Una citta' a misura di bambino
OUTGOING |

Una citta' a misura di bambino

ELENA RAVIOLA, ALUMNA BOCCONI E DOCENTE DI MANAGEMENT AND ORGANIZATION, VIVE E LAVORA IN SVEZIA DAL 2005

Göteborg è la città dei bambini. Tutto è alla loro portata e l’organizzazione famigliare ne trae beneficio. A ogni angolo della città si incontra un parco giochi e la vita open air non conosce limiti: esistono asili in cui i bambini passano la maggior parte del tempo all’aperto, anche durante l’ora del riposo, in qualsiasi condizione atmosferica. Göteborg è la città in cui anche la cultura è a misura di bambino. La biblioteca civica, ospitata in un nuovo edificio realizzato in vetro per ottimizzare l’illuminazione naturale anche durante i mesi invernali, ha un’area interamente dedicata all’infanzia, in cui poter leggere e prendere parte a laboratori e attività didattiche. Liseberg, il maxi luna park, è un luogo incantato, soprattutto durante l’inverno quando le mille luci lo rendono magico. Universum, il museo della scienza finanziato da fondi pubblici e privati, è un’esperienza straordinaria: in questo mega spazio è stata ricostruita una foresta tropicale con insetti, uccelli, rane. Qui, si sono state allestite anche un’ocean zone con squali, razze, pesci della barriera corallina e un’area dedicata agli esperimenti scientifici.

E’ un luogo in cui prendersi una pausa dalla quotidianità e passare la giornata come sospesi nel tempo. Se la vita a Göteborg è entusiasmante per i bambini, il suo fascino contagia anche gli adulti che possono apprezzarne le abitudini, in particolare nelle occasioni di convivialità. Intorno alla tavola si cadenza il trascorrere dell’anno o il ritmo dei weekend. Durante le feste comandate ci si ritrova per mangiare aringhe e patate bollite, il tutto accompagnato dagli snaps, ossia acquavite servita in piccoli bicchieri e consumata in abbondanza. Questo è il menù proposto a Natale e a Pasqua, ma anche durante la Festa di mezz’estate che celebra l’arrivo della stagione più calda e si celebra il terzo sabato di giugno: un evento di origini pagane in cui bambini e adulti, con il capo adornato di fiori, danzano intorno a un palo, come in un rituale.  I gamberoni sono gli altri grandi protagonisti della tavola locale e, tradizionalmente, a fine estate si organizzano cene tra amici e famigliari in cui si fanno grandi scorpacciate di questi crostacei. E poi ci sono le aragoste, ottime quando sono cucinate con l’acqua di mare, che vengono catturate durante l’autunno, anche da pescatori dilettanti, con l’antica tecnica delle nasse appoggiate sul fondale marino. Queste vivono soprattutto nell’arcipelago a nord di Göteborg, dove si trova Fiskebäckskil, la cittadina in cui molti svedesi si recano durante i weekend per cimentarsi con la barca a vela.
 
Elena Raviola, laureata nel 2004 al Cleacc in Bocconi, si è trasferita nel 2005 in Svezia per vivere prima a Jönköping e poi a Göteborg dove è professore associato nella sezione Management & Organization presso l’università della città. Insegna e fa ricerca nell’ambito del cambiamento dell’organizzazione del lavoro professionale, in particolare di quello giornalistico, di conseguenza all’evoluzione tecnologica e alla robotizzazione.
 

di a cura di Allegra Gallizia

Ultimi articoli Outgoing

Vai all'archivio
  • Al centro d'Europa, la Mainhattan tedesca

    Tra business e creativita', Davide Lunghi, alumnus chapter leader BAA, racconta la vita nella citta' sul Meno

  • Marco e le stagioni di Berlino

    Una citta' giovane, che ama divertirsi e che in estate si trasforma. L'alumno Marco Esposito racconta i suoi primi cinque anni nella capitale tedesca

  • Rio de Janeiro tra incontri artistici ad Arpoador e omaggi alla dea Yemanja

    Nella megalopoli brasiliana l'alumna Elsa Ravazzolo dirige una galleria d'arte che lancia giovani talenti

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31