Elezioni americane: quanto pesano sulla politica internazionale
OPINIONI |

Elezioni americane: quanto pesano sulla politica internazionale

ININFLUENTE NEL CORSO, E PER L'ESITO, DELLE CAMPAGNE ELETTORALI, LA POLITICA ESTERA DEGLI STATI UNITI, SU CUI IL PRESIDENTE HA AMPI MARGINI DECISIONALI, E' IN GRADO DI DETERMINARE LE RELAZIONI INTERNAZIONALI. ANCHE QUANDO, COME NEL CASO DI DONALD TRUMP, QUESTA E' GUIDATA DAL DISIMPEGNO E DAL PRINCIPIO AMERICA FIRST

di Massimo Morelli, professore di Political Science alla Bocconi

Anche se la politica estera non è affatto un argomento di rilievo nelle campagne politiche e nei dibattiti di qualsiasi elezione presidenziale e la priorità è sempre data alle politiche economiche, l'ordine di importanza viene invertito quando ci si concentra sulle conseguenze determinate dal chi vince: il Presidente ha infatti molta più libertà nelle decisioni di politica estera di quanta ne possa mai ottenere in termini di politica interna, dove regna il Congresso.

Essendo gli Stati Uniti una superpotenza (e quella dominante dopo la fine della guerra fredda), è ovvio che il modo in cui un nuovo Presidente americano cambia la dottrina della politica estera è importante per le relazioni internazionali. Tuttavia, l'esercizio diretto del potere americano non è quello che dovrebbe preoccuparci di più: sosterrò che la sicurezza internazionale e nazionale può essere influenzata in tutte le forme anche quando l'esercizio diretto del potere è in realtà inferiore alle aspettative.
La politica estera del presidente Trump si distingue da quella dei precedenti presidenti in due modi principali, entrambi legati al principio populista "l'America prima di tutto".
 
In primo luogo, la politica estera di Trump ha usato in modo aggressivo il cosiddetto ‘statecraft economico’, che significa protezionismo insieme a coercizione economica e sanzioni, per perseguire obiettivi di politica estera (Drezner, 2019). La guerra commerciale è solo la componente più spesso discussa di tale strategia.
 
La seconda componente importante che caratterizza la politica estera del presidente Trump è il ‘disimpegno strategico’ (detto anche Pulling back, Posen, 2013), creando vuoti di sicurezza e minacciando la stabilità regionale.
 
Nel mio articolo su Populismo e guerra con Mattozzi e Nakaguma analizziamo le terribili conseguenze delle due suddette componenti dell'attuale politica estera statunitense per i conflitti e le disuguaglianze in tutto il mondo. Mostriamo che la componente statecraft determina un aumento del rischio di guerra civile in tutti i paesi etnicamente divisi, insieme a un aumento delle disuguaglianze all'interno e tra i paesi.
 
Inoltre, il disimpegno strategico aumenta sempre almeno uno di questi due effetti, a seconda del lato in cui avviene il disimpegno. Gli effetti sul rischio di conflitti interstatali sono più sfumati:
il protezionismo può aumentare il rischio di conflitto nelle controversie bilaterali in cui un Paese è aperto e militarmente forte mentre l'altro è chiuso e militarmente debole. Troviamo che una riduzione del commercio globale rende il Paese aperto e militarmente forte
più aggressivo. La maggiore aggressività della Turchia in tutte le controversie bilaterali e multilaterali osservate di recente non è quindi una sorpresa, date le nostre scoperte.
Inoltre, è vero in generale che il disimpegno degli Stati Uniti dalla parte di un Paese più debole aumenta il rischio di conflitti.
 
Sanders sembrava condividere in parte la strategia di disimpegno, soprattutto a causa della proposta di ridurre la spesa per la difesa per fare spazio alle politiche di welfare, ma l'aspettativa era che il suo atteggiamento più cooperativo sulle questioni ambientali avrebbe potuto compensare.  Inoltre, nessuno si sarebbe aspettato che Sanders continuasse sulla strada dell'aggressività statale. Ci si aspetta anche che Biden faccia grandi cambiamenti in direzione del libero scambio e della cooperazione internazionale.
Così l'elezione di uno sfidante a novembre avrebbe conseguenze molto grandi per le relazioni internazionali.
 
In termini di politica interna, d'altra parte, Biden costituirà una discontinuità soprattutto sulle politiche sociali e culturali.
Ma in generale i cambiamenti di politica interna dipendono molto più da quale partito ha la maggioranza alla Camera e al Senato che dal Presidente.
Come sappiamo, anche Obama Care ha fatto poco per cambiare il potere delle compagnie private di assicurazione sanitaria, e Wall Street è altrettanto soddisfatta di Trump o Biden. Main Street trarrebbe sicuramente beneficio da un cambiamento alla Casa Bianca, ma solo se in concomitanza con una significativa maggioranza democratica al Senato.
Tuttavia, la forma inefficiente di ridistribuzione in atto oggi attraverso il protezionismo e le frontiere chiuse verrebbe probabilmente sostituita da politiche redistributive più sane che avrebbero meno ricadute negative sull'efficienza e sull'uguaglianza in tutto il mondo.

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Il gioco diversivo di Trump

    Spostare l'attenzione dalla gestione della pandemia e delle sue conseguenze economiche a questioni sociali che infiammano l'opinione pubblica come il movimento Black Lives Matter: questa la strategia del presidente americano durante questa campagna elettorale. Strategia che porta avanti a colpi di tweet

  • Il credito deteriorato fa svanire quello sano

    L'ammontare di non performing loans detenuti dalle banche europee va contenuto e ridotto perche' induce una stretta creditizia. Soprattutto adesso che la situazione economica si fa difficile

  • Quante poltrone ha il tuo partito? Dipende da che elettore sei

    Nei sistemi parlamentari con governi di coalizione la contrattazione e' la norma. Ciascun partito cerca di ottenere il risultato piu' visibile agli occhi del proprio (inconsapevole) elettorato. E per farlo deve cedere su altri fronti

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31