Il salto dell'internazionalizzazione
PERSONE |

Il salto dell'internazionalizzazione

FONDATA NEL 2011 DA GIOVANNI DAPRA' E PAOLO GALVANI, MONEYFARM E' OGGI UNA DELLE AZIENDE INNOVATIVE PIU' FINANZIATE IN ITALIA E IN EUROPA

A lungo Moneyfarm è stata considerata la scale-up italiana per eccellenza, ma oggi la definzione va stretta alla società digitale di gestione del risparmio fondata nel 2011 da Paolo Galvani e Giovanni Daprà. Gli ultimi round di finanziamento portano la cifra complessiva di capitali attratti a 115 milioni, il che ne fa una delle aziende innovative più finanziate in Italia e in Europa. «Un bel successo ma anche una grande responsabilità», commenta Daprà, una laurea triennale in Finanza in Bocconi nel 2005.
«Più si cresce, più aumentano l’attenzione ai risultati e la complessità dell’organizzazione. Il passaggio a una dimensione internazionale, inoltre, è un vero salto quantico e costringe a essere ancora più rigorosi nella gestione e nei processi».

Con sedi a Milano, Cagliari, Londra e Francoforte, Moneyfarm conta un team di oltre 120 professionisti e gestisce il patrimonio (830 milioni) di oltre 40.000 risparmiatori, con una crescita a doppia cifra. «Ci sono alcune costanti che ci accompagnano: la creazione di una solida cultura aziendale e il lavoro sul team, che è la prima variabile determinante per il successo», spiega Daprà. «A questo si aggiunge la scelta di avere una single platform per tutti i tre paesi in cui siamo presenti, che non è dettata solo da ragioni tecnologiche, ma è una strategia per portare il meglio di ognuno dei paesi negli altri due e non avere una localizzazione troppo accentuata». È già dunque ora di exit? «Per gli investitori finanziari è una prospettiva che ci deve essere, è normale, ma non credo che riguardi noi e sicuramente non me. Ho sempre detto che mi sarei sentito davvero un imprenditore nel momento in cui l’azienda fosse stata in grado di sostenersi da sola. Ancora non è così, ma ci siamo quasi, non c’è motivo per uscire ora».
 

di Francesco Elli

Ultimi articoli Persone

Vai all'archivio
  • Nonostante il lockdown, il mercato dell'aviazione privata e' decollato

    Supporto nell'emergenza, ma anche nuovi servizi anti Covid: cosi' Sea Prime, di cui e' ceo l'alumna Bocconi Chiara Dorigotti, non ha smesso di staccare le ruote da terra

  • Un bocconiano nel Golfo

    Davide Cichero e' advisor del ministro del ministro di Stato degli Emirati Arabi Uniti. Una carriera in Medio Oriente iniziata in Arabia Saudita nell'ambito del G20. E che e' solo all'inizio

  • L'autobus flessibile riaccende i motori dopo il lockdown

    Andrea Incondi, managing director per l'Italia di Flixbus e alumnus Bocconi racconta quali strategie hanno permesso all'azienda di trasformarsi nella realta' europea che e' oggi e di ripartire dopo lo stop forzato di inizio 2020

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31