Una guida allo studio e al lavoro all'estero
DIDATTICA |

Una guida allo studio e al lavoro all'estero

LA RISORSA ONLINE PER GLI STUDENTI BOCCONI INFORMA SUL MONDO DEL LAVORO E DEGLI AFFARI, CON SUGGERIMENTI SU CHE COSA FARE E NON FARE IN AZIENDA

«Un'esperienza internazionale durante l'università non è più solo un’opzione interessante, ma una scelta con un profondo impatto sulla vita e sull’esperienza professionale di chi la fa», afferma Stefano Caselli, prorettore per gli Affari internazionali della Bocconi, nella sua introduzione a International Career: Interactive Country Guides, una risorsa online per studenti Bocconi (disponibile sulla piattaforma BBoard) progettata da Career Services e BUILT, Bocconi University Innovations in Learning and Teaching.
 
La risorsa ha lo scopo di fornire agli studenti approfondimenti e informazioni sulle destinazioni di studio e di lavoro in tutto il mondo. Quando scegliete la vostra destinazione dalla lista o dal globo che ruota in homepage, vi vengono presentati una scheda paese, informazioni sui programmi di scambio e stage Bocconi, un breve video e informazioni sul mondo degli affari e le abitudini lavorative, compresa una lista di cose da fare e non fare sul posto di lavoro. Lo sapevate, ad esempio, che in Scandinavia è preferibile evitare di parlare ad alta voce o gesticolare e che in Sud Africa si dovrebbe scrivere in modo molto diretto, per evitare che ambiguità e vaghezza alimentino il sospetto di inaffidabilità?
 
I video comprendono sempre un'introduzione a cura di un esperto del Career Services e un Alumnus Bocconi che testimonia la propria esperienza nel paese.
 
Dall'inizio dell'anno accademico è disponibile una prima serie di guide sull’Europa (Benelux, Francia, Germania, Scandinavia, Spagna, Svizzera e Regno Unito) e su Africa e Medio Oriente (Sud Africa, Emirati Arabi Uniti e Uganda); seguiranno le guide sulle Americhe e la regione Asia-Pacifico.
 
Nella sua introduzione Stefano Caselli elenca anche le ragioni per cui tutti dovrebbero fare un'esperienza all'estero: permette di costruire una rete internazionale, cattura l'attenzione dei selezionatori, amplia le conoscenze e costringe ad uscire dalla propria zona di comfort - qualcosa che si dovrà prima o poi fare se si vuole entrare nel mercato del lavoro.
 
Inoltre, dice Fulvio Guarneri, presidente e amministratore delegato di Unilever Italia, che testimonia i benefici delle esperienze internazionali, «queste esperienze ti rendono una persona migliore», e questo non ha prezzo.

di Fabio Todesco

Ultimi articoli Didattica

Vai all'archivio
  • Le professioni del futuro? Creative, tecnologiche e, soprattutto, sostenibili

    Un progetto di Mind coinvolge i partecipanti all'Executive Master in Finance e una selezione di studenti dei corsi della Scuola Graduate. Il compito loro affidato e' definire come saranno le aziende nei prossimi anni e di quali nuove figure professionali avranno bisogno

  • Cliniche legali, al via la selezione per il prossimo anno accademico

    Il 22 giugno la presentazione della seconda edizione e l'apertura delle candidature. Melissa Miedico racconta cosa fanno gli studenti impegnati in questo delicato progetto

  • Master in Finance, Bocconi 7a al mondo nella classifica FT

    L'ateneo si conferma nella top 10 mondiale, guadagnando anche una posizione, nel ranking 2020 di Financial Times dei migliori master in Finance

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31