Gli studenti CIVICA affrontano le sfide chiave per il futuro dell'Europa
CAMPUS |

Gli studenti CIVICA affrontano le sfide chiave per il futuro dell'Europa

PIU' DI 30 STUDENTI DELLE UNIVERSITA' CIVICA SONO AL LAVORO PER TERMINARE LA LORO BOZZA DEL 'REPORT ON THE FUTURE OF EUROPE' CON L'OBIETTIVO DI COINVOLGERE I GIOVANI EUROPEI NEL DIBATTITO

Più di 30 studenti di tutte le università di CIVICA (e anche dell'Università di Ginevra ed ESADE) stanno lavorando duramente per finire la loro bozza del ‘Report on the Future of Europe’. Il rapporto finale, un'iniziativa proposta dalla Société des Membres de la Légion d'Honneur (SMLH) per celebrare il centenario delle sezioni estere della SMLH, sarà presentato a figure di alto profilo delle istituzioni europee e del mondo accademico all'evento del Centenario della SMLH, presso l'Ambasciata di Francia a Roma nel corso del 2021.
Quali sono i valori fondamentali incarnati dall'Unione europea? L'Ue li rispetta davvero? Come può l'Ue affrontare le grandi sfide poste dalla crisi sanitaria globale, il cambiamento climatico, le migrazioni internazionali, la disgregazione tecnologica? Queste sono alcune delle domande su cui gli studenti stanno riflettendo per proporre una visione per una via da seguire, con l'obiettivo di coinvolgere i giovani europei nel plasmare attivamente il dibattito. La stesura del rapporto è sotto la guida di due mentori accademici: Carlo Altomonte, Università Bocconi, e Frédéric Esposito, Università di Ginevra.
Abbiamo parlato con due studenti coinvolti nel progetto, Giulio Cervi, 23 anni, studente del Double Degree Bocconi-LSE in European and International Public Policy & Politics, e studente ambasciatore di CIVICA, e Marianna Skoczek-Wojciechowska, 24 anni, studentessa del Master in European Affairs a Sciences Po.
 
Giulio, quali temi state affrontando nel Rapporto e come li avete scelti?
Quante volte abbiamo sentito dire che "l'Europa sarà forgiata nelle crisi"? Ci è sembrato opportuno partire da una discussione sulle molte crisi che l'Ue ha attraversato e usarle come strumento per portare un cambiamento positivo. Così, abbiamo organizzato il nostro Rapporto intorno a sette sfide chiave per il futuro dell'Europa: rafforzare l'identità europea, rompere lo stallo istituzionale e promuovere la legittimità democratica, migliorare l'efficacia della governance economica, gestire l'emergenza ambientale, affrontare la crisi migratoria, governare il potere dirompente della tecnologia, e - ultimo ma non meno importante - prepararsi per una prossima pandemia. Queste non sono assolutamente le uniche sfide che ci attendono, ma crediamo che sia un buon punto di partenza.
 
Marianna, perché hai deciso di partecipare a questo progetto?
Partecipare alla stesura del Report on the Future of Europe mi è sembrata una grande opportunità per scambiare idee e discutere delle preoccupazioni e delle sfide che l'Europa sta affrontando con studenti europei provenienti da diversi contesti. Credo che sia importante rendere la discussione sull'Ue più presente nelle nostre società. È molto incoraggiante per me che ci sia una volontà tra le giovani generazioni di identificare le sfide e le opportunità dell'integrazione europea.
 
Giulio, quanti studenti ci stanno lavorando e come state lavorando tutti insieme?
Più di 30 studenti, provenienti da 10 paesi diversi, sono coinvolti nel progetto. Siamo divisi in gruppi di lavoro, ognuno dei quali si concentra su un capitolo del Rapporto. Siamo stati liberi di unirci ai gruppi di lavoro che ci interessavano di più o dove potevamo contribuire in modo significativo. La maggior parte dei partecipanti appartiene ad almeno due gruppi di lavoro, il che è un bel modo per creare connessioni non solo all'interno del Rapporto ma anche tra di noi. Finora abbiamo avuto quattro riunioni generali e innumerevoli incontri di gruppo. Inoltre, i due mentori accademici ci stanno aiutando molto nell'assicurarci di consegnare un prodotto di alta qualità.
 
Marianna, com'è questa esperienza di collaborazione?
Abbiamo dovuto adattarci alle sfide del nostro tempo - cioè la pandemia globale. Pertanto, l'intera esperienza collaborativa deve essere condotta tramite strumenti online. Sono abbastanza impressionata dal fatto che stiamo riuscendo a progredire nella nostra relazione pur incontrandoci solo su Zoom e scambiandoci idee su WhatsApp. Durante la nostra prima riunione generale a settembre abbiamo avuto la possibilità di scambiare idee con i nostri mentori accademici, e fare un brainstorming sulle idee generali che vorremmo includere nel nostro rapporto. Abbiamo poi diviso il lavoro in diversi gruppi dove ognuno ha avuto la possibilità di contribuire e discutere. Questa relazione è un esercizio genuinamente collaborativo.
 
Giulio, quali sono i prossimi passi del progetto?
Per l'inizio di marzo puntiamo a completare la revisione della seconda bozza. Poi la invieremo per l'editing finale e la traduzione in francese e italiano. Siamo molto grati alla SMLH per questa incredibile opportunità di interagire con politici europei e figure di alto livello. Insieme ai mentori accademici stiamo parlando dell'eredità del Rapporto e di come massimizzare il suo impatto. Con l'avvicinarsi della Conference on the Future of Europe, noi, come giovani europei, crediamo di avere qualcosa da dire. Una cosa è chiara: abbiamo appena iniziato.
 
Marianna, quale ‘sentimento’ sta emergendo?
La mia sensazione durante il lavoro su questo rapporto è che ci sono molti giovani appassionati dell'Europa e profondamente preoccupati per il suo futuro. Questo è un segno molto positivo per l'Europa, credo. Detto questo, la nostra relazione identifica diversi problemi e sfide con l'integrazione europea che non sono necessariamente rassicuranti. Pertanto, credo che l'Europa avrà bisogno di leader forti, appassionati e visionari pronti ad affrontare il futuro.


 

di Tomaso Eridani

Ultimi articoli Campus

Vai all'archivio
  • #GenerazioneEU: cosa vuol dire essere giovani in Europa

    Abbandono scolastico, neet, eta' di uscita dalla famiglia di origine e di ingresso nel mondo del lavoro: Nicoletta Balbo (Bocconi) e l'europarlamentare Brando Benifei discutono delle sfide che incontrano i ragazzi europei nella costruzione del proprio futuro

  • Bocconi and Jobs, al via il 13 aprile la terza edizione Virtual

    Tre giornate di incontri con gli employers a disposizione di studenti e neolaureati per un primo approccio con il mondo del lavoro

  • La mafia in tempo di pandemia al centro della Giornata del Giurista

    Sara' Roberto Saviano l'ospite lunedi' 12 aprile del tradizionale evento organizzato ogni anno in collaborazione con i rappresentanti degli studenti di Giurisprudenza

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30