La geopolitica ridisegnata dal Covid19
OPINIONI |

La geopolitica ridisegnata dal Covid19

MENTRE RUSSIA E CINA CERCANO DI CAPITALIZZARE LA PANDEMIA, LA PRIMA SUL FRONTE INTERNO E LA SECONDA CERCANDO DI ASSUMERE A LIVELLO MONDIALE IL RUOLO CHE EBBERO GLI STATI UNITI DOPO LA SECONDA GUERRA MONDIALE, L'EUROPA HA L'OPPORTUNITA' DI RIACQUISTARE CREDIBILITA' SE AGIRA' CON FORZA, COORDINAMENTO E SEMPLIFICAZIONE

di Massimo Morelli, Professore di Relazioni internazionali

Sta diventando finalmente chiaro alla maggior parte delle persone che nessuno può proteggersi dalle pandemie (come stato o anche come individuo) a meno che non si trovi una soluzione comune o tutti seguano una procedura condivisa, efficiente e cooperativa. Gli incentivi al freeriding a cui siamo abituati sono fondamentalmente autolesionistici. L'umanità dovrà, per interesse personale, convergere verso un comportamento più cooperativo e politiche coordinate.

I leader politici, purtroppo, non sono ancora allineati su questa necessità. La piena cooperazione e il coordinamento non si stanno ancora realizzando in Europa, a livello economico, e il tentativo russo, attraverso un enorme numero di notizie false, di descrivere le democrazie come inadeguate ad affrontare la crisi è pericoloso. Ma in questo caso mi aspetto che i singoli individui siano molto meno ricettivi a tali campagne, a differenza della passata esperienza di populismo. Al punto che anche alcuni leader populisti prendono le distanze dalla retorica ufficiale e non ufficiale russa. La Cina, più realisticamente, cercherà di giocare un ruolo simile a quello svolto dagli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale con il piano Marshall, utilizzando questa fase "anche" per ottenere ulteriori credenziali come superpotenza. Così sia la Cina che la Russia stanno cercando di capitalizzare la situazione, forse con l'obiettivo principale (interno) di rendere più basso il rischio di un tumulto interno contro il dominio autocratico (o anche di espandere il potere attraverso un referendum sul potere effettivo a vita). Gli obiettivi interni (resi salienti anche dalla sequenza di proteste a Hong Kong e in molti altri luoghi prima della crisi di Covid19 ) sono la naturale contropartita al discredito dell'inazione europea per ragioni geopolitiche.

L'Europa ha una grande opportunità di riacquistare credibilità e coesione lavorando con forza per coordinare gli sforzi economici contro i costi del coronavirus, e se i Paesi tedeschi e nordici bloccano tale opportunità ci sarà un costo molto alto anche in termini di solidità istituzionale e di sopravvivenza delle democrazie liberali. I coronabond sono una delle tante alternative, ma a questo punto sono soprattutto un simbolo. L'accordo e il coordinamento sono un simbolo importante, quindi mi aspetto almeno come segnale che qualcosa del genere avvenga, anche se con numeri non paragonabili a quelli delle azioni della BCE.

Tra i rischi che corriamo dopo le pandemie, oltre a quelli legati ai numerosi fallimenti e alle difficoltà economiche, ce n'è uno politico: i controlli e i bilanci democratici potrebbero perdere il sostegno dei cittadini. Per non dare l'impressione che solo le regole automatiche possano agire in modo rapido ed efficace, le democrazie devono agire rapidamente per ridurre i controlli burocratici. Per esempio, le invenzioni di nuove attrezzature mediche o la sperimentazione di nuovi farmaci dovrebbero essere valutate più velocemente, con meno fasi di certificazione. Una rapida adozione di strumenti coordinati di tracciabilità e rintracciabilità che rispettino l'anonimato potrebbe essere la dimostrazione che le caratteristiche negative del controllo autocratico sono evitabili. In un momento in cui la complessità è molto elevata, può essere utile semplificare il processo decisionale. Il rafforzamento del ruolo dell'Europa deve avvenire con la semplificazione e il coordinamento, evitando ad ogni costo qualsiasi livello burocratico aggiuntivo. Il mio sogno è un'Europa efficace, che possa anche convincere gli individui a cantare l'inno dell'Europa sul balcone, rimanendo a casa.
 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Il coronavirus mette a rischio anche l'accordo commerciale tra Ue e Uk

    Se a fine febbraio il negoziato sembrava in salita, l'arrivo della pandemia ha reso l'impresa ancora piu' ardua. In questi frangenti, la cosa piu' saggia sarebbe una pausa di riflessione

  • Quattro cose che ci sta insegnando la pandemia

    Navigare l'incertezza, gestire lo stress, ridefinire priorita' e urgenze, costruire team efficaci. Tutto questo, scrive Leonardo Caporarello, non e' rocket science e prima lo impariamo prima saremo in grado di vivere meglio la fase 2

  • Coronavirus, quando la sicurezza alimentare incrina i rapporti tra gli stati

    Le restrizioni alle esportazioni di generi alimentari introdotte da alcuni paesi possono essere giustificate in base alle regole del Wto? Forse. Tuttavia, non bisogna dimenticare le lezioni della storia: l'autarchia si e' spesso rivelata dirompente per i paesi che l'hanno attuata

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31