Quante poltrone ha il tuo partito? Dipende da che elettore sei
OPINIONI |

Quante poltrone ha il tuo partito? Dipende da che elettore sei

NEI SISTEMI PARLAMENTARI CON GOVERNI DI COALIZIONE LA CONTRATTAZIONE E' LA NORMA. CIASCUN PARTITO CERCA DI OTTENERE IL RISULTATO PIU' VISIBILE AGLI OCCHI DEL PROPRIO (INCONSAPEVOLE) ELETTORATO. E PER FARLO DEVE CEDERE SU ALTRI FRONTI

di Lanny Martin, professore di Political Science alla Bocconi

Nella maggior parte delle democrazie, in particolare nei sistemi parlamentari come l'Italia, il governo pluripartitico è la norma. Una delle caratteristiche centrali di questo tipo di governo è che richiede la contrattazione e il compromesso tra partiti con piattaforme elettorali distinte. I partner della coalizione devono concordare una politica comune e devono distribuire importanti ministeri e altri requisiti di carica. Qual è la natura di queste contrattazioni?  Quanto successo hanno i partiti nel garantire ciò che essi stessi (e i loro elettori) apprezzano e quali sono i fattori che determinano la loro capacità di farlo?  Queste domande sono importanti non solo per gli accademici e gli analisti politici, ma anche per i cittadini che prendono decisioni di voto, valutano le prestazioni dei loro rappresentanti eletti e valutano la qualità della governance.
 
In un recente studio, "What You See is Not Always What You Get: La contrattazione di fronte a un pubblico in un governo multipartitico", io e il mio coautore Georg Vanberg (Duke University) sosteniamo che ciò che i partiti ottengono nella contrattazione di coalizione è in parte una funzione della raffinatezza politica dei loro sostenitori. Le élite del partito si preoccupano naturalmente di come qualsiasi accordo che scelgono di accettare sarà percepito e sono interessati in particolare a ricevere ricompense dalla contrattazione che non siano minori di quelle che i sostenitori vedrebbero come "giuste" per il partito. Alcuni di questi sostenitori (come gli elettori e i gruppi di pressione altamente interessati) seguono la politica da vicino e sono a conoscenza dei dettagli delle negoziazioni di coalizione. Altri (tra cui la maggioranza degli elettori) sono politicamente meno informati e sono consapevoli solo degli aspetti più salienti e facilmente osservabili delle trattative di coalizione.  
 
Noi sosteniamo che - dal momento che la maggior parte dei sostenitori del partito non sono politicamente consapevoli - i partiti devono essere incentivati a negoziare risultati che riflettano le aspettative dei sostenitori principalmente sui beni più visibili distribuiti in un affare. Un esempio di bene visibile è la quota di ministeri ricevuti dai partiti. Recenti lavori di scienze politiche hanno dimostrato che gli elettori sono generalmente consapevoli di questo risultato di contrattazione e che si aspettano che ogni partito della coalizione riceva una quota di ministeri che sia approssimativamente proporzionale al numero di seggi legislativi che contribuiscono alla coalizione. Pertanto, prevediamo che, poiché questo bene è visibile alla maggior parte degli elettori ed è facilmente confrontabile con le loro aspettative, i partiti insisteranno per ricevere una quota di ministeri che sia proporzionale alla loro dimensione relativa. 

Allo stesso tempo, un tale risultato non sarà in genere in linea con la forza contrattuale sottostante delle parti. Di conseguenza, sosteniamo, le élite delle parti utilizzeranno "pagamenti collaterali" di beni meno visibili per conciliare la contrattazione complessiva della coalizione con il relativo potere contrattuale. Vale a dire, le parti che sono "sottocompensate" (rispetto alla loro forza contrattuale) rispetto alla quota numerica dei ministeri saranno remunerate dai loro partner "sovracompensati" attraverso concessioni su aspetti più complessi dell'affare.  Sviluppiamo una misura empirica di un risultato di contrattazione complesso che corrisponde al "rischio politico" associato ad una particolare assegnazione di ministeri.  Questo rischio nasce dal fatto che i ministri possono usare i loro considerevoli poteri di agenda per attuare politiche nelle loro giurisdizioni che violano l'accordo di coalizione. Il rischio politico per un partito aumenta se i ministeri che non sono sotto il suo controllo si rivolgono a partner della coalizione con posizioni politiche molto diverse nelle aree tematiche a cui il partito tiene molto. I nostri risultati, basati su un'analisi di 308 situazioni di contrattazione in 16 democrazie, forniscono supporto alla nostra argomentazione.  Per raggiungere la proporzionalità numerica attesa dai sostenitori politicamente poco sofisticati, un partito "sovracompensato" è generalmente disposto a permettere ai suoi partner sottocompensati di controllare i ministeri su dimensioni importanti su cui le preferenze dei partiti divergono in modo significativo.

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • La rivoluzione elettrica della mobilita'

    Innovazione e sostenibilita' sono al centro del nuovo trasporto pubblico. Che punta anche sui servizi

  • Il cibo e' un'icona

    Qualita', esperienza, servizio: tre mosse per esportare (e importare) in modo vincente anche in Italia i brand del food and beverage

  • Rintrecciare i fili della citta'

    Dare voce alla complessita' delle societa' umane e farlo in modo sostenibile e' una delle sfide dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Sfida che puo' essere vinta dando vita a progetti di rigenerazione urbana che tengano conto delle interconnesse questioni di carattere economico, sociale, ambientale, istituzionale e fisico di ciascuna area

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31