Perche' la fine del Qe non abbassera' la liquidita'
CAMPUS |

Perche' la fine del Qe non abbassera' la liquidita'

NE DISCUTE CARLO ALTOMONTE A MORNING CALL, LA VIDEORUBRICA DEL SOLE 24 ORE TV

Dopo un anno e mezzo di politiche espansive, caratterizzate da tassi bassi e iniezioni di liquidità, il mese di dicembre segnerà la fine del quantitative easing. La Bce, dunque, finirà di acquistare debito pubblico in quantità prefissate ogni mese: dall’inizio dell’intervento 80 mld, poi diventati 60, poi 30 e infine 15. La maggiore liquidità di questi mesi ha supportato l’economia, abbassando i tassi e facilitando il credito per famiglie e imprese. La fine del Qe, però, manterrà il capitale circolante invariato: a oggi è quattro volte il capitale precedente alla misura. La BCE, spiega Carlo Altomonte, professore di economia dell'integrazione europea, a Morning Call, si è impegnata a mantenere gli investimenti esistenti, i titoli a scadenza, quindi, verranno riacquistati per mantenere invariata la liquidità.

Clicca qui o sull'immagine per guardare la puntata



di Andrea Celauro

Ultimi articoli Campus

Vai all'archivio
  • Chi colpisce veramente l'Iva

    Francesco Daveri, ospite di Morning Call, discute degli effetti dell'aumento dell'imposta

  • Come si difendono le frontiere senza ignorare gli obblighi umanitari?

    Ne parla Graziella Romeo in questa puntata di Morning Call, la videorubrica del Sole 24 Ore Tv

  • Longo tra i saggi che ripenseranno la sanita' lombarda

    Il docente del Cergas e' stato chiamato dall'assessore regionale Gallera a far parte di un comitato di esperti che fornira' consulenza su alcune tematiche chiave di politica sanitaria

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31