituiti da riunioni online? Le compagnie aeree, le catene alberghiere e le società di noleggio auto stanno trattenendo il fiato.
Gli shock settoriali costringono a diversi aggiustamenti. I processi di ristrutturazione influenzano tipicamente la domanda di lavoro, in quanto le aziende potrebbero dover modificare la composizione della loro forza lavoro. Lo shock Covid19 non sarà diverso. Un recente studio, pubblicato su International Tax and Public Finance, mostra che le imprese sono propense a sfruttare i programmi di pensionamento per adattare la loro forza lavoro dopo uno shock settoriale.
Questo studio analizza l'introduzione di accordi commerciali bilaterali tra la Svizzera e l'UE, che hanno migliorato l'accesso al mercato estero per alcune imprese svizzere. Gli episodi di liberalizzazione del commercio sono noti per indurre importanti effetti di riallocazione. Un migliore accesso ai mercati esteri porta le imprese esistenti e quelle di nuova creazione a sfruttare questa nuova opportunità per migliorare la loro competitività. Le imprese possono scegliere di sottoporsi a un processo di ristrutturazione che modifica la loro domanda di lavoro. Tipicamente, le imprese cercano lavoratori più qualificati e possono licenziare i lavoratori anziani, che mostrano un'obsolescenza delle competenze e una minore adattabilità.

Gli accordi bilaterali UE-Svizzera I, firmati nel 1999 e attuati nel 2020, includevano un accordo di riconoscimento reciproco (MRA), che ha ridotto le barriere tecniche al commercio tra la Svizzera e l'UE. L'MRA ha introdotto il riconoscimento reciproco delle valutazioni di conformità degli standard, come certificati, test, autorizzazioni di prodotto, in una vasta gamma di prodotti industriali, semplificando così le procedure e riducendo i costi per i produttori di entrambi i mercati. Tuttavia, l'accordo non ha interessato tutte le industrie del settore manifatturiero, ma solo quelle tipicamente coperte da accordi di conformità, a causa di requisiti di compatibilità o interoperabilità, come le apparecchiature di telecomunicazione, le buone pratiche di fabbricazione dei medicinali e i prodotti elettronici.
Poiché solo le imprese che operano nei settori coperti dall'ARR hanno ottenuto un accesso più semplificato e meno costoso al mercato UE, è stato possibile confrontare il comportamento organizzativo di queste imprese con quello delle imprese dei settori non coperti dall'accordo. L'evidenza empirica mostra che le imprese delle industrie manifatturiere colpite hanno iniziato ad adeguare la loro forza lavoro subito dopo l'annuncio dell'accordo nel 1999. Hanno per lo più sfruttato i programmi di prepensionamento. I lavoratori anziani di queste industrie avevano 7 punti percentuali in più di probabilità di andare in pensione anticipata, il che corrisponde a 49 mila pensionati in più su una popolazione anziana (età 56-64) di quasi 700 mila individui. Rispondendo agli incentivi economici, questi aggiustamenti sono stati più pronunciati nelle grandi imprese, nelle imprese esportatrici e nelle imprese caratterizzate da grandi differenze salariali tra lavoratori giovani e anziani.
Nonostante la diversa natura dello shock settoriale, i risultati di questo studio possono aiutarci a capire gli aggiustamenti che si prospettano per molte imprese, soprattutto in Italia. Finora l'occupazione è calata quasi esclusivamente per la scadenza - e il mancato rinnovo - dei contratti a termine. Quando il blocco dei licenziamenti sarà revocato, nuovi aggiustamenti della forza lavoro avranno luogo e i prepensionamenti saranno richiesti.
 
 
 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Tutte le forme di impegno della leadership

    I paesi emergenti sono afflitti da lacune istituzionali tra cui sistemi educativi deboli, bassi tassi di alfabetizzazione e accesso limitato all'istruzione di qualita'. Uno studio analizza le ragioni e i metodi di investimento nell'istruzione da parte dei business leader nei paesi emergenti

  • Se Kung Fu Panda ha il Covid

    Tra le vittime della pandemia anche gli Zoo. Ma il caso dell'Hongshan Forest Zoo di Nanjing, in Cina, e' un esempio positivo di resilienza e rilancio basato su una strategia di comunicazione efficace e trasparente. Che puo' essere d'esempio non solo per gli Zoo

  • Gli stilisti (non) sono i dittatori dei gusti

    Uno studio confuta la celebre frase dello stilista Karl Lagerfeld e mette in evidenza l'influenza dei critici di moda nel determinare l'evoluzione dello stile e il grado di innovazione delle nuove collezioni rispetto alle precedenti

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31