LIBRI |

Internet non e' la risposta

LUNGI DALL'ESSERRE LO STRUMENTO CHE AVREBBE DOVUTO GARANTIRE UNA MAGGIORE DEMOCRAZIA INTERNET HA AUMENTATO LE DISUGUAGLIANZE E INCORAGGIATO IL DOMINIO DEI TEPPISTI. A DIRLO E' ANDREW KEEN NEL SUO LIBRO PER EGEA

Sarebbe dovuta essere la risposta giusta, capace di risolvere i tanti problemi che attanagliano la società. Ma cos’è veramente Internet e soprattutto ha mantenuto le promesse dei suoi ferventi sostenitori, tra cui i miliardari della Silicon Valley, gli agenti del marketing dei social media e gli idealisti della vita interconnessa? La risposta secondo uno dei più famosi e discussi guru di Internet, Andrew Keen, è “no” e la si trova argomentata attraverso la riflessione critica sul mondo digitale nel suo nuovo libro “Internet non è la risposta” (Egea 2018; 248 pagg.; 10,90 euro; 3,99 e-pub).
 
Internet, pensato come lo strumento capace di democratizzare gli aspetti positivi dell’umanità e disgregare quelli negativi, creando un mondo più aperto e paritario, in realtà si è dimostrato la ragione primaria della crescente disparità tra ricchi e poveri e del depauperamento della classe media.

“Invece di creare maggior ricchezza diffusa”,  si legge nel libro di Keen, “il capitalismo distribuito della nuova economia interconnessa ci sta impoverendo. Lungi, per esempio, dal creare nuovi posti di lavoro, è questa disgregazione digitale la principale causa della crisi strutturale dell’occupazione”.

Con la sua grande capacità di narrazione, l’autore ci propone dati e storie che evidenziano come gli aspetti negativi dell’economia mobile superino di gran lunga quelli positivi, spesso del tutto auto-evidenti: “Sicuramente non sarei riuscito a scrivere questo libro senza i miracoli della posta elettronica e del web”.
La risposta giusta allora non è Internet che va rafforzando il dominio dei teppisti e che invece di incoraggiare la tolleranza ha scatenato una disgustosa guerra … “senza affatto favorire un nuovo rinascimento, Internet ha creato piuttosto la cultura del voyeurismo e del narcisismo centrata sui selfie… anziché portarci felicità, ci rende sempre più arrabbiati” sostiene Keen.

Il punto è rinunciare, con fatti alla mano, alla fascinazione degli evangelisti di Internet e ripartire dalle evidenze che dicono che Internet non è la risposta giusta. Almeno non ancora. Almeno fino a quando non avremo affrontato la sfida di dare una forma corretta ai nostri strumenti in rete prima che siano loro a plasmarci.
Ed è lo stesso Keen che spiega il valore del suo lavoro. “E questo libro sintetizza le ricerche di molti esperti e amplia i contenuti dei miei volumi precedenti sul tema e ne spiega il perché”.
 
Andrew Keen è uno dei più famosi e discussi guru di Internet. Scrittore e imprenditore, ha pubblicato The Cult of the Amateur e ha già tradotto per Egea Vertigine digitale. Fragilità e disorientamento da social media.

Scarica la copertina online
Acquista il volume online

di Susanna Della Vedova

Ultimi articoli Libri

Vai all'archivio
  • BrandTelling

    Creare e accrescere il valore di un Brand sfruttando le potenzialita' tipiche dell'era digitale e dello storytelling. Ad affermarlo sono Francesco Giorgino e Marco Francesco Mazzu'

  • Futuro+Umano

    Il libro di Francesco Morace che riflette sulla necessita' della ridefinizione delle mappe del nostro pensare e del nostro agire, facendo leva sui dati come carburante per una nuova intelligenza, meno orientata a desideri immediati e impegnata invece nella costruzione di un mondo migliore

  • Che casino!

    In un mondo che ha un assetto ordinato, essere disordinati puo' avere aspetti benefici. Un'esplorazione dei veri vantaggi che il caos puo' portare nelle nostre vite nel libro per Egea di Tim Harford

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30