Coronavirus, quando la sicurezza alimentare incrina i rapporti tra gli stati
OPINIONI |

Coronavirus, quando la sicurezza alimentare incrina i rapporti tra gli stati

LE RESTRIZIONI ALLE ESPORTAZIONI DI GENERI ALIMENTARI INTRODOTTE DA ALCUNI PAESI POSSONO ESSERE GIUSTIFICATE IN BASE ALLE REGOLE DEL WTO? FORSE. TUTTAVIA, NON BISOGNA DIMENTICARE LE LEZIONI DELLA STORIA: L'AUTARCHIA SI E' SPESSO RIVELATA DIROMPENTE PER I PAESI CHE L'HANNO ATTUATA

di Viktoriia Lapa, PhD fellow, Dipartimento di studi giuridici della Bocconi

L'attuale pandemia COVID-19 ha portato in prima linea molte questioni legislative e di politiche nazionali, dall'importanza dei sistemi sanitari alla sicurezza sul lavoro. Allo stesso modo, in ambito internazionale, lo scoppio del COVID-19 ha dimostrato la fragilità delle supply chain e della cooperazione globale.

Mentre gli appelli a non distruggere le supply chain abbondano, molti paesi hanno già adottato una serie di restrizioni all'esportazione a partire da forniture mediche, dispositivi di protezione e prodotti alimentari. Tutte queste restrizioni commerciali potrebbero violare il divieto di restrizioni quantitative, come prescritto dalle regole del WTO. La domanda che sorge spontanea è: queste restrizioni possono essere giustificate in base a determinate eccezioni previste dalla legge del WTO? E se sì, per quali motivi?

È probabile che le restrizioni al commercio di forniture mediche e di dispositivi di protezione siano giustificate in quanto necessarie per proteggere la salute pubblica ai sensi dell'articolo XX (b) del GATT  (General Agreement on Tariffs and Trade). Tuttavia, il riferimento alla salute pubblica difficilmente giustificherebbe restrizioni all'esportazione di prodotti alimentari come il divieto di esportazione di frumento e farina.

Per fare un esempio, l'OMS ha dichiarato il COVID-19 come una pandemia globale l'11 marzo 2020 e la Macedonia del Nord il 20 marzo ha imposto il divieto di esportazione di frumento e farina. La Macedonia del Nord può giustificare le sue restrizioni sui prodotti alimentari con riferimento all'articolo XXI del GATT - un'eccezione di sicurezza nazionale nel caso in cui altri membri del WTO contestino le sue misure davanti al WTO? L'analisi ai sensi dell'articolo XXI (b)(iii) del GATT prevede diverse fasi.

In primo luogo, possiamo considerare la sicurezza alimentare come un interesse essenziale per la sicurezza dello Stato?  La sicurezza alimentare, come definita al Vertice mondiale sull'alimentazione del 1996, "Esiste quando tutte le persone, in ogni momento, hanno accesso fisico ed economico ad alimenti sufficienti, sicuri e nutrienti che soddisfano le loro esigenze alimentari e le loro preferenze alimentari per una vita attiva e sana". Alla luce di quanto sopra, i membri del WTO potrebbero affermare che pandemie come COVID-19 sono una minaccia esterna per la loro popolazione e garantire la sicurezza alimentare è un legittimo interesse di sicurezza essenziale in questo contesto.

In secondo luogo, possiamo considerare una pandemia come il COVID-19 un'emergenza nelle relazioni internazionali? Alcuni stati come gli Stati Uniti o la Russia hanno menzionato le pandemie nella loro strategia di sicurezza nazionale come minacce alla sicurezza nazionale nella sfera della sanità pubblica. Inoltre, ci sono già esempi in cui il Consiglio di Sicurezza dell'ONU ha riconosciuto che una malattia infettiva come l'Ebola "costituisce una minaccia per la pace e la sicurezza internazionale". Si potrebbe quindi ragionevolmente affermare che il COVID-19 non è solo un'emergenza nazionale, ma un'emergenza nelle relazioni internazionali.

Infine, quando si solleva un'eccezione di sicurezza, i membri del WTO dovrebbero (1) definire "interessi essenziali di sicurezza" in buona fede e (2) adottare misure per la protezione degli interessi essenziali di sicurezza in buona fede.

L'obbligo di buona fede, tra l'altro, richiede ai membri del WTO di dimostrare che le sue misure "non sono improbabili come misure di protezione di questi interessi". Ad esempio, i membri del WTO dovrebbero dimostrare che le loro restrizioni commerciali sono efficaci nel garantire la sicurezza alimentare o, visto da un altro punto di vista, che tali divieti non contribuiscono ad esacerbare gli effetti negativi sulla sicurezza alimentare - cioè non ci sono picchi di prezzo, ecc. Questo elemento sembra essere il più difficile da dimostrare per lo Stato, data l'interconnessione delle supply chain globali.

Riassumendo, i membri del WTO potrebbero essere in grado di giustificare i loro divieti di esportazione di prodotti alimentari con l’eccezionalità della sicurezza nazionale, se rispettano i requisiti di cui sopra. Detto questo, i membri del WTO non dovrebbero dimenticare che l'autarchia si è spesso rivelata dirompente: in Unione Sovietica, come ha riconosciuto Leonid Brezhnev nel 1981, la distribuzione e la fornitura di cibo era uno dei maggiori problemi economici e politici. Gli stati dovrebbero imparare la lezione della storia e collaborare per trovare una soluzione globale al COVID -19 invece di limitare il commercio. Come possiamo sperare, l'attuale pandemia è una "crisi globale, non una crisi di globalizzazione".

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Perche' il populismo di destra puo' crescere

    Da Trump a Johnson, gli effetti, a breve e lungo termine, sulla popolarita' dei leader e dei governi che hanno gestito la fase 1 e 2 della pandemia. E come la recessione economica puo' dare nuova linfa agli estremisti

  • La politica monetaria europea non e' piu' sola

    Dal Recovery fund, che utilizza il bilancio europeo in forma anticiclica, alla proposta nota come Next Generation, siamo di fronte a una svolta epocale e alla nascita di un primo germoglio di politica fiscale comune

  • Executive education: storia di una metamorfosi

    L'incertezza determinata dalla pandemia ha fatto emergere la necessita' di rafforzare nei manager le competenze di pensiero critico, creativita', people management e la capacita' di gestire situazioni complesse. L'uragano Covid19 arriva cosi' nelle scuole di management che dovranno arricchire i propri programmi dopo essersi adattate al vento dell'etica, della dei dati e del digitale che da inizio 2000 ha iniziato a soffiare sempre piu' forte

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31