Mario Monti: imparare dalla Pandemia per migliorare il coordinamento internazionale in futuro
CAMPUS |

Mario Monti: imparare dalla Pandemia per migliorare il coordinamento internazionale in futuro

PER IL PRESIDENTE DELLA BOCCONI, ALLA GUIDA DELLA COMMISSIONE PER LA SALUTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DELL'OMS CHE DEVE RIPENSARE LE PRIORITA' DI POLICY IN BASE ALL'ESPERIENZA DELLA PANDEMIA, E' NECESSARIO 'GUARDARE A COME IL CONCETTO DI SVILUPPO SANO DOVREBBE ESSERE SEMPRE PIU' INTEGRATO IN UNA NOZIONE DI SVILUPPO SOSTENIBILE'

L'ufficio regionale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per l'Europa ha convocato una Commissione paneuropea per la salute e lo sviluppo sostenibile per ripensare le priorità politiche sulla base dell'esperienza della pandemia di Covid19. Presieduta dal presidente dell'Università Bocconi Mario Monti, dall'agosto 2020 la Commissione riunisce ex capi di Stato e di governo, scienziati della vita ed economisti, responsabili di istituzioni sanitarie e sociali, leader della comunità imprenditoriale e istituzioni finanziarie. Con il supporto di un comitato scientifico consultivo, la Commissione raccoglierà e riesaminerà il lavoro di ricercatori, professionisti e scienziati di tutta la regione e produrrà un rapporto nel settembre 2021. C'è molto spazio per migliorare il coordinamento internazionale, dice il professor Monti a viaSarfatti25.  

Come hanno reagito le istituzioni europee a Covid19? Cosa hanno fatto bene e cosa avrebbero potuto fare diversamente?
Come tutti gli altri, sono state colte di sorpresa. Nell'ambito del nostro lavoro presso la Commissione paneuropea per la salute e lo sviluppo sostenibile, forniremo raccomandazioni per migliorare la cooperazione internazionale sulle questioni sanitarie, sia a livello più ampio, sia a quello più ristretto e intensivo dell'UE. Ripetuti episodi hanno mostrato una mancanza di cooperazione fin dall'inizio, per quanto riguarda gli standard di valutazione dell'esistenza del Covid19 e della condizione di evoluzione di questa malattia, e - ancora più marcatamente - una mancanza di coordinamento, quando tutti gli Stati membri tendevano a proteggere prima di tutto i propri cittadini. Il che è una reazione automatica e ovvia. Anche all'interno dell'UE, i Paesi hanno introdotto restrizioni alla circolazione delle persone e restrizioni alle merci (per quanto riguarda le attrezzature mediche). E ora, in questa fase di competizione - diciamo positiva - sui vaccini, l'approccio tende ad essere nazionalistico e non ampiamente coordinato. C'è molto da fare su questo fronte.

Qual è la missione della Commissione paneuropea per la salute e lo sviluppo sostenibile?
Vorremmo creare un forum di discussione su come collegare questo disastro attuale con le politiche future e incorporare questo aspetto nel nostro pensiero in modo che la pandemia non sia vista come un caso isolato. Condurremo un'ampia analisi esaminando molti pezzi del puzzle. Ci consulteremo con esperti di tutto il mondo, compresi quelli di paesi extra-europei, che non sono membri della nostra Commissione, al cui pensiero siamo interessati. E ascolteremo e consulteremo anche le parti interessate dei sistemi sanitari. Siamo un gruppo multidisciplinare non remunerato che è completamente indipendente dall'Organizzazione Mondiale della Sanità stessa e dai governi degli Stati membri. Le nostre proposte e raccomandazioni varranno solo per la loro capacità di persuadere. Non possono essere imposte, perché non siamo un organo decisionale. La nostra relazione sarà adottata dalla nostra Commissione in piena indipendenza e sarà resa pubblica. L'OMS può essere d'accordo o meno con alcune raccomandazioni. Il nostro obiettivo è quello di mostrare strade e viali, o strade strette, che i governi potrebbero non aver considerato. E vogliamo anche aumentare la consapevolezza di alcuni fenomeni presso l'opinione pubblica. Si tratta di guardare al futuro e non di fare raccomandazioni specifiche per paese su ciò che è stato fatto più o meno bene.

Quali sono le questioni che la Commissione esaminerà oltre a migliorare il coordinamento internazionale?
Vogliamo valutare il modo in cui il concetto di sviluppo sano debba essere sempre più integrato in una nozione di sviluppo sostenibile. Non solo dando maggiore enfasi alla salute nella definizione di sviluppo, ma anche esaminando una serie di relazioni reciproche tra queste due cose. Ad esempio, quali sono le conseguenze per lo sviluppo sostenibile di questa crisi sanitaria? Possono essere enormi. Questa pandemia sta anche scuotendo le fondamenta della fiducia della gente nel futuro. I piani di spesa delle famiglie, dei singoli e del settore economico rimarranno invariati? Oppure ci è stato iniettato una sorta di "vaccino negativo" che aumenta la nostra percezione di debolezza, fragilità e imprevedibilità che rallenterà la spesa e gli investimenti per gli anni a venire? È quindi fondamentale individuare politiche nei Paesi, a livello europeo e globale, che possano, in primo luogo, ridurre la probabilità di nuove pandemie in futuro. E che, in secondo luogo, aiutino la società e la politica di affrontarle nel modo migliore, più sollecito e coordinato la prossima volta (e potrebbe esserci una prossima volta) in modo da ridurre l'impatto non solo in termini di vite umane, ma anche per l'economia e le prospettive di crescita. La missione della commissione è "Ripensare le priorità politiche alla luce delle pandemie".  Il ruolo della salute, ma anche quello di cercare di salvaguardare l'ambiente: potrebbe esserci un legame tra il deterioramento dell'ambiente e lo scoppio di pandemie. Ecco perché la Commissione è così multidisciplinare. È fondamentale riconoscere l'importanza di sistemi sanitari e di assistenza sociale forti per far sì che tutto questo avvenga, e che non siano dati per scontati in mezzo a priorità politiche concorrenti.

Il virus si è mosso più velocemente di quanto l'Organizzazione Mondiale della Sanità potesse fare, rendendo l'OMS vulnerabile alle critiche che avrebbe potuto fare di più. Come persona con esperienza nelle istituzioni internazionali, quali sono, secondo lei, i difetti del nostro sistema di governance sanitaria globale?
Il fatto che i virus viaggiano senza ostacoli dimostra che la globalizzazione può portare sia effetti positivi che negativi.  Come tutti i fenomeni umani, la globalizzazione ha bisogno di essere governata. Negli ultimi decenni sono stati creati meccanismi per gestire gli eventi in un sistema multilaterale: il WTO, il FMI, la Banca Mondiale e l'OMS.  La gestione globale della salute, a nostro avviso, è largamente insufficiente e non pienamente efficace. Ma c'è ancora chi dice che lo sforzo di governare il fenomeno con una governance multilaterale è andato male. Abbiamo assistito, soprattutto negli ultimi quattro anni negli Stati Uniti, a una riconsiderazione molto critica di questa governance globale incompleta, in un momento estremamente critico e delicato. Quella che alcuni pensano sia una governance veramente troppo poco coordinata, è invece considerata eccessiva da altri. Questo è un problema ancora più fondamentale del Covid. Riguarda l'intero concetto della possibilità o meno di gestire questo mondo globalizzato in modo cooperativo.

di Jennifer Clark

Ultimi articoli Campus

Vai all'archivio
  • Se consumi poco ti premio. Per non trovarsi con l'acqua alla gola

    Un progetto realizzato da tre studenti del Bemacs, nell'ambito di una competition organizzata da Ibm, si aggiudica il primo premio grazie a un'app che prevede incentivi e penalizzazioni per il corretto utilizzo dell'acqua

  • Il SIOS 2020 celebra l'anno del digitale

    Lo Startup Italia Open Summit organizzato da StartupItalia e Universita' Bocconi vede un ricco programma di incontri online sui temi imprenditorialita', innovazione e futuro. Tra gli speaker il rettore, B4i e alcuni docenti della Bocconi, il cui palco dell'aula magna fara' da hub per la giornata finale

  • Il messaggio di Angela Merkel alla Bocconi in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico

    Alla cerimonia di apertura, oggi in diretta streaming, il presidente della Bocconi Mario Monti ha letto un messaggio che il Cancelliere federale tedesco ha inviato all'Universita'

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31