Una donazione in nome della difesa del pianeta
PERSONE |

Una donazione in nome della difesa del pianeta

L'ALUMNA ALICE BORDINI STADEN, DEVELOPMENT BOARD MEMBER DI CLIENT EARTH, SOSTIENE IL CENTRO DI RICERCA GREEN DELLA BOCCONI

“Ci sono consapevolezza e interesse intorno a temi come il climate change, la desertificazione e il benessere del pianeta in generale. Quello che manca, purtroppo, sono le azioni concrete”. Il grido d’allarme è quello di Alice Bordini Staden, laurea al Clefin dell’Università Bocconi nel 1997, una carriera a Londra nella finanza e oggi development board member di Client Earth, una ong con sede nella capitale del Regno Unito composta da avvocati ed esperti ambientali che si batte, attraverso la forza della legge, per difendere la salute della Terra. “Ho scelto la Bocconi, e in particolare il Clefin che era alla sua seconda edizione, perché ero affascinata dai mercati finanziari”, racconta Alice Bordini, “e infatti subito dopo la laurea ed il master Cems a Barcellona mi sono trasferita a Londra dove ho iniziato la mia carriera”.
Vent’anni trascorsi con incarichi sempre crescenti nella gestione dei funds of hedge funds, fino a fondare una propria società, la GLC Advisors Ltd.

Nell’ultimo anno il suo focus si è spostato dalla gestione dei fondi hedge al climate finance, con un ambito che spazia dagli investitori ai corporates alla policy. “Lavoro con investitori istituzionali per aiutarli ad esercitare i loro diritti e doveri di responsible ed engaged investors con le società chiave in questo dibattito, come pure con i policy makers per il loro ruolo essenziale nella predisposizione di un framework sostenibile”, spiega.

L’azione di Alice a favore dell’ambiente non si limita però all’ambito professionale: “Da anni io e mio marito supportiamo iniziative scientifiche ed educative in questo campo attraverso donazioni”, dice, “tra le quali quella a favore del Green, il centro di ricerca della Bocconi sulla geografia, le risorse naturali, l’ambiente, l’energia e le reti nato con lo scopo di condurre e promuovere ricerche sui fenomeni socio-economici che riguardano il cambiamento climatico, i trasporti, la politica ambientale e l’analisi dei mercati dell’energia”. (Nella foto, a destra Alice Bordini Staden e, a sinistra, Valentina Bosetti, responsabile dei progetti sui cambiamenti climatici sostenuti dalla donazione).
 

di Davide Ripamonti

Ultimi articoli Persone

Vai all'archivio
  • La soluzione e' nei dettagli

    Il Covid19 siamo noi, la sua forza e' nei nostri comportamenti, la sua possibilita' di diffondersi dipende dalle molteplici variabili che caratterizzano le nostre citta'. Per questo, non solo e' difficile fare previsioni semplicistiche, ma e' necessario adottare un approccio multidisciplinare, racconta la direttrice del One Health Center della Florida e membro dello Iac Bocconi, Ilaria Capua

  • Il virus si vince con la contaminazione. Dei saperi

    Ne e' convinta Alessia Melegaro, demografa e direttore del Covid Crisis Lab. Una contaminazione e un network che devono essere costruiti in tempo di pace perche' e' difficile da improvvisare durante l'emergenza. Ecco perche' il nuovo Lab e' prima di tutto un modello perche' oggi abbiamo una parola che ci accomuna che e' Covid, ma domani potrebbero essere anche altre

  • Giorgio Sacerdoti decidera' nella controversia tra Ue e Ucraina

    Il professore della Bocconi, insieme ad altri due membri, chiamato a decidere in merito al blocco dell'esportazione di legname deciso dall'Ucraina

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31