Perche' le donne in politica servono e andrebbero aumentate
OPINIONI |

Perche' le donne in politica servono e andrebbero aumentate

SOTTORAPPRESENTATE QUASI IN TUTTI I PAESI, GLI STUDI DIMOSTRANO CHE SONO PIU' COLLABORATIVE E MENO CORRUTTIBILI. GLI STRUMENTI PER AUMENTARE LA PRESENZA FEMMINILE CI SONO. RESTA DA CAPIRE SE ESISTE REALMENTE ANCHE LA VOLONTA' DI FARLO

di Alessandra Casarico, associato presso il Dipartimento di scienze sociali e politiche

La disuguaglianza tra uomini e donne in ambito politico è maggiore rispetto a quella che si osserva nella partecipazione economica. Secondo il Global Gender Gap Index (World Economic Forum, 2018), nella media dei 150 paesi considerati nel rapporto annuale, solo il 22% delle differenze tra uomini e donne è stato colmato, a fronte del 59% nella partecipazione economica (immaginando che 100 rappresenti la perfetta uguaglianza). In Europa, le donne rappresentano in media il 30% dei politici nei Parlamenti e il 29,5% nei governi. Nel Parlamento europeo, sono circa il 36% del totale, una rappresentanza femminile maggiore rispetto a quella osservata in ciascuno dei parlamenti nazionali, con l’eccezione di Belgio, Danimarca, Portogallo, Lituania, Bulgaria, Estonia e Cipro.
Non c’è un’unica ragione che spiega la bassa presenza femminile nelle istituzioni politiche, quanto piuttosto una serie di ostacoli da superare nel processo di selezione che porta alla carica elettiva. Innanzitutto, le donne stesse potrebbero non essere disponibili o interessate alla competizione politica, per esempio perché non hanno role models a cui guardare.

Oppure soffrono più degli uomini della mancanza del tempo necessario per potersi dedicare all’attività politica, essendo più impegnate nel lavoro non pagato. Da ultimo, potrebbero pensare di avere meno prospettive di successo, con un impatto negativo sulla volontà di candidarsi. Anche i partiti giocano però un ruolo importante: potrebbero infatti decidere di non candidare donne nelle loro liste o candidarle unicamente nei seggi dove le probabilità di vittoria sono inferiori. I votanti, infine, se hanno la possibilità di esprimere una preferenza, possono decidere se votare per un candidato uomo o donna, determinando la composizione per genere degli eletti.
Perché i numeri della rappresentanza politica contano? Le donne sono circa la metà dell’elettorato ed un’equa rappresentanza richiede che abbiano la metà delle posizioni decisionali. Ma non è solo una questione di numeri. Ci sono studi che dimostrano che le donne in politica sono più collaborative e meno soggette a corruzione. Per i paesi in via di sviluppo, c’è evidenza empirica che le donne in politica svolgano la funzione di role models per le ragazze, che sono incentivate ad investire di più su loro stesse per guadagnare spazi nell’economia e nella società. Più controversa è l’evidenza empirica sull’impatto che le donne in politica hanno sulle scelte in termini di politiche pubbliche: mentre per alcuni contesti ci sono studi che dimostrano che le donne destinano maggiori risorse a istruzione, ambiente e salute, in altri la rappresentanza femminile non si traduce nell’effettiva rappresentanza di interessi diversi da parte delle donne. La questione non è quindi solo quante donne ci sono in politica ma anche come possono arrivare a fare la differenza nei processi decisionali relativi alla cosa pubblica; incrementarne il numero è però il primo passaggio. Come ottenere questo risultato?
Le quote di rappresentanza di genere sono uno strumento spesso utilizzato a questo scopo: sono presenti in molti paesi europei; in alcuni casi sono fissate volontariamente a livello di partito, in altri prescritte dalla legge. Possono riguardare il livello locale oppure quello nazionale. Sebbene diffuse e sperimentate da tempo, continuano ad essere considerate nel dibattito di policy uno strumento controverso. Cosa sappiamo dell’efficacia delle quote? La ricerca ci dice che in Italia, per esempio, dove sono state usate per un breve periodo negli anni Novanta e di nuovo a partire dal 2013 nelle elezioni comunali, le quote hanno aumentato il numero di donne nei consigli municipali, hanno ringiovanito la classe politica, hanno incrementato la percentuale di votanti e, soprattutto, hanno aumentato la qualità dei politici eletti.

In un recente lavoro abbiamo mostrato come la doppia preferenza di genere - un altro strumento che può essere utilizzato per aumentare la rappresentanza femminile in politica - abbinata alle quote aumenti la presenza femminile nei consigli comunali, grazie al maggior numero di voti di preferenza espressi per le donne, e abbia degli effetti di spillover sui voti per candidate donne nei consigli regionali, non sottoposti alla legge che vincola invece le elezioni comunali.
Gli strumenti per aumentare la presenza femminile in politica ci sono, le ragioni per farlo anche. Occorre la volontà di innescare o rafforzare questo cambiamento.
 

Ultimi articoli Opinioni

Vai all'archivio
  • Quando arte e moda si toccano

    Dalla sponsorizzazione di mostre a forme piu' estreme di ibridazione, come per esempio la creazione di edizioni limitate di prodotti, l'incontro tra i due mondi separati porta benefici e riconoscimenti a entrambi

  • Quando funziona (e quando no) l'affiliazione

    Essere riconosciuti e associati a un incumbent di alto livello per chi fa il suo ingresso in un settore e' un segnale positivo perche' ne certifica la qualita' di fondo. Non e' cosi' pero', per esempio, per le nuove band che partecipano come supporter agli eventi live di artisti storici. Uno studio spiega il perche'

  • L'insostenibile peso del passato

    L'esperienza e il background professionale, soprattutto se fallimentari, dei membri dei consigli di amministrazione sono tenuti in grande considerazione dai mercati dei capitali. Uno studio dimostra che tale esperienza e' associata a un aumento dello spread di credito di 20,4 punti base e a una diminuzione della dimensione delle obbligazioni del 22,6% in media

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30