Quando il collega prende un'altra strada e se ne va
OPINIONI |

Quando il collega prende un'altra strada e se ne va

LA NATURA SEMPRE PIU' COLLABORATIVA DEL MONDO DEL LAVORO COMPORTA CHE LE DIMISSIONI DI UNA PERSONA ABBIANO RIPERCUSSIONIA VARI LIVELLI DELL'ORGANIZZAZIONE. MA PUO' ANCHE SIGNIFICARE NUOVE POSSIBILITA' DI CARRIERA E LA FORMAZIONE DI NUOVE RELAZIONI

di Tracy Anderson, assistant professor presso il Dipartimento di management e tecnologia

La decisione di lasciare un'azienda non influisce solo sulla carriera di chi se ne va, ma può avere un impatto significativo anche sul futuro di chi rimane in azienda.
In passato, avere una carriera di successo significava spesso farsi strada attraverso una gerarchia di incarichi all'interno di una singola azienda. Oggi, tuttavia, le carriere si sviluppano generalmente attraverso organizzazioni diverse. Gli individui che ora entrano nel mercato del lavoro si aspettano di cambiare aziende nel corso della loro carriera, come molti prima di loro.
I dipendenti si spostano tra le organizzazioni per molte ragioni. Alcuni si muovono per motivi personali, non legati al lavoro. Altri sono alla ricerca di opportunità di carriera e ricompense che non sono disponibili - o almeno non facilmente accessibili - all'interno della loro attuale organizzazione. Un nuovo lavoro con un nuovo datore può offrire nuove sfide e opportunità di apprendimento e sviluppo. Almeno all’inizio, tuttavia, coloro che si spostano possono avere difficoltà a raggiungere i risultati precedenti.  A mancare sono sia la conoscenza del nuovo ambiente, sia le relazioni con i colleghi che possono contribuire a migliorare la performance. E comunque, a dispetto di tutto ciò, il passaggio da un datore di lavoro all'altro può servire a ottenere una retribuzione più elevata.
Molte ricerche hanno preso in considerazione e fornito prove di tali effetti per gli individui che si spostano, ma che dire di coloro che rimangono? Quali sono le implicazioni della mobilità altrui per le carriere dei dipendenti che rimangono nell'organizzazione? I primi studi che hanno preso in considerazione questo argomento hanno evidenziato come uno spostamento possa lasciare posizioni non coperte e ridurre il numero di persone in competizione per le future opportunità di crescita. In questo caso, la mobilità dei dipendenti può aumentare le opportunità di promozione di coloro che hanno profili organizzativamente simili e che rimangono.
La tradizionale copertura di posti di lavoro vacanti è meno comune e meno rilevante di una volta, in quanto le organizzazioni sono meno gerarchiche e il lavoro è sempre più basato su progetti. Questo non vuol dire che le carriere dei dipendenti che rimangono siano meno influenzate dall'uscita di altri - anzi, c'è ragione di credere che le ripercussioni della mobilità dei dipendenti possano essere più forti oggi.
La mobilità dei lavoratori smaglia la rete sociale all'interno di un'organizzazione. I colleghi che in precedenza si affidavano a coloro che ora sono partiti per chiedere aiuto, consiglio e supporto possono soffrire. Possono avere difficoltà a mantenere il loro livello di prestazioni lavorative, il che può ostacolare la loro progressione di carriera. Possono sentirsi meno sostenuti e quindi meno coinvolti nell'organizzazione, e potrebbero dunque prendere in considerazione a loro volta l’idea di lasciarla.  La natura sempre più collaborativa del mondo del lavoro significa che queste conseguenze dirompenti della mobilità dei dipendenti possono essere avvertite in tutta l'organizzazione, non solo da coloro che condividono gli stessi percorsi di carriera. 

Molti datori di lavoro stanno cercando di abbattere le barriere organizzative e di incoraggiare la forza lavoro a sviluppare relazioni di collaborazione che abbraccino divisioni, dipartimenti, funzioni e aree geografiche. Tutto ciò viene fatto nella speranza di migliorare la condivisione della conoscenza, la creatività e l'innovazione, e tuttavia, in questo modo, le ripercussioni della mobilità dei dipendenti non sono più circoscritte dai tradizionali confini.
Ma non ci sono solo cattive notizie. Anche se la mobilità dei dipendenti ha alcune conseguenze negative per coloro che rimangono, non mancano neppure le conseguenze favorevoli. L’alterazione dei social network può avere un lato positivo. Può spingere chi rimane in azienda a cercare e stabilire nuove relazioni con gli altri all'interno dell'organizzazione. Questo può stimolare l'apprendimento e la ricombinazione delle conoscenze in modi che altrimenti non avrebbero potuto avere luogo. E questo può essere vantaggioso sia per i dipendenti che rimangono, sia per il loro datore di lavoro.

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Analisti e investitori penalizzano la diversity

    Le previsioni di utile per azione e il denaro impiegato dagli operatori istituzionali sono sistematicamente inferiori per le imprese target con il top management piu' diversificato

  • La mHealth piace piu' ai dottori che ai pazienti

    Le app mediche finalizzate a monitorare il processo di cura non decollano, anche perche' non sono progettate insieme agli utilizzatori e se ne fa un uso di tipo amministrativo

  • I tre diversi modelli legali delle tre forme di relazione

    Le tante analogie nella regolamentazione di matrimonio, unione civile e convivenza non devono suggerire che si tratti di differenti tipologie della stessa fattispecie

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31