Il giusto orizzonte temporale
PERSONE |

Il giusto orizzonte temporale

MATTIA D'ALESSANDRA HA LASCIATO IL LAVORO IN UNA GRANDE BANCA PER LANCIARE LOANXCHAIN, PRIMO MARKETPLACE MULTILATERALE PER IL MERCATO SECONDARIO DEL CREDITO

Mattia D’Alessandra, poco dopo la laurea magistrale in finanza conseguita in Bocconi, era un giovane con un’importante esperienza all’estero (e più precisamente a Chicago) e un lavoro con ottime prospettive in Deutsche Bank. Una posizione che tanti si sarebbero tenuta ben stretta, ma che lui non ha esitato ad abbandonare per seguire un’idea e costruirci intorno la sua startup: «Sentivo di doverlo fare», spiega ora. «È come un richiamo: vedi l’opportunità e non gli ostacoli».
La «chiamata» ha le sembianze tecnologiche di una piattaforma digitale basata sulla tecnologia blockchain, da qui il nome della start-up: LoanXchain, primo marketplace multilaterale per il mercato secondario del credito.
Si tratta di un sistema utile a connettere in modo diretto e digitalizzato istituzioni creditizie (sia player tradizionali che digital lender) e investitori istituzionali (in primo luogo fondi di private debt) a livello europeo. Finanza da un lato, dunque, e tecnologia dall’altro: «L’intuizione giusta è stata puntare sulla tecnologia blockchain, studiarla e contribuire a migliorarla. Tanto che quando siamo andati alla loro prima convention mondiale a Londra abbiamo scoperto che ci conoscevamo tutti».

Una bella iniezione di fiducia, specialmente per un’impresa che prevedeva tempi di sviluppo non immediati: «Il primo anno è stato di team building, fundraising e costruzione del network di partner e subject-matter expert necessario a stressare l’idea e migliorarla. L’anno successivo, invece, è stato dedicato a programmazione e ampliamento del network. Ora siamo davanti alla parte più commerciale».
Ma le ambizioni di Mattia guardano più in là: «Come giovane, mi piacerebbe contribuire a cambiare il paese, a farlo rinascere. Non sto pensando a grandi gesti, semplicemente partire dal proprio lavoro, dare il meglio e convincere altri a fare altrettanto». Obiettivo non da poco, ma che può valere da esempio per tanti. «Un consiglio?», suggerisce Mattia. «Studiare come si fa una start-up, quali sono gli step da seguire. E darsi il giusto orizzonte temporale: almeno due anni, solo per capire se l’idea ha senso o meno. Poi si combatte. E se non è questa la volta buona… sarà la prossima!».
 

di Emanuele Elli

Ultimi articoli Persone

Vai all'archivio
  • La soluzione e' nei dettagli

    Il Covid19 siamo noi, la sua forza e' nei nostri comportamenti, la sua possibilita' di diffondersi dipende dalle molteplici variabili che caratterizzano le nostre citta'. Per questo, non solo e' difficile fare previsioni semplicistiche, ma e' necessario adottare un approccio multidisciplinare, racconta la direttrice del One Health Center della Florida e membro dello Iac Bocconi, Ilaria Capua

  • Il virus si vince con la contaminazione. Dei saperi

    Ne e' convinta Alessia Melegaro, demografa e direttore del Covid Crisis Lab. Una contaminazione e un network che devono essere costruiti in tempo di pace perche' e' difficile da improvvisare durante l'emergenza. Ecco perche' il nuovo Lab e' prima di tutto un modello perche' oggi abbiamo una parola che ci accomuna che e' Covid, ma domani potrebbero essere anche altre

  • Giorgio Sacerdoti decidera' nella controversia tra Ue e Ucraina

    Il professore della Bocconi, insieme ad altri due membri, chiamato a decidere in merito al blocco dell'esportazione di legname deciso dall'Ucraina

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31