Il salto dell'internazionalizzazione
PERSONE |

Il salto dell'internazionalizzazione

FONDATA NEL 2011 DA GIOVANNI DAPRA' E PAOLO GALVANI, MONEYFARM E' OGGI UNA DELLE AZIENDE INNOVATIVE PIU' FINANZIATE IN ITALIA E IN EUROPA

A lungo Moneyfarm è stata considerata la scale-up italiana per eccellenza, ma oggi la definzione va stretta alla società digitale di gestione del risparmio fondata nel 2011 da Paolo Galvani e Giovanni Daprà. Gli ultimi round di finanziamento portano la cifra complessiva di capitali attratti a 115 milioni, il che ne fa una delle aziende innovative più finanziate in Italia e in Europa. «Un bel successo ma anche una grande responsabilità», commenta Daprà, una laurea triennale in Finanza in Bocconi nel 2005.
«Più si cresce, più aumentano l’attenzione ai risultati e la complessità dell’organizzazione. Il passaggio a una dimensione internazionale, inoltre, è un vero salto quantico e costringe a essere ancora più rigorosi nella gestione e nei processi».

Con sedi a Milano, Cagliari, Londra e Francoforte, Moneyfarm conta un team di oltre 120 professionisti e gestisce il patrimonio (830 milioni) di oltre 40.000 risparmiatori, con una crescita a doppia cifra. «Ci sono alcune costanti che ci accompagnano: la creazione di una solida cultura aziendale e il lavoro sul team, che è la prima variabile determinante per il successo», spiega Daprà. «A questo si aggiunge la scelta di avere una single platform per tutti i tre paesi in cui siamo presenti, che non è dettata solo da ragioni tecnologiche, ma è una strategia per portare il meglio di ognuno dei paesi negli altri due e non avere una localizzazione troppo accentuata». È già dunque ora di exit? «Per gli investitori finanziari è una prospettiva che ci deve essere, è normale, ma non credo che riguardi noi e sicuramente non me. Ho sempre detto che mi sarei sentito davvero un imprenditore nel momento in cui l’azienda fosse stata in grado di sostenersi da sola. Ancora non è così, ma ci siamo quasi, non c’è motivo per uscire ora».
 

di Francesco Elli

Ultimi articoli Persone

Vai all'archivio
  • La soluzione e' nei dettagli

    Il Covid19 siamo noi, la sua forza e' nei nostri comportamenti, la sua possibilita' di diffondersi dipende dalle molteplici variabili che caratterizzano le nostre citta'. Per questo, non solo e' difficile fare previsioni semplicistiche, ma e' necessario adottare un approccio multidisciplinare, racconta la direttrice del One Health Center della Florida e membro dello Iac Bocconi, Ilaria Capua

  • Il virus si vince con la contaminazione. Dei saperi

    Ne e' convinta Alessia Melegaro, demografa e direttore del Covid Crisis Lab. Una contaminazione e un network che devono essere costruiti in tempo di pace perche' e' difficile da improvvisare durante l'emergenza. Ecco perche' il nuovo Lab e' prima di tutto un modello perche' oggi abbiamo una parola che ci accomuna che e' Covid, ma domani potrebbero essere anche altre

  • Giorgio Sacerdoti decidera' nella controversia tra Ue e Ucraina

    Il professore della Bocconi, insieme ad altri due membri, chiamato a decidere in merito al blocco dell'esportazione di legname deciso dall'Ucraina

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31