Donne che scelgono donne
OPINIONI |

Donne che scelgono donne

PER COLMARE IL GENDER GAP SERVONO SOLUZIONI SISTEMICHE IN TUTTI GLI AMBITI. UNO STUDIO ANALIZZA LA SELEZIONE DELLE STARTUP PER L'ACCESSO AI PROGRAMMI DI ACCELERAZIONE

di Nilanjana Dutt, Dipartimento di management e tecnologia

Gli studiosi e gli operatori del settore si preoccupano delle conseguenze economiche e sociali del divario tra i sessi. Mentre gli ultimi decenni hanno visto un miglioramento lungo alcune dimensioni del divario di genere, il Covid19 ha devastato le economie di tutto il mondo e ha ampliato il divario di genere. Questa tendenza è, purtroppo, per lo più vera e indipendente dalla posizione geografica, dall'industria o dalla natura del lavoro.
Se da un lato questa svolta mostra un peggioramento della visione delle economie globali e delle culture del lavoro, dall'altro evidenzia la necessità di soluzioni sistemiche per ridurre il divario di genere. Ricerche precedenti nei settori dell'economia, della sociologia, del management, delle scienze politiche e della teoria critica hanno misurato attentamente la presenza di un divario di genere nell'economia. Questo divario esiste quando si esaminano gli input, come la partecipazione al lavoro e all'imprenditorialità. Così come nei risultati, come le promozioni, gli stipendi e il successo imprenditoriale. Lungo alcune dimensioni - come l'ingresso nell'imprenditorialità e la raccolta di fondi di capitale di rischio - il divario di genere è grande, anche nelle economie sviluppate.

Sebbene la portata del problema sia ben riconosciuta dai ricercatori e le sue conseguenze siano ben riconosciute dai responsabili politici e dai professionisti, le soluzioni sono scarse. La maggior parte delle soluzioni proposte, che hanno mostrato una certa riduzione del divario di genere, impone alle lavoratrici e alle imprenditrici l'onere di ristrutturare le loro imprese o di nascondere il loro genere. Noi sosteniamo invece che le soluzioni sostenibili devono essere sistemiche. Più specificamente, dobbiamo testare e sviluppare cambiamenti sistemici nel modo in cui le donne sono indotte a partecipare al lavoro e a trarne beneficio.
In un progetto in corso in collaborazione con Sarah Kaplan, testiamo una possibile soluzione al divario di genere nell'imprenditorialità. Utilizzando il contesto dei programmi di accelerazione di innovazione sociale, consideriamo come una migliore rappresentanza delle donne nei comitati di selezione potrebbe ridurre il divario di genere all'ingresso nell'imprenditorialità. In particolare, una migliore rappresentanza femminile nei comitati di selezione dovrebbe portare a migliori risultati di selezione per le donne imprenditrici.
Teoricamente, l'idea che la rappresentanza dovrebbe migliorare i risultati per un gruppo minoritario è ben radicata. Tuttavia, la ricerca empirica su questo argomento è relativamente eterogenea. Alcuni studi suggeriscono che la rappresentanza aiuta solo se supera la soglia della "massa critica". Altri studi hanno dimostrato che i membri non appartenenti a minoranze del comitato di selezione possono cambiare il loro comportamento all'aumentare della quota di membri di minoranza. Inoltre, i membri di minoranza non vengono selezionati in modo casuale, il che può influenzare la misura in cui possono comportarsi in modo diverso dagli altri membri del comitato di selezione.
I nostri risultati finora sono contrastanti. Gli acceleratori con quote più elevate e un numero maggiore di selezionatrici selezionano un numero maggiore di donne imprenditrici. Eppure tali comitati tendono ad essere più grandi, e i comitati più grandi sono più selettivi. Poiché le donne candidate tendono a candidarsi a programmi con questi gruppi di selezionatrici più ampi e diversificati per genere, gli acceleratori rifiutano le donne a un tasso più elevato rispetto agli uomini. L'effetto netto è che non ci sono miglioramenti in termini di divario di genere.

Anche se non possiamo misurarli, vale la pena di considerare le conseguenze di questa constatazione. Da un lato, ciò significa che gli acceleratori potrebbero rinunciare ai benefici finanziari e filantropici che avrebbero potuto trarre da queste iniziative guidate da donne. Dall'altro lato, questo risultato suggerisce che ci sono notevoli svantaggi nei processi di selezione di tali programmi. Questi risultati evidenziano la necessità di identificare molteplici interventi sistemici per affrontare questa sfida sociale e di individuare una spiegazione del perché persiste il divario di genere nell'imprenditorialità.
 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Tutte le forme di impegno della leadership

    I paesi emergenti sono afflitti da lacune istituzionali tra cui sistemi educativi deboli, bassi tassi di alfabetizzazione e accesso limitato all'istruzione di qualita'. Uno studio analizza le ragioni e i metodi di investimento nell'istruzione da parte dei business leader nei paesi emergenti

  • Se Kung Fu Panda ha il Covid

    Tra le vittime della pandemia anche gli Zoo. Ma il caso dell'Hongshan Forest Zoo di Nanjing, in Cina, e' un esempio positivo di resilienza e rilancio basato su una strategia di comunicazione efficace e trasparente. Che puo' essere d'esempio non solo per gli Zoo

  • Gli stilisti (non) sono i dittatori dei gusti

    Uno studio confuta la celebre frase dello stilista Karl Lagerfeld e mette in evidenza l'influenza dei critici di moda nel determinare l'evoluzione dello stile e il grado di innovazione delle nuove collezioni rispetto alle precedenti

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31