Il questionario di Ferdinando Bocconi
PERSONE |

Il questionario di Ferdinando Bocconi

INTERVISTA A SEVERINO SALVEMINI

Ad un certo periodo della mia vita, al secondo anno degli studi universitari, facevo l’assistente ai fotografi del Gruppo Mondadori nell’allora palazzina di via Bianca di Savoia, vicino alla Bocconi. Il mio mito era Ugo Mulas, fotoreporter con grande senso estetico, rigorosamente bianco&nero. Mi sarebbe molto piaciuto diventare un professionista come Mulas. Ma poi il senso del dovere (… e le pressioni dei genitori lontani…) mi hanno riorientato sulla laurea bocconiana. Ed eccomi qui.

Musica, libri e film: quali associ alla tua esperienza bocconiana?
Mi sono laureato nel 1974. I primi anni Settanta – i miei anni della Bocconi come studente – sono gli anni di Hotel California degli Eagles, di Life on Mars? di David Bowie, come musica; sono gli anni di Sacco & Vanzetti di Montaldo, di Soldato Blu di Raph Nelson, dei film di Monicelli; sono gli anni di Cent’anni di solitudine di Garcia Marquez ma anche di Porci con le ali di Ravera e Lombardo Radice. In quel periodo, per me importante è stata la scoperta del jazz a Milano. Da Night in Tunisia di Charlie Parker o da Kind of Blue di Miles Davis non mi sono separato più.
Di tutte le persone conosciute tramite la Bocconi chi porteresti in viaggio con te e dove?
Il mio amico e collega Angelo Cardani, l’ironia fatta a persona. In Norvegia, alle isole Lofoten, dove starebbe sicuramente a smadonnare tutto il tempo per il troppo freddo.
Se la Bocconi fosse un piatto quale sarebbe?
Un soufflé al formaggio, che lievita e lievita…
Qual è il tuo eroe? E quando studiavi in Bocconi?
Fabrizio De Andrè, poeta, musicista, con predilezione per i pastelli e le matite della Faber-Castell, giustamente maudit e deviante, ma profondamente rispettoso della giustizia e delle regole civili. Vogliamo trovare qualcosa meglio di Crêuza de mä?
Di cosa sei più orgoglioso della tua vita privata?
Della capacità di conciliare estro e razionalità.
E di quella professionale?
Di una cosa simile: la possibilità di partecipare, senza troppi fallimenti, al percorso accademico e contemporaneamente a quello creativo.
Se fossi il protagonista di una favola chi vorresti essere?
Visto che ne ho la possibilità, mi piacerebbe per una volta fare il re. Non credo che sia così male come spesso si sostiene…
Di cosa non faresti mai a meno?
Dell’Italia.  La vita è troppo breve per non essere Italiani.
La Bocconi per te è...
Ciò che mi ha permesso di sbarcare il lunario, e anche di rispondere a questo questionario.
 

di

Ultimi articoli Persone

Vai all'archivio
  • La soluzione e' nei dettagli

    Il Covid19 siamo noi, la sua forza e' nei nostri comportamenti, la sua possibilita' di diffondersi dipende dalle molteplici variabili che caratterizzano le nostre citta'. Per questo, non solo e' difficile fare previsioni semplicistiche, ma e' necessario adottare un approccio multidisciplinare, racconta la direttrice del One Health Center della Florida e membro dello Iac Bocconi, Ilaria Capua

  • Il virus si vince con la contaminazione. Dei saperi

    Ne e' convinta Alessia Melegaro, demografa e direttore del Covid Crisis Lab. Una contaminazione e un network che devono essere costruiti in tempo di pace perche' e' difficile da improvvisare durante l'emergenza. Ecco perche' il nuovo Lab e' prima di tutto un modello perche' oggi abbiamo una parola che ci accomuna che e' Covid, ma domani potrebbero essere anche altre

  • Giorgio Sacerdoti decidera' nella controversia tra Ue e Ucraina

    Il professore della Bocconi, insieme ad altri due membri, chiamato a decidere in merito al blocco dell'esportazione di legname deciso dall'Ucraina

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31